Litorale austriaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Litorale Adriatico)
Litorale austriaco
Wappen Österreichisches Küstenland.png Österreichisches Küstenland flag.png
Informazioni generali
Nome ufficiale Küstenland
Nome completo Österreichisches Küstenland
Capoluogo Trieste
178.599 abitanti (1900)
Altri capoluoghi Gorizia
Parenzo
Dipendente da Flag of the Habsburg Monarchy.svg Impero Austriaco
Suddiviso in Città imperiale di Trieste
Contea di Gorizia e Gradisca
Margraviato d'Istria
Amministrazione
Forma amministrativa Kronland
Evoluzione storica
Inizio 1849 con Friedrich Moritz von Burger
Causa Reazione ai moti del 1848
Fine 1919
Causa Trattato di Saint-Germain
Preceduto da Succeduto da
Regno d'Illiria Venezia Giulia
Cartografia
Kuestenland Donaumonarchie.png
Litorale austriaco 1897.jpg

Il Litorale austriaco (österreichisches Küstenland in tedesco, Litorâl Austriac in friulano, Avstrijsko primorje in sloveno, Austrijsko primorje in croato, Tengermellék in ungherese) era una regione amministrativa dell'Impero austriaco, nata nel 1849 dalla soppressione del previgente Regno d'Illiria. Fu ricompreso anche nella Confederazione Germanica fintanto che essa esistette.

Confinava ad ovest con il Regno Lombardo-Veneto, a nord per un breve tratto con la Carinzia, ad est con la Carniola e a sudest con la Croazia. La provincia era ulteriormente suddivisa in tre länder autonomi: il territorio imperiale di Trieste, la Contea di Gorizia e Gradisca ed il Margraviato d'Istria, ciascuno dei quali aveva amministrazioni indipendenti sotto il controllo del governatore della regione che aveva sede a Trieste, capoluogo del Küstenland. Il primo Governatore del Litorale fu il conte Federico Maurizio Barone von Burger, sino al 1862. Il Litorale non possedeva una propria bandiera, in quanto tale territorio era una mera espressione dell'insieme dei tre länder citati, ciascuno invece dotato di propria bandiera. È frequente l'errore per il quale la bandiera dell'Istria viene attribuita all'intero Litorale.

La regione nel 1910 aveva una superficie di 7.969 km² e una popolazione di 894.568 composta in prevalenza da italiani, sloveni e croati.

Aree linguistiche nell'Impero Austro-Ungarico in base al censimento del 1910

Secondo il censimento del 1910 la Contea di Gorizia e Gradisca contava 154.564 sloveni, 90.146 italiani e 10.828 stranieri.

Trieste contava 118.959 italiani, 56.916 sloveni, 2.403 croati e 38.597 stranieri.

Il Margraviato d'Istria contava quindi 168.116 croati, 147.416 italiani, 55.365 sloveni e 17.135 stranieri.

In tutto il Litorale risiedevano inoltre 29.615 austriaci di lingua tedesca, per lo più funzionari di stato ed ufficiali dell’esercito[1].

Rimarchevole era anche la percentuale di stranieri, in massima parte italiani, attratti soprattutto dalle possibilità di lavoro offerte da Trieste e Pola. 38.597 stranieri vivevano a Trieste (dove molti - come per esempio il poeta Umberto Saba - erano nati e vissuti sempre in città), 10.828 a Gorizia e Gradisca e 17.135 in Istria, per un totale di 66.560: gli italiani - chiamati "regnicoli", in vari casi sposati con sudditi dell'Impero - erano all'incirca 50.000[2].

Nel marzo del 1921 gran parte della provincia venne annessa al Regno d'Italia (eccezion fatta per l'isola di Veglia e per alcune parti del retroterra fiumano nella zona di Castua, che non verranno annesse se non durante la seconda guerra mondiale) in base a trattati internazionali, dopo essere stata da questo occupata ed amministrata già dalla fine del 1918. Sotto il Regno d'Italia la regione fu ripartita nella Provincia di Gorizia, nella Provincia di Trieste, nella Provincia di Pola e nella Provincia di Fiume.

Col nome alquanto simile di zona d'operazioni del Litorale adriatico (in acronimo OZAK), essendo stata istituita col chiaro intento di una restaurazione secondo la memoria asburgica, nacque la zona militare e amministrativa del Reich nazista composta, a partire dal settembre 1943, dalle province tolte alla sovranità italiana di Udine, Gorizia, Trieste, Pola, Fiume più quella autonoma di Lubiana, e con a capo il Gauleiter della Carinzia Friedrich Rainer.

Cronotassi dei governatori del Litorale[modifica | modifica wikitesto]

  • 1849-1850: Johann von Grimschitz
  • 1863-1867: Ernst von Kellersperg
  • 1867-1868: Eduard von Bach
  • 1871-12 gennaio 1872: Sisino von Pretis Cagnodo
  • 1872-1874: Alois von Ceschi a Santa Croce
  • 1874-1879: Felix Pino von Friedenthal
  • 12 agosto 1879-1890: Sisino von Pretis Cagnodo
  • 1890-1897: Teodoro von Rinaldini
  • 1897-1904: Leopold von Goëss
  • 1904-1906: Konrad Maria Eusebius zu Hohenlohe Waldenburg Schillingsfürst
  • 1906-1915: Konrad Maria Eusebius zu Hohenlohe Waldenburg Schillingsfürst
  • 1915-1918: Alfred von Fries Skene

Dati statistici nel 1910[modifica | modifica wikitesto]

Superficie:

  • Gorizia e Gradisca: 2.918 km²
  • Istria: 4956 km²
  • Trieste: 95 km²

Popolazione:

  • Gorizia e Gradisca: 249.921 pertinenti e 10.828 stranieri = 260.749
  • Istria: 387.174 pertinenti e 17.135 stranieri = 404.309
  • Trieste: 190.913 pertinenti e 38.597 stranieri = 229.510
  • Popolazione totale: 828008 pertinenti e 66560 stranieri = 894.568

Densità:

  • Gorizia e Gradisca: 98 ab./km²
  • Istria: 81 ab./km²
  • Trieste: 2.415 ab./km²

Etnie (calcolate sul totale):

Trieste: 118.959 (51,83 %)
Istria: 147.416 (36,46 %)
Goriziano: 90.146 (34,57 %)
Trieste: 56.916 (24,79 %)
Istria: 55.365 (13,69 %)
Goriziano: 154.564 (59,27 %)
Trieste: 2.403 (1,04 %)
Istria: 168.116 (41,58 %)
Goriziano: 187 (0,07 %)
Trieste: 11.856 (5,16 %)
Istria: 13.279 (3,28 %)
Goriziano: 4.480 (1,71 %)
  • Stranieri: 66.560 (7,44 %)
Trieste: 38.597 (16,81 %)
Istria: 17.135 (4,23 %)
Goriziano: 10.828 (4,15 %)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boris Gombač, Atlante storico dell’Adriatico orientale, Bandecchi & Vivaldi editori, Pontedera 2007, ISBN 978-88-86413-27-5
  2. ^ Spezialortsrepertorium der österreichischen Länder. Bearbeitet auf Grund der Ergebnisse der Volkszälung vom 31. Dezember 1910, VII. Österreichisch-Illyrisches Küstenland, Wien 1918, p. 66; Franco Cecotti, Mobilità dei confini e modelli migratori: il caso della Venezia Giulia, p. 3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Venezia Giulia e Dalmazia Portale Venezia Giulia e Dalmazia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia Giulia e Dalmazia