Lista dei tipi di batterie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vari tipi di batterie: da sinistra, batteria da 4,5 volt, torcia (D), mezza torcia (C), stilo (AA), mini stilo (AAA), AAAA, A23, 9 volt, e due pile a bottone.

L'articolo elenca la nomenclatura, le dimensioni e le caratteristiche chimiche ed elettriche dei più comuni tipi di batterie (primarie - non ricaricabili - e secondarie, più correttamente definite accumulatori, ricaricabili), ad uso domestico ed industriale leggero; sono riportati inoltre tipi di batterie equivalenti. La grande quantità di tipi di batterie a secco disponibili evidenzia che nel tempo sono stati sviluppati molti standard, differenziati sia da parte dei costruttori che in ogni paese, prima che fossero emesse norme internazionali sulle caratteristiche chimiche, elettriche, dimensionali e costruttive. Attualmente norme tecniche per le dimensioni e le caratteristiche chimiche ed elettriche delle batterie sono pubblicate da organizzazioni come la Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC) e l'American National Standards Institute (ANSI). Alcuni tipi di batteria già presenti sul mercato sono stati inclusi negli standard internazionali data la loro ampia diffusione.

La nomenclatura per una batteria deve comprendere: le dimensioni, le caratteristiche fisiche, la chimica utilizzata, le modalità dei terminali di connessione ed altri particolari costruttivi; negli ultimi anni per alcuni tipi di batterie si è resa necessaria la diffusione di specifiche norme di utilizzo, che sono di particolare importanza sia per una maggiore durata delle batterie, sia per la sicurezza degli utilizzatori. Altro argomento importante riguarda lo smaltimento delle batterie giunte al termine della loro vita utile, infatti i materiali impiegati nella loro costruzione sono tutti inquinanti - in una misura che dipende dalla tecnologia chimica utilizzata e molti paesi possiedono normative sullo smaltimento e relativa legislazione, anche di carattere penale.

La dimensione di una batteria ed il suo formato non sono gli unici elementi da prendere in considerazione per la sua sostituzione; infatti le batterie possono avere caratteristiche differenti e l'intercambiabilità deve tenere conto di tutti i parametri disponibili.

Una batteria può essere costituita da una, due o più celle in un unico involucro, come - ad esempio - la 2CR5 (due celle al litio) o la 4LR44 (quattro cellule LR44), o la 1604 (batteria da 9 volt, che ha sei celle).

Chimica delle batterie[modifica | modifica sorgente]

La tensione terminale di una batteria (espressa in volt - V), dipende dalla tecnologia chimica che utilizza, e non dalla sua dimensione fisica che, diversamente, influenza la sua corrente (espressa in ampere - A). Ad esempio, le batterie primarie (ovvero, non ricaricabili) alcaline hanno una tensione nominale di 1,5 volt. Le batterie secondarie (ovvero, ricaricabili) al NiCd (nichel-cadmio) e al NiMH (nichel-metal idruro), tipicamente hanno una uscita di 1,25 volt per cella. Conseguentemente, una eventuale sostituzione di una batteria primaria con una di uguale forma e dimensione ma di tipo secondario, potrebbe in effetti impedire il regolare funzionamento di dispositivi destinati ad essere alimentati con batterie primarie, data la riduzione della tensione a disposizione.

Perciò, la denominazione completa della batteria individua non solo le dimensioni, la forma e la disposizione dei terminali di connessione elettrica della batteria, ma anche la chimica (e quindi la tensione per cella); ad esempio, una batteria CR123 è sempre con tecnologia chimica LiMnO2 ('litio') e, conseguentemente, con una tensione nominale di 3V.

Queste le principali batterie e relative tecnologie utilizzate (le batterie al mercurio sono citate per completezza, in quanto la loro produzione è cessata):

Batterie d'uso comune[modifica | modifica sorgente]

Batterie cilindriche[modifica | modifica sorgente]

Queste batterie sono tutte a cella singola.

Le alcaline o a zinco-carbone dànno ai morsetti circa 1,5 volt a cella se nuove, altri tipi ne possono dare da 1,2 (b. al nichel-cadmio) a 3,0 (b. al litio).

Nome comune Altri nomi Nome IEC 60086 Nome ANSI Capacità tipica (mAh) Note Immagine

con dimensioni e connessioni elettriche

AAA Mini stilo (Italia)
MN2400
MX2400
Tipo 286 (Russia)
UM 4 (Giappone)[1]
#7 (Cina)
LR03 (alcalina)
R03 (zinco-carbone)
FR03 (Li-FeS2)
24A (alcalina)
24D (zinco-carbone)
24LF (Li–FeS2)
1200 (alcalina)
540 (zinco-carbone)
800–1000 (Ni–MH)
Introdotta nel 1911, ma aggiunta come standard ANSI nel 1959. HW - Batteria AAA (Anonima) con Dimensioni e Connessioni.jpg
AA Stilo (Italia)
Mignon
MN1500
MX1500
Tipo 316 (Russia)
UM 3 (Giappone)
#5 (Cina)
LR6 (alcalina)
R6 (zinco-carbone)
FR6 (Li–FeS2)
HR6 (Ni-MH)
KR157/51 (NiCd)
ZR6 (Ni-Mn)
15A (alcalina)
15D (zinco-carbone)
15LF (Li–FeS2)
1.2H2 (NiMH)
10015 (NiCd)
2700 (alcalina)
1100 (zinco-carbone)
3000 (Li–FeS2)
1700–2900 (NiMH)
600–1000 (NiCd)
Introdotta nel 1907, ma aggiunta come standard ANSI nel 1947. HW - Batteria AA (Anonima) con Dimensioni e Connessioni.jpg
C Mezza torcia (Italia)
MN1400
MX1400
Tipo 343 (Russia)
UM 2 (Giappone)
LR14 (alcalina)
R14 (zinco-carbone)
KR27/50 (NiCd)
14A (alcalina)
14D (zinco-carbone)
8000 (alcalina)
3800 (zinco-carbone)
4500–6000 (NiMH)
Può essere rimpiazzata con una batteria AA, che possiede un'altezza quasi identica, preferibilmente usando un apposito involucro di plastica (stub case), per compensare la rilevante differenza di diametro. HW - Batteria C (Anonima) con Dimensioni e Connessioni.jpg
D Torcia (Italia)
U2 (In Inghilterra fino agli anni settanta)
MN1300
MX1300
Mono
Type 373 (Russia)
UM 1 (Giappone)
LR20 (alcalina)
R20 (zinco-carbone)
13A (alcalina)
13D (zinco-carbone)
12000 (alcalina)
8000 (zinco-carbone)
2200–12000 (NiMH)
Introdotta nel 1898 come la prima batteria per torcia elettrica. HW - Batteria D (Anonima) con Dimensioni e Connessioni.jpg

Batterie rettangolari[modifica | modifica sorgente]

Nome comune Altri nomi Nome IEC 60086 Nome ANSI Capacità tipica
(mAh)
Volt nominali
(V)
Note Immagine

con dimensioni e connessioni elettriche


9-Volt Radio battery
Smoke Alarm (Inghilterra)
MN1604
Square battery
Krona (Russia)
Transistor
6LR61 (alcalina)
6F22 (zinco-carbone)
6KR61 (NiCd)
1604A (alcalina)
1604D (zinco-carbone)
1604LC (Li)
7.2H5 (NiMH)
11604 (NiCd)1604M (mercurio)
obsoleta
565 (alcalina)
400 (zinco-carbone)
1200 (Li)
175–300 (NiMH)
120 (NiCd)
500 (Li-Poly ricaricabile) 580 (mercurio)
obsoleta
9 (alcalina)
7.2 (NiMH and NiCd)
8.4 (alcune NiMH e NiCd)
9.6 (alcune NiMH)
Aggiunta come standard ANSI nel 1959 9V matchstick-1.jpg
Lantern (Spring) Lantern
6 Volt
Spring Top
MN908 (UK)
996 or PJ996 Energizer 529
4LR25Y (alcalina)
4R25 (zinco-carbone)
908A (alcalina)
908D (zinco-carbone)
26000 (alcalina)
10500 (zinco-carbone)
6 Lantern battery.jpg

Batterie meno comuni[modifica | modifica sorgente]

18650[modifica | modifica sorgente]

Batteria di nuovo formato agli Ioni di litio, la cui tensione di lavoro si aggira attorno i 3.6-3.7 volt, ragion per cui è sconsigliabile scaricarla oltre i 2,5 volt,soglia che renderebbe la cella inutilizzabile. Va caricata ad una tensione di 4,2V, 4,3V massimi, una tensione ulteriore la renderebbe pericolosamente soggetta ad esplosione. La sua percentuale di efficienza, decade all'incirca dell'1% ogni anno, data l'ottima caratteristica delle litio. Le sue misure si aggirano sui 66mm per 18,5 di diametro.


Uso informatico

Questo tipo di batteria ricaricabile è molto comune e diffusa nei pack di batterie per PC portatili, in pratica attorno l'anno 2000 ha sostituito completamente il nickel/cadmio. I principali promotori di questa batteria tipo 18650 sono stati Sanyo, Sony e Panasonic, inizialmente le batterie venivano prodotte solo in Giappone.

Di solito le batterie 18650 vengono assemblate in serie per ottenere tensioni massime fino a 16,8 Volt (14,4 Volt nominali), mentre per aumentare la corrente vengono assemblati dei gruppi connessi in parallelo da 2, 3 o 4 elementi ciascuno.

Per evitare un rapido degrado per eccesso termico in fase di lavorazione, queste batterie vengono assemblate nei pack mediante giunzioni metalliche con una procedura di saldatura elettrica a 4 punti per ogni elettrodo. Allo scopo di ottenere un'elevata affidabilità del pack, le batterie 18650 vengono selezionate ed accoppiate con tolleranze molto strette.

Mentre per ottenere tempi di ricarica molto rapidi con un elevato grado di sicurezza per le batterie, vengono inseriti nei pack alcuni sensori di temperatura tipo NTC connessi ai circuiti elettronici di controllo della corrente di ricarica.


Utilizzo commerciale

Attualmente questa batteria viene usata anche per torce a led, laser a media potenza ed altri dispositivi portatili. La sua diffusione è molto limitata in Europa a motivo della difficile reperibilità nei negozi sia della batteria che dei carica batterie specifici per Ioni di Litio.

Per migliorarne l'affidabilità della singola batteria sono stati sviluppati dei circuiti elettronici di protezione integrati in serie al polo negativo, che controllano la massima corrente erogata, la minima tensione di scarica e la massima tensione di ricarica, in questo caso il fattore forma della potrebbe risentirne con l'aumento dell'altezza da 2mm a 5mm. Ne consegue che esistono batterie erroneamente chiamate 18650 ed altre correttamente chiamate 18700: la standardizzazione del prodotto è ancora poco osservata.

Batterie per fotocamera[modifica | modifica sorgente]

In effetti, l'utilizzo che inizialmente era per questo tipo di batterie quasi esclusivamente limitato alle fotocamere a pellicola fotografica nei formati 35mm e APS-C, dopo il 1985 si è poi diffuso ad altri dispositivi (ad esempio, sensori di presenza per sistemi antifurto o sensori per la rilevazione di fumo o sostanze chimiche). L'idea iniziale era di ottenere la riduzione dell'ingombro e peso della fotocamera alimentata da 2 batterie stilo tipo AA con una CR123A, in virtù del miglior rapporto tra energia, peso ed ingombro tipici del Litio. Tale soluzione era in contrasto con la difficile reperibilità delle batterie al Litio e dei costi eccessivi, in parte dovuti al numero ristretto di produttori: Sanyo, Panasonic e Duracell. Ad oggi tale batteria risulta in parziale dismissione anche se i costi si sono ridotti del 75% circa. Ma questo formato di batteria ha aperto la strada alle nuove batterie ricaricabili tipo 16340 (Ioni di Litio) di pari ingombro, che stanno iniziando a diffondersi su mercato.

CR123A[modifica | modifica sorgente]

Batteria al litio, di tipo primario (non ricaricabile); non è intercambiabile con il tipo a zinco-carbone.

Nome comune CR123A
Altri nomi Camera Battery, 123, CR123, R123 (Li-Ion), RCR123A, RCR123 (Li-Ion), 17345, 16340 (Li-Ion ricaricabile)
Nome IEC 60086 CR17345 (Li)
Nome ANSI 5018LC (Li)
Capacità tipica (mAh) 1500 (Li), 700 (Li–Ion)
Volt nominali (V) 3 (Li), 3.6 (Li-Ion)
Immagine

con dimensioni e connessioni elettriche

HW - Batteria CR123A (Anonima) con Dimensioni e Connessioni.jpg
Note

Batterie a bottone[modifica | modifica sorgente]

Alcune batterie a bottone di formati diversi.

Nelle batterie a bottone il polo positivo è formato dalla parte inferiore e dalla superficie laterale, mentre quello negativo è formato dalla parte superiore all'interno del cerchio scuro.

Batterie al litio[modifica | modifica sorgente]

Una batteria a bottone CR2032 smontata.

Il prefisso "CR" indica che sono celle al diossido di manganese e litio; tuttavia è possibile trovare anche il prefisso "BR", che identifica le celle al monofluorato di carbonio e litio.

Tutte queste batterie al litio forniscono 3 volt sotto carico, mentre quando il circuito è aperto la tensione è di 3,6 V.

Designazione
IEC 60086
Designazione
ANSI C18/
NEDA
Capacità tipica
[mAh]
Dimensioni
[mm]
Diametro × altezza
Note Immagine
CR927 30 9,5 × 2,7
CR1025 5033LC 30 10,0 × 2,5 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA
CR1216 5034LC 25 12,5 × 1,6 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA
CR1220 5012LC 35–40 12,5 × 2,0 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA, 0,03 mA (BR)
CR1225 5020LC 50 12,5 × 2,5 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA. Corrente massima di scaricamento: 1 mA. È considerata obsoleta.
CR1612 16 × 1,2
CR1616 50–55 16 × 1,6 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA
CR1620 5009LC 75–78 16,0 × 2,0 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA CR1620 coin cell
CR1632 140 (CR)
120 (BR)
16,0 × 3,2 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA, 0,03 mA (BR)
CR2012 55 20,0 × 1,2 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA
CR2016 5000LC 90 20,0 × 1,6 Corrente standard di scaricamento: 0,1 mA, 0,03 mA (BR). CR 2016
CR2025 5003LC 160–165 20,0 × 2,5 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA. CR 2025 3D
CR2032 5004LC 225 (CR)
190 (BR)
20,0 × 3,2 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA, 0,03 mA (BR). Corrente massima di scaricamento: 3 mA. Battery-lithium-cr2032
CR2320 110-175 23,0 × 2,0
CR2325 165-210 23,0 × 2,5
CR2330 265 (CR)
255(BR)
23,0 × 3,0 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA, 0,03 mA (BR)
CR2354 560 23,0 × 5,4 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA
CR2412 24,5 × 1,2 Usata in alcuni orologi Seiko
CR2430 5011LC 270–290 24,5 × 3,0 CR2430
CR2450 5029LC 610–620 24,5 × 5,0 Usata in dispositivi portatili che richiedono una corrente elevata (30 mA) e una lunga durata della batteria (fino a 10 anni).
CR2477 1000  24,5 × 7,7 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA
CR3032 500–560 (CR)
500 (BR)
30,0 × 3,2 Corrente standard di scaricamento: 0,2 mA, 0,03 mA (BR)
CR11108 160 11,8 × 11,0 È anche chiamata CR1/3N.

Batterie all'ossido di argento e alcaline[modifica | modifica sorgente]

Diversi formati di batterie a bottone. Alcune sono alcaline mentre altre all'ossido d'argento. Le due batterie da 9 volt sono state aggiunte per avere un riferimento per le dimensioni.

La serie SR di batterie sono all'ossido di argento e forniscono una tensione di 1,55 volt, mentre la serie LR sono alcaline e forniscono 1,50 V. Il prefisso "SG" indica che la batteria è una versione all'ossido di argento di una batteria alcalina con prefisso "AG". Poiché non c'è una regola universale sull'uso di queste quattro designazioni, esse sono intercambiabili e si può facilmente trovare la stessa batteria ma con designazioni diverse. L'unica differenza è che le batterie all'ossido di argento normalmente hanno il 50% di capacità in più di quelle equivalenti alcaline e solitamente anche una tensione costante, mentre quella delle batterie alcaline diminuisce con l'uso; tuttavia le seconde sono più economiche delle prime. Per dispositivi che richiedono una tensione costante si usano di solito le batterie all'ossido di argento.

Le batterie che seguono la norma IEC 60086-3 prendono il suffisso "W".

Nella tabella la lettera "L" identifica le batterie alcaline, mentre la "S" quelle all'ossido di argento.

Nome comune Altri nomi Designazione IEC Designazione ANSI/NEDA Capacità tipica [mAh] Dimensioni
[mm]
Diametro × altezza
Immagine
SR41 AG3/SG3
LR41
192/384/392
LR736 (L)
SR736 (S)
1135SO (S)
1134SO (S)
25–32 (L)
38–45 (S)
7,9 × 3,6
SR43 AG12/SG12
LR43
186/301/386
LR1142 (L)
SR1142 (S)
1133SO (S)
1132SO (S)
80 (L)
120–125 (S)
11,6 × 4,2
SR44 AG13/SG13
LR44/LR154
A76/S76
157/303/357
GPA76
LR1154 (L)
SR1154 (S)
1166A (L)
1107SO (S)
1131SOP (S)
110–150 (L)
170–200 (S)
11,6 × 5,4 LR44 Button Cell Battery
SR45 AG9/SG9
LR45
194/394
LR936 (L)
SR936 (S)
48 (L)
55–70 (S)
9,5 × 3,6
SR48 AG5/SG5
LR48<
193/309/393
LR754 (L)
SR754 (S)
1136SO (S)
1137SO (S)
52 (L)
70 (S)
7,9 × 5,4
SR54 AG10/SG10
LR54
189/387/389/390
LR1130/SR1130
LR1131 (L)
SR1131 (S)
1138SO (S) 44–68 (L)
80–86 (S)
11,6 × 3,1
SR55 AG8/SG8
LR55
191/381/391
LR1120/SR1120
LR1121 (L)
SR1121 (S)
1160SO (S) 40–42 (L)
55–67 (S)
11,6 × 2,1
365/366/S16/608 SR1116SW 28-40 11,6 x 1,65
SR57 AG7/SG7
LR57
195/395/399
LR927/SR927
SR927W/GR927
LR926 (L)
SR926 (S)
116550 (S) 46 (L)
55–67 (S)
9,4 × 2,6
SR58 AG11/SG11
LR58
162/361/362
LR721 (L)
SR721 (S)
1158SO (S) 18–25 (L)
33–36 (S)
7,9 × 2,1
SR59 AG2/SG2
LR59
196/396/397
LR726 (L)
SR726 (S)
1163SO (S) 26 (L)
30 (S)
7,9 × 2,6
SR60 AG1/SG1
LR60
164/364
LR621 (L)
SR621 (S)
1175SO (S) 13 (L)
20 (S)
6,8 × 2,1
SR63 AG0/SG0
LR63
379
LR521 (L)
SR521 (S)
10 (L)
18 (S)
5,8 × 2,1
SR66 AG4/SG4
LR66
177/377
SR626SW
LR626 (L)
SR626 (S)
1176SO (S) 12–18 (L)
26 (S)
6,8 × 2,6
SR69 AG6/SG6
LR69
171/371
LR920/SR920
LR921 (L)
SR921 (S)
30 (L)
55 (S)
9,5 × 2,1
SR516 SR516SW
317
LR516 (L)
SR516 (S)
11 (S) 5,8 × 1,6
SR416 SR416SW
337
LR416 (L)
SR416 (S)
8 (S) 4,8 × 1,6
LR932 LR932 (L) 40 (L) 9,3 × 3,2

Batterie zinco-aria[modifica | modifica sorgente]

Le più comuni batterie zinco-aria a bottone.

Le batterie zinco-aria a bottone usano l'ossigeno nell'aria come elettrodo ed hanno un'elevata capacità in rapporto alla loro dimensione. Ognuna di esse necessita di circa 1 cm³ di aria al minuto per scaricarsi a 10 mA. Queste batterie sono usate comunemente negli apparecchi acustici. Normalmente hanno un cappuccio che tiene separata l'aria dall'altro elettrodo (fatto di zinco); alcune settimane dopo aver rimosso la copertura, la batteria si esaurisce. Sotto carico forniscono una tensione di 1,2 volt.

Nome comune Altri nomi Designazione IEC Designazione ANSI/NEDA Capacità tipica [mAh] Dimensioni
[mm]
Diametro × altezza
Note
5 AC5 PR63 7012ZD 33 5,8 × 2,5 Non più in uso.
10 Yellow tab PR70 7005ZD 91 5,8 × 3,6
13 Orange tab PR48 7000ZD 280 7,9 × 5,4
312 Brown tab PR41 7002ZD 160 7,9 × 3,6
675 Blue tab PR44 7003ZD 600 11,6 × 5,4
AC41E PR43 7001Z 390 11,6 × 4,2 Non più in uso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Heinz Albert Kiehne, Battery technology handbook,CRC Press, 2003 ISBN 0-8247-4249-4, pagina 374

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]