Lista dei telescopi spaziali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il telescopio spaziale Hubble è forse il più famoso telescopio spaziale

Questo articolo riporta una lista dei telescopi spaziali.

Convenzioni usate[modifica | modifica sorgente]

La lista è divisa nelle principali lunghezza d'onda: raggi gamma, raggi-X, ultravioletto, visibile, infrarosso, microonde e onde radio. Sono elencati anche gli strumenti che rilevano particelle come i raggi cosmici, nuclei e/o elettroni, così come gli strumenti che cercano di rilevare le onde gravitazionali.
I telescopi che compiono osservazioni a diverse lunghezze d'onda sono elencati più volte.

Sono esclusi dall'elenco le missioni che osservano e studiano esclusivamente oggetti all'interno del nostro sistema solare.

Nella colonna posizione sono indicati due valori. Per i telescopi in orbita attorno alla Terra indicano il perigeo e l'apogeo espressi in chilometri, per quelli in orbita attorno al Sole, il perielio e l'afelio espressi in unità astronomiche.

Raggi gamma[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Astronomia a raggi gamma.

I telescopi a raggi gamma rilevano le emissioni di raggi gamma da sorgenti cosmiche. Tali emissioni sono assorbite dall'atmosfera terrestre e per questo le osservazioni richiedono telescopi spaziali o palloni di alta quota.
I raggi gamma possono essere generati da supernovae, stelle di neutroni, pulsar e buchi neri. I telescopi possono rilevare anche i lampi gamma o GRB(Gamma ray burst).

Nome Immagine Agenzia Data di
Lancio
Data
Termine
Posizione Rif.
3rd High Energy Astronomy Observatory (HEAO 3) HEAO-3.gif NASA 1979-09-2020 settembre 1979 1981-05-2929 maggio 1981 eo00486.4orbita geocentrica (486–505 km) [1][2][3]
Astrorivelatore Gamma ad Immagini LEggero (AGILE) ASI 2007-04-2323 aprile 2007 eo00524orbita geocentrica (524–553 km) [4][5]
Compton Gamma Ray Observatory (CGRO) Cartoon CGRO.jpg NASA 1991-04-055 aprile 1991 2000-06-044 giugno 2000 eo00362orbita geocentrica (362–457 km) [6][7][8]
Cos-B ESA 1975-08-099 agosto 1975 1982-04-2525 aprile 1982 eo00339orbita geocentrica (340–99.870 km) [9][10][11]
Fermi Gamma-ray Space Telescope Diagram of the GLAST instrument.jpg NASA 2008-05-1411 giugno 2008 eo00550orbita geocentrica (555 km) [12]
Gamma RSA 1990-07-011 luglio 1990 1992-00-001992 eo00375orbita geocentrica (375 km) [13]
Granat Granat.gif CNRS & IKI 1989-12-011 dicembre 1989 1999-05-2525 maggio 1999 eo02000orbita geocentrica (2.000–200.000 km) [14][15][16]
High Energy Transient Explorer 2 (HETE 2) HETE 2.jpg NASA 2000-10-099 ottobre 2000 eo00590orbita geocentrica (590–650 km) [17][18][19]
International Gamma Ray Astrophysics Laboratory (INTEGRAL) Integral artist illust.jpg (crediti immagine: ESA) ESA 2002-10-1717 ottobre 2002 eo00639orbita geocentrica (639–153000 km) [20][21]
Low Energy Gamma Ray Imager (LEGRI) INTA 1997-05-1919 maggio 1997 eo00600orbita geocentrica (600 km) [22][23]
Second Small Astronomy Satellite (SAS 2) NASA 1972-11-1515 novembre 1972 1973-06-088 giugno 1973 eo00443orbita geocentrica (443–632 km) [24][25]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [26][27]

Raggi X[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Astronomia a raggi X.

I raggi X non possono penetrare molto nell'atmosfera terrestre, ciò significa che possono essere osservati solo dalle alte altitudini o dallo spazio. Diversi tipi di oggetti astronomici possono emettere raggi X, ammassi di galassie, nuclei galattici attivi, resti di supernovae, stelle e alcuni tipi di stelle binarie, quelle contenenti una nana bianca (Variabile cataclismica), una stella di neutroni o un buco nero (binarie ai raggi X).
Anche alcuni oggetti del sistema solare emettono raggi X, il più noto è la Luna, anche se la maggior parte dei raggi X provenienti dalla Luna sono il riflesso di quelli solari.
Esiste inoltre un fondo di raggi X che si crede dipenda da una combinazione di sorgenti non note di raggi X.


Nome Immagine Agenzia Data di
Lancio
Data
Termine
Posizione Rif.
HEAO 1 HEAO1.JPG NASA 1977-08-1212 agosto 1977 1979-01-099 gennaio 1979 eo00445orbita geocentrica (445 km) [28][29][30]
3rd High Energy Astronomy Observatory (HEAO 3) HEAO-3.gif NASA 1979-09-2020 settembre 1979 1981-05-2929 maggio 1981 eo00486.4orbita geocentrica (486,4–504,9 km) [1][3][3]
A Broadband Imaging X-ray All-sky Survey (ABRIXAS) DLR 1999-04-2828 aprile 1999 1999-07-011 luglio 1999 eo00549orbita geocentrica (549–598 km) [31][32][33]
Advanced Satellite for Cosmology and Astrophysics (ASCA) ASCA.jpg NASA & ISAS 1993-02-2020 febbraio 1993 2001-03-22 marzo 2001 eo00523.6orbita geocentrica (523,6–615,3 km) [34][35]
AGILE ASI 2007-04-2323 aprile 2007 eo00524orbita geocentrica (524–553 km) [4][5]
Ariel V SRC & NASA 1974-10-1515 ottobre 1974 1980-03-1414 marzo 1980 eo00520orbita geocentrica (520 km) [36][37]
Array of Low Energy X-ray Imaging Sensors (Alexis) ALEXIS.gif LANL 1993-03-2525 aprile 1993 2005-00-002005 eo00749orbita geocentrica (749–844 km) [38][39][40]
Aryabhata ISRO 1975-04-1919 aprile 1975 1975-04-2323 aprile 1975 eo00563orbita geocentrica (563–619 km) [41]
Astron Astron.gif IKI 1983-03-2323 marzo 1983 1989-06-00giugno 1989 eo02000orbita geocentrica (2000—200000 km) [42][43][44]
Astronomical Netherlands Satellite (ANS) ANS backup flightarticle.jpg SRON 1974-08-3030 agosto 1974 1976-06-00giugno 1976 eo00266orbita geocentrica (266–1176 km) [45][46]
Astrosat ISRO 2009-04-00aprile 2009 eo00650orbita geocentrica (650 km) [47]
Beppo-SAX BeppoSAX.jpg ASI 1996-04-3030 aprile 1996 2002-04-3030 aprile 2002 eo00575orbita geocentrica (575–594 km) [48][49][50]
Broad Band X-ray Telescope / Astro 1 BBXRT instruments.gif NASA 1990-12-22 dicembre 1990 1990-12-1111 dicembre 1990 eo00500orbita geocentrica (500 km) [51][52]
Chandra X-ray Observatory Chandra X-ray Observatory.jpg NASA 1999-06-2323 luglio 1999 eo09942orbita geocentrica (9942–140000 km) [53][54]
Cos-B ESA 1975-08-099 agosto 1975 1982-04-2525 aprile 1982 eo00339.6orbita geocentrica (339,6–99876 km) [9][10][55]
Cosmic Radiation Satellite (CORSA) ISAS 1976-02-066 febbraio 1976 1976-02-066 febbraio 1976 Lancio fallito [56][57]
Dark Universe Observatory NASA Non ancora stabilito eo00600orbita geocentrica (600 km) [58][59]
EXOSAT ESA 1983-05-2626 maggio 1983 1986-04-088 aprile 1986 eo00347orbita geocentrica (347–191709 km) [60][61][62]
Ginga (Astro-C) Astro-c ginga.gif ISAS 1987-02-055 febbraio 1987 1991-11-011 novembre 1991 eo00517orbita geocentrica (517–708 km) [63][64][65]
Granat Granat.gif CNRS & IKI 1989-12-011 dicembre 1989 1999-05-2525 maggio 1999 eo02000orbita geocentrica (2000–200000 km) [14][15][16]
Hakucho Corsa-b hakucho.gif ISAS 1979-02-2121 febbraio 1979 1985-04-1616 aprile 1985 eo00421orbita geocentrica (421–433 km) [66][67][68]
High Energy Transient Explorer 2 (HETE 2) HETE 2.jpg NASA 2000-10-099 ottobre 2000 eo00590orbita geocentrica (590–650 km) [17][18][69]
International Gamma Ray Astrophysics Laboratory (INTEGRAL) Integral artist illust.jpg ESA 2002-10-1717 ottobre 2002 eo00639orbita geocentrica (639–153000 km) [20][21]
International X-ray Observatory (IXO)
Sostituisce Constellation-X Observatory e XEUS
NASA/ESA/JAXA 20212021 - [70]
Nuclear Spectroscopic Telescope Array (NuSTAR) NuStar 1.jpg NASA 20112011 eo00525orbita geocentrica (525 km) [71]
Osservatorio Einstein (HEAO 2) Heao b.jpg NASA 1978-11-1313 novembre 1978 1981-04-2626 aprile 1981 eo00465orbita geocentrica (465–476 km) [72][73]
ROSAT NASA & DLR 1990-06-011 giugno 1990 1999-02-1212 febbraio 1999 eo00580orbita geocentrica (580 km) [74][75][76]
Rossi X-ray Timing Explorer Rxte.jpg NASA 1995-12-3030 dicembre 1995 eo00409orbita geocentrica (409 km) [77][78]
SAS-3 (SAS-C) NASA 1975-05-077 maggio 1975 1979-04-00aprile 1979 eo00509orbita geocentrica (509–516 km) [79][80][81]
Spectrum-X-Gamma IKI & NASA 2010-00-002010 [82]
Suzaku (ASTRO-E2) Astro-E2.jpg JAXA & NASA 2005-06-1010 luglio 2005 eo00550orbita geocentrica (550 km) [83][84]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [26][27]
Tenma Astro-b tenma.gif ISAS 1983-02-2020 febbraio 1983 1989-01-1919 gennaio 1989 eo00489orbita geocentrica (489–503 km) [85][86][87]
Uhuru X-Ray Explorer Satellite.jpg NASA 1970-12-1212 dicembre 1970 1973-03-00Marzo 1973 eo00531orbita geocentrica (531–572 km) [88][89][90]
XMM-Newton XMM-Newton.jpg ESA 1999-12-1010 dicembre 1999 eo07365orbita geocentrica (7365–114000 km) [91][92]

|

Ultravioletto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Astronomia dell'ultravioletto.

Questi telescopi svolgono osservazioni nella lunghezza d'onda dell'ultravioletto, cioè tra circa 100 e 3200 Å. La luce a queste lunghezze d'onda è assorbita dall'atmosfera terrestre, quindi le osservazioni si devono fare o dall'alta atmosfera o dallo spazio. [93]
Tra gli oggetti che emettono radiazione ultravioletta ci sono il Sole, le altre stelle e le galassie. [94]


Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
Astro 2 Astro2 sts67 big.jpg NASA 1993-04-022 marzo 1993 1993-03-1818 marzo 1993 eo00349orbita geocentrica (349–363 km) [95][96]
Astron Astron.gif IKI 1983-03-2323 marzo 1983 1989-06-00giugno 1989 eo02000orbita geocentrica (2000–200000 km) [42][43][44]
Astronomical Netherlands Satellite (ANS) ANS backup flightarticle.jpg SRON 1974-08-3030 agosto 1974 1976-06-00giugno 1976 eo00266orbita geocentrica (266–1176 km) [45][46]
Astrosat ISRO 2009-04-00aprile 2009 eo00650orbita geocentrica (650 km) [47]
Broad Band X-ray Telescope / Astro 1 BBXRT instruments.gif NASA 1990-12-022 dicembre 1990 1990-12-1111 dicembre 1990 eo00500orbita geocentrica (500 km) [51][52]
Copernicus Observatory (OAO-3) OAO-3 in the clean room.jpg NASA 1972-08-2121 agosto 1972 1980-00-001980 eo00713orbita geocentrica (713–724 km) [97]
Cosmic Hot Interstellar Spectrometer (CHIPS) NASA 2003-01-1313 gennaio 2003 eo00578orbita geocentrica (578–594 km) [98][99]
Extreme Ultraviolet Explorer (EUVE) EUVE 1.jpg NASA 1992-06-077 giugno 1992 2002-01-3030 gennaio 2002 eo00515orbita geocentrica (515–527 km) [100][101]
Far Ultraviolet Spectroscopic Explorer (FUSE) FUSE prelaunch crop.jpg NASA & CNES & CSA 1999-06-2424 giugno 1999 2007-07-1212 luglio 2007 eo00752orbita geocentrica (752–767 km) [102][103]
Galaxy Evolution Explorer (GALEX) Galex.jpg NASA 2003-04-2828 aprile 2003 2013-06-2828 giugno 2013 eo00691orbita geocentrica (691–697 km) [104][105]
Hisaki (SPRINT-A) Hisaki-sprint-a-artistconcept2013.png JAXA 2013-09-1414 settembre 2003 eo00950orbita geocentrica (950–1150 km) [106]
International Ultraviolet Explorer (IUE) Iue.jpg ESA & NASA & SERC 1978-01-2626 gennaio 1978 1996-09-3030 settembre 1996 eo32050orbita geocentrica (32050–52254 km) [107][108]
Korea Advanced Institute of Science and Technology Satellite 4 (Kaistsat 4) KARI 2003-09-2727 settembre 2003 eo00675orbita geocentrica (675–695 km) [109][110]
OAO-2 OAO.jpg NASA 1968-12-077 dicembre 1968 1973-01-00Gennaio 1973 eo00749orbita geocentrica (749–758 km) [111][97]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [26][27]
Tel Aviv University Ultraviolet Explorer (TAUVEX) Agenzia Spaziale Israeliana 2009-10-00Ottobre 2009 [112]
Telescopio spaziale Hubble HST-SM4.jpeg NASA 1990-04-2424 aprile 1990 eo00586.47orbita geocentrica (586,47–610,44 km) [113]

Visibile[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Astronomia ottica.

La più antica forma di astronomia si estende da circa 4000 Å a 7000 Å (da 400 nanometri a 700 nm). [114]
Posizionare un telescopio ottico nello spazio significa non risentire di effetti atmosferici dovuti alla turbolenza e alla temperatura (vedi seeing), fornendo immagini a risoluzione più alta.
I telescopi ottici sono usati per osservare stelle, galassie, nebulose, dischi protoplanetari e molti altri oggetti. [115]

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
Astrosat ISRO 2009-04-00aprile 2009 eo00650orbita geocentrica (650 km) [47]
COROT COROT2.jpg CNES & ESA 2006-12-2727 dicembre 2006 eo00872orbita geocentrica (872–884 km) [116][117]
Dark Energy Space Telescope NASA & DOE Non ancora annunciato [118]
Gaia Satellite ESA Gaia.jpg ESA 2011-00-002011 lagrangePunto di Lagrange L2 [119]
Hipparcos Hipparcos-testing-estec.jpg ESA 1989-08-088 agosto 1989 1993-04-00Marzo 1993 eo00223orbita geocentrica (223–35632 km) [120][121][122]
Kepler Space Mission Kepler bkgd.sm.jpg NASA 2009-03-066 marzo 2009 orbita eliocentrica dietro la Terra [123][124][125]
MOST CSA 2003-06-3030 giugno 2003 eo00819orbita geocentrica (819–832 km) [126][127]
SIM Lite Astrometric Observatory Space Interferometry Mission PIA04248.jpg NASA 2015 [128]
Swift Gamma Ray Burst Explorer Nasa swift satellite.jpg NASA 2004-11-2020 novembre 2004 eo00585orbita geocentrica (585–604 km) [26][27]
Telescopio spaziale Hubble HST-SM4.jpeg NASA 1990-04-2424 aprile 1990 eo00586.47orbita geocentrica (586,47–610,44 km) [113]
Terrestrial Planet Finder Terrestrial Planet Finder PIA04499.jpg NASA Non ancora annunciato [129]

Infrarosso[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Astronomia dell'infrarosso.

Molti oggetti astronomici sono troppo freddi e deboli per essere osservabili nella luce visibile, per questo si ricorre all'osservazione della radiazione infrarossa. All'infrarosso è possibile studiare le stelle (incluse le fredde nane brune), le nebulose e le galassie spostate verso il rosso. [130]

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
AKARI Astro-f.jpg JAXA 2006-02-2121 febbraio 2006 eo00586.47orbita geocentrica (586,47–610,44 km) [131][132]
Darwin Darwin 6 high.jpg ESA 2015-00-002015 lagrangePunto di Lagrange L2 [133]
Herschel Space Observatory Herschel Space Observatory.jpg ESA & NASA 2009-05-0614 maggio 2009 [134] lagrangePunto di Lagrange L2 [135][136][137]
IRAS Iras.jpg NASA 1983-01-2525 gennaio 1983 1983-11-2121 novembre 1983 eo00889orbita geocentrica (889–903 km) [138][139]
Infrared Space Observatory (ISO) ESA 1995-11-1717 novembre 1995 1998-05-1616 maggio 1998 eo01000orbita geocentrica (1000–70500 km) [140][141][142]
Infrared Telescope in Space ISAS & NASDA 1995-03-1818 marzo 1995 1995-03-2525 aprile 1995 eo00486orbita geocentrica (486 km) [143][144]
James Webb Space Telescope JWST.jpg NASA 2013-00-002018 Punto di Lagrange L2

(1,5 × 106 km dalla Terra)

[145]
Midcourse Space Experiment (MSX) Midcourse Space Experiment.png USN 1996-04-2424 aprile 1996 1997-02-2626 febbraio 1997 eo00900orbita geocentrica (900 km) [146]
Submillimeter Wave Astronomy Satellite (SWAS) Swas 1.jpg NASA 1998-12-066 dicembre 1998 eo00638orbita geocentrica (638–651 km) [147][148]
Telescopio spaziale Spitzer NASA 2003-08-2525 agosto 2003 so0.98Solar orbit (0,98–1,02 UA) [149][150]
Terrestrial Planet Finder Terrestrial Planet Finder PIA04499.jpg NASA Non ancora annunciato [129]
Wide field Infrared Explorer (WIRE) Wire.jpg NASA 1999-03-055 marzo 1999 [151]
Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) WISE artists concept (as of 2006).jpg NASA 2009 eo00500orbita geocentrica (500 km) [152][153]

Microonde[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Radioastronomia.

Alle frequenze delle microonde i fotoni sono abbondanti, ma hanno anche energie molto basse, quindi è necessario raccoglierne molti.
A queste frequenze si può misurare la radiazione cosmica di fondo, l'effetto Sunyaev-Zel'dovich, conteggio di sorgenti, radiazione di sincrotrone e il Bremsstrahlung dalla nostra galassia.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
COBE Cobe.jpg NASA 1989-11-1818 novembre 1989 1993-12-2323 dicembre 1993 eo00900orbita geocentrica (900 km) [154][155]
Odin Agenzia Spaziale Svedese 2001-02-2020 febbraio 2001 eo00622orbita geocentrica (622 km) [156][157]
Planck Surveyor ESA 2009-05-06 14 maggio 2009 lagrangePunto di Lagrange L2 [158][159][160]
WMAP Schema del WMAP.png NASA 2001-06-3030 giugno 2001 lagrangePunto di Lagrange L2 [161]

Radio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Radioastronomia e Very Long Baseline Interferometry.

Dato che l'atmosfera terrestre è trasparente alle onde radio, i radiotelescopi spaziali vengono principalmente usati per il Very Long Baseline Interferometry, facendo osservazioni simultanee dal satellite e da terra per metterle in correlazione e simulare un radiotelescopio grande quanto la separazione tra i due.
Con le onde radio si possono osservare resti di supernovae, lenti gravitazionali, maser celesti, galassie starburst e molte altre cose.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
ASTRO-G (VSOP-2) JAXA 2012-00-002012 2012 [162]
HALCA (MUSES-B, Haruka o VSOP) ISAS 1997-02-1212 febbraio 1997 2005-11-3030 novembre 2005 eo00560orbita geocentrica (560–21400 km) [163][164][165]
RadioAstron IKI 2010-00-002010 eo10000orbita geocentrica (10000–390000 km) [166][167]

Rilevatori di particelle[modifica | modifica sorgente]

I satelliti che rilevano particelle cercano raggi cosmici e elettroni. Questi possono essere emessi dal Sole (particelle energetiche solari), dalla nostra galassia (raggi cosmici galattici) e da fonti extragalattiche (raggi cosmici extragalattici). Ci sono anche raggi cosmici ultra-energetici provenienti dai nuclei galattici attivi.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
3rd High Energy Astrophysics Observatory (HEAO 3) HEAO-3.gif NASA 1979-09-2020 settembre 1979 1981-05-2929 maggio 1981 eo0046.4orbita geocentrica (486,4–504,9 km) [1][3][3]
Astromag Free-Flyer NASA 2005-01-011 gennaio 2005 eo00500orbita geocentrica (500 km) [168][169]
Payload for Antimatter Matter Exploration and Light-nuclei Astrophysics (PAMELA) ASI, INFN, RSA, DLR & SNSB 2006-05-1515 maggio 2006 eo00350orbita geocentrica (350–610 km) [170][171]

Onde gravitazionali[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Astronomia delle onde gravitazionali.

È stato proposto un nuovo tipo di telescopio spaziale in grado di rilevare le onde gravitazionali, increspature nello spazio-tempo generate dalla collisione di stelle di neutroni e buchi neri.

Nome Immagine Agenzia Lancio Fine Posizione Rif.
Laser Interferometer Space Antenna (LISA) LISA.jpg ESA/NASA 2018 so1orbita eliocentrica (circa 1 UA; dietro la Terra) [172]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (HEAO 3), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  2. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HEAO 3), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  3. ^ a b c d e The High Energy Astrophysics Observatory-3 (HEAO-3), NASA, 26 giugno 2003. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  4. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (AGILE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  5. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (AGILE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  6. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Compton Gamma Ray Observatory), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  7. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Compton Gamma Ray Observatory), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  8. ^ CGRO Science Support Center, NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  9. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (COS-B), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  10. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (COS-B), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  11. ^ ESA - Space Science - Cos-B overview, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  12. ^ GLAST Overview - The GLAST Mission, NASA, 19 dicembre 2007. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  13. ^ The Gamma Satellite, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  14. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (GRANAT), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  15. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (GRANAT), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  16. ^ a b 1999 Reentries (PDF), The Aerospace Corporation, Center for Orbital and Reentry Debris Studies. URL consultato il 26 febbraio 2008.
  17. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (HETE 2), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  18. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HETE 2), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  19. ^ The High Energy Transient Explorer (HETE-2), Massachusetts Institute of Technology, 28 marzo 2007. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  20. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (INTEGRAL), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  21. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (INTEGRAL), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  22. ^ Instrumentation: Low Energy Gamma Ray Imager (LEGRI), Birmingham University, 24 gennaio 2006. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  23. ^ LEGRI, NASA, 4 dicembre 1997. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  24. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (SAS-B), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  25. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (SAS-B), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  26. ^ a b c d NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Swift), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  27. ^ a b c d NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Swift), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  28. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HEAO 1), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  29. ^ The High Energy Astrophysics Observatory-1 - Overview, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  30. ^ The High Energy Astrophysics Observatory-1 - Mission Overview, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  31. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ABRIXAS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  32. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ABRIXAS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  33. ^ ABRIXAS, Astronautix.com. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  34. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ASCA), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  35. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ASCA), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  36. ^ The Ariel V Satellite, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  37. ^ The Ariel V Satellite - About, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  38. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Alexis), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  39. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Alexis), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  40. ^ AeroAstro Returning to Space With Launch of STPSat-1 This Fall, Space.com, 5 giugno 2006. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  41. ^ The Aryabhata Satellite, NASA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  42. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ASTRON), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  43. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ASTRON), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  44. ^ a b The Astron Satellite, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  45. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ANS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  46. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ANS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  47. ^ a b c ASTROSAT - An Indian Multiwave Astronomy Satellite, Inter-University Centre for Astronomy and Astrophysics. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  48. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (BeppoSAX), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  49. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (BeppoSAX), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  50. ^ HEASARC: BeppoSAX Guest Observer Facility, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  51. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astro 1), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  52. ^ a b NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astro 1), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  53. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Chandra), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  54. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Chandra), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  55. ^ ESA - Space Science - Cos-B overview, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  56. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (CORSA), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  57. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (CORSA), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  58. ^ Dark Universe Observatory, Sonoma State University. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  59. ^ Dark Universe Observatory - About the Launch Vehicle and Orbit, Sonoma State University. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  60. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Exosat), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  61. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Exosat), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  62. ^ ESA Science & Technology: Exosat, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  63. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astro-C), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  64. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astro-C), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  65. ^ The Ginga Observatory, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  66. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Hakucho), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  67. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Hakucho), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  68. ^ The Hakucho (CORSA-B) Satellite, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  69. ^ HETE Mission Operations and Status, Massachusetts Institute of Technology, 28 marzo 2007. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  70. ^ NASA - IXO, NASA. URL consultato il 18 agosto 2009.
  71. ^ NuSTAR Quickfacts, California Institute of Technology. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  72. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Einstein Observatory), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  73. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Einstein Observatory), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  74. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ROSAT), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  75. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ROSAT), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  76. ^ The Roentgen Satellite, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  77. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (X-Ray Timing Explorer), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  78. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (X-Ray Timing Explorer), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  79. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (SAS-C), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  80. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (SAS-C), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  81. ^ The Third Small Astronomy Satellite (SAS-3), NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  82. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Spectrum-X-Gamma), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  83. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Suzaku), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  84. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Suzaku), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  85. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Tenma), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  86. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Tenma), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  87. ^ Institute of Space and Astronautical Science - JAXA - Tenma, JAXA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  88. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Uhuru), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  89. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Uhuru), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  90. ^ The Uhuru Satellite, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  91. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (XMM-Newton), NASA. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  92. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (XMM-Newton), NASA. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  93. ^ A. N. Cox, editor, Allen's Astrophysical Quantities, New York, Springer-Verlag, 2000, ISBN 0-387-98746-0.
  94. ^ Ultraviolet Waves, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  95. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astro 2), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  96. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astro 2), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  97. ^ a b David Darling, Orbiting Astronomical Observatory (OAO) in the Internet Encyclopedia of Science. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  98. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (CHIPS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  99. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (CHIPS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  100. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (EUVE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  101. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (EUVE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  102. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (FUSE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  103. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (FUSE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  104. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (GALEX), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  105. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (GALEX), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  106. ^ (EN) Spectroscopic Planet Observatory for Recognition of Interaction of Atmosphere Hisaki (SPRINT-A), JAXA, 15 settembre 2013 (ultimo aggiornamento). URL consultato il 22 settembre 2013.
  107. ^ ESA Science & Technology: IUE, ESA. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  108. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (IUE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  109. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Kaistsat 4), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  110. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Kaistsat 4), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  111. ^ Orbiting Astronomical Observatory OAO-2, University of Wisconsin-Madison. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  112. ^ TAUVEX: UV Astronomy Mission, Indian Institute of Astronomy. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  113. ^ a b NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Telescopio spaziale Hubble), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  114. ^ P. Moore, Philip's Atlas of the Universe, Great Britain, George Philis Limited, 1997, ISBN 0-540-07465-9.
  115. ^ HubbleSite - The Telescope - Hubble Essentials, NASA. URL consultato il 1 marzo 2008.
  116. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (COROT), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  117. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (COROT), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  118. ^ Destiny JDEM Mission Public Page, National Optical Astronomy Observatory. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  119. ^ ESA - Space Science - Gaia overview, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  120. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Hipparcus), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  121. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Hipparcus), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  122. ^ The Hipparcos Space Astrometry Mission, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  123. ^ Staff writers, Nasa launches Earth hunter probe in BBC News, 7 marzo 2009. URL consultato il 14 marzo 2009.
  124. ^ Kepler Space Mission, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  125. ^ Kepler - About - Mission News, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  126. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (MOST), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  127. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (MOST), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  128. ^ SIM Lite JPL, NASA. URL consultato il 19 marzo 2009.
  129. ^ a b Planet Quest: Missions - Terrestrial Planet Finder, NASA. URL consultato il 3 marzo 2008.
  130. ^ Cool Cosmos, California Institute of Technology. URL consultato il 1 marzo 2008.
  131. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Akari), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  132. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Akari), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  133. ^ ESA Science & Technology: Darwin, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  134. ^ Jet Propulsion Laboratory Herschel Mission News
  135. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Herschel Space Observatory), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  136. ^ Planck - Home Page, ESA, 6 marzo 2008. URL consultato il 15 marzo 2008.
  137. ^ Herschel Science Centre - A short Herschel mission overview, ESA, 20 novembre 2007. URL consultato il 15 marzo 2008.
  138. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (IRAS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  139. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (IRAS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  140. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (ISO), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  141. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (ISO), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  142. ^ ESA Science & Technology: ISO, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  143. ^ IRTS Home Page, Institute of Space and Astronautical Science. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  144. ^ Hiroshi Murakami, et al., The IRTS (Infrared Telescope in Space) Mission in Publications of the Astronomical Society of Japan, vol. 48, pp. L41–L46.
  145. ^ The James Webb Space Telescope, NASA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  146. ^ MSX Project Page, Infrared Processing and Analysis Center. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  147. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (SWAS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  148. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (SWAS), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  149. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Spitzer), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  150. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Spitzer), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  151. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (WIRE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  152. ^ WISE: Wide-Field Infrared Survey Explorer, University of California, Los Angeles. URL consultato il 3 marzo 2008.
  153. ^ WISE - Mapping the Infrared Sky (PDF), NASA. URL consultato il 3 marzo 2008.
  154. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (COBE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  155. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (COBE), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  156. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Odin), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  157. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Odin), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  158. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (PLANCK), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  159. ^ Planck - Home Page, ESA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  160. ^ Planck - Home Page, 6 marzo 2008.
  161. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (WMAP), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  162. ^ VSOP-2 project, JAXA. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  163. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (HALCA), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  164. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (HALCA), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  165. ^ Minutes of VSOP-2 Tracking Station Meeting, 10/31-11/01/06 (PDF), National Astronomical Observatory of Japan. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  166. ^ Description of the RadioAstron project, Russian Space Research Institute. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  167. ^ Description of the RadioAstron project - Orbit, Russian Space Research Institute. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  168. ^ NASA - NSSD - Spacecraft - Trajectory Details (Astromag FF), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  169. ^ NASA - NSSDC - Spacecraft - Details (Astromag-F), NASA. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  170. ^ PAMELA Mission Official Website, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. URL consultato il 9 marzo 2008.
  171. ^ PAMELA Mission Official Website - Partners, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. URL consultato il 9 marzo 2008.
  172. ^ ESA Science & Technology: LISA, ESA. URL consultato il 27 febbraio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]