Lira pontificia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lira pontificia
Nome locale Lira pontificia
Codice ISO 4217 non disponibile
Stati Stato della Chiesa
Simbolo
Frazioni centesimo
Monete ₤ 100 · 50 · 20 · 10 · 5 (oro)
5 · 2,50 · 2 · 1 (argento)
soldi 10 · 5 · 4 (argento)
soldi 4 · 2 · 1 · 1/2 (rame)
centesimo 1 (rame)
Banconote -
Periodo di circolazione 18/06/1866 - 20/09/1870
Sostituita da Lira italiana dal ottobre 1870
Tasso di cambio ()
Agganciata a Unione Monetaria Latina
Lista valute ISO 4217 - Progetto Numismatica

La lira è stata la moneta dello Stato pontificio dal 1866 al 1870. Sostituì lo scudo pontificio con un tasso di cambio di 5,375 lire = 1 scudo [1].

Aveva lo stesso valore della lira italiana. La lira era suddivisa in 100 centesimi. Esisteva anche la suddivisione in 20 soldi, pari a 5 centesimi.

La lira fu introdotta con l'editto del 18 giugno 1866 con l'obbiettivo di ottenere l'ammissione all'Unione monetaria latina.[2]

Monete[modifica | modifica wikitesto]

Le monete avevano le stesse caratteristiche di composizione, dimensioni e peso delle corrispondenti monete della lira italiana, del franco francese etc.

Alcune monete frazionali erano coniate esclusivamente dallo Stato pontificio.

Le monete di rame erano nei tagli da 1 centesimo, ½, 1, 2 e 4 soldi. In argento esistevano le monete da 5 e 10 soldi, da 1, 2, 2½ e 5 lire.

In oro furono coniate monete da 5, 10, 20, 50 e 100 lire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ untitled
  2. ^ Montenegro: Manuale...

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]