Linus Torvalds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce ha una versione parlata (troverai un riquadro, più in basso, con il link). Clicca qui per accedere al progetto Wikipedia parlata
Linus Torvalds nel 2002

Linus Benedict Torvalds Ascolta[?·info] (Helsinki, 28 dicembre 1969) è un programmatore e informatico finlandese, conosciuto soprattutto per essere stato l'autore della prima versione del kernel linux e coordinatore del progetto di sviluppo dello stesso.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Helsinki da una famiglia appartenente alla minoranza finlandese di lingua svedese, ha studiato all'Università di Helsinki tra il 1988 e il 1996, conseguendo la laurea in informatica con una tesi intitolata Linux: A Portable Operating System.[1] È sposato con Tove Torvalds.

Sviluppo del kernel Linux[modifica | modifica sorgente]

Linus Benedict Torvalds è colui che iniziò lo sviluppo del kernel Linux. Il sistema operativo GNU/Linux, ottenuto unendo Linux con il sistema GNU, creato da Richard Matthew Stallman, è entrato nella storia come valida alternativa ai sistemi operativi software NON libero (ad esempio Microsoft Windows, Mac OS X, Unix); a differenza di questi ultimi sistemi, infatti, il kernel Linux è software libero rilasciato sotto licenza GPL.[2]

La popolarità di Linus Benedict Torvalds ebbe inizio a seguito di una disputa di carattere tecnico in un newsgroup Usenet con il professor Andrew Tanenbaum, della Vrije Universiteit di Amsterdam. Il professor Andrew Tanenbaum aveva infatti realizzato per scopi didattici MINIX, un sistema operativo simile a Unix, che poteva essere eseguito su di un comune personal computer. Tale sistema operativo veniva distribuito con il codice sorgente, ma la sua licenza di distribuzione vietava di apportare modifiche al codice senza l'autorizzazione dell'autore.

Altre divergenze tra Andrew Tanenbaum e Linus Benedict Torvalds portarono quest'ultimo a riflettere sulla possibilità di creare una sorta di Unix per PC, ispirato a Minix, ma con una licenza d'uso che consentisse a chiunque la libera modifica del codice. Fu questa scelta a dare il via al progetto che, data la licenza di software libero adottata, nel giro di pochi anni ha coalizzato centinaia di programmatori che, per lavoro o per hobby, sono impegnati ad aggiornare il codice del kernel linux.

Questo è parte del messaggio contenuto nella e-mail che Linus Benedict Torvalds inviò ai suoi colleghi del progetto MINIX il 25 agosto 1991: "Hello everybody out there [...] i'm doing a (free) operating system, just a hobby, won't be big and professional [...]".

Attualmente Linus Benedict Torvalds vive in California, a Santa Clara, con la moglie Tove. Ha lavorato fino alla primavera 2003 per la Transmeta occupandosi poi, a tempo pieno, del coordinamento del gruppo di programmatori che sviluppa il kernel Linux per conto dell'OSDL (Open Source Development Lab), un progetto di ricerca finanziato da industrie che hanno fondato parte del proprio business su GNU/Linux, come Computer Associates, Fujitsu, Hitachi, Hewlett-Packard, IBM, Intel, NEC.

Nel 2006 è stato incluso nella selezione "60 years of heroes" dall'edizione europea della rivista TIME.[3]

Sebbene Linus Benedict Torvalds cerchi di mantenere un basso profilo,[4]si trova spesso coinvolto nelle dispute fra le differenti correnti di pensiero e le diverse ideologie in competizione riguardo agli scenari futuri del software. Se da un lato egli è universalmente riconosciuto come una delle icone dell'open-source,[senza fonte] dall'altro ha sostenuto inizialmente l'utilizzo del software NON libero BitKeeper come strumento di gestione del kernel Linux,[5] e ha espresso l'opinione che il kernel possa includere tecnologie a supporto dei cosiddetti diritti digitali (DRM), adducendo motivazioni di carattere soprattutto pratico.[6]

La neutralità con cui si pone nelle dispute tra programmatori gli è valso il soprannome di: "il dittatore dello stato libero di Bananas". Infatti Linus Benedict Torvalds ritiene che solo il tempo e gli utilizzatori del software possano dichiarare un codice migliore di un altro.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FI) C-1997-12, Linus Benedict Torvalds: kernel linux: a portable operating system, Pro gradu -tutkielma
  2. ^ http://www.gnu.org/licenses/gpl.txt
  3. ^ (EN) Linus Benedict Torvalds. By giving away his software, the Finnish programmer earned a place in history, TIME Europe, Vol. 168, No. 21, 13 novembre 2006
  4. ^ (EN) Linus Benedict Torvalds biography by the linux Information Project. URL consultato il 15 febbraio 2010.
  5. ^ Newsletter Linux Journal, Numero 256 – 14 aprile 2005
  6. ^ Linus, linux, i DRM ed il Trusted Computing, Bicocca.net, 10 febbraio 2006
  7. ^ Torvalds e Diamond, op. cit., p.141

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pekka Himanen, L'etica hacker e lo spirito dell'età dell'informazione, prologo di Linus Torvalds, epilogo di Manuel Castells, traduzione di Fabio Zucchella, Milano, Feltrinelli, 2003, ISBN 88-07-81745-4.
  • Linus Benedict Torvalds, David Diamond, Rivoluzionario per caso. Come ho creato linux, il kernel, (solo per divertirmi), Milano, Garzanti Libri, 2001, ISBN 88-11-73896-2.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85515270 LCCN: n00015725