Lino D'Angiò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pasquale "Lino" D'Angiò (Napoli, 17 maggio 1965) è un attore, comico, imitatore e presentatore televisivo italiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Napoletano, da anni scrive e conduce programmi televisivi e spettacoli teatrali. Il suo primo programma televisivo fu Fischia la notizia con Alan De Luca che andò in onda nel 1995 su Canale 21, ma il primo grande successo è stato "TeleGaribaldi", condotto sempre in coppia con Alan De Luca tra il 1996 e il 1998 sull'emittente Teleoggi-Canale 9. Questa fortunata trasmissione è in breve diventata un vero e proprio cult in Campania[1][2] e ha lanciato negli anni -anche dopo l'abbandono di D'Angiò e De Luca- diversi giovani comici napoletani tra cui Biagio Izzo, Rosaria De Cicco, Rosalia Porcaro, I Ditelo voi, Lisa Fusco, Antonio e Michele, Alessandro Siani.

Dopo la fortunata esperienza di TeleGaribaldi, D'Angiò e De Luca condussero insieme su Canale 34 Telenapoli due edizioni di Avanzi Popolo!, nel 1999 e nel 2000. Durante la seconda stagione di questa trasmissione il loro sodalizio si interruppe[3] e la loro separazione artistica durò 8 anni.

In seguito, Lino D'Angiò è stato conduttore di altri programmi come "Avanzi Popolo! - The Original" (in onda nel 2001 su Telecapri: il titolo è in aperta polemica con le scelte editoriali di Canale 34 fatte l'anno precedente), "Facciamo ...Piazza pulita" con Loredana Lecciso, "Il codice D'Angiò", "BELL&POK", "Piacere D'Angiò" ed altri.

Svariati sono i personaggi interpretati da D'Angiò come imitatore, tra cui il governatore della Campania Antonio Bassolino (chiamato Bassolindo), i cardinali di Napoli Michele Giordano e Crescenzio Sepe, il presidente del calcio Napoli Aurelio De Laurentiis, Mario Merola, Nino D'Angelo, Giorgio Napolitano, Silvio Berlusconi, Vittorio Feltri, Massimo Ranieri ed il cartomante Gennaro D'Auria. Tanti altri personaggi sono puramente di fantasia come il parcheggiatore abusivo Geppino Palla da Ercolano[4].

È stato regista, sceneggiatore e attore, sempre in coppia con Alan De Luca, nel film Non lo sappiamo ancora del 1999, prodotto da Rodeo Drive in collaborazione con la Rai.[5]

Dalla fine del 2008 al maggio del 2009 ha condotto, nuovamente in coppia con Alan De Luca, la settima edizione di TeleGaribaldi, ancora su Canale 9.

In teatro, dopo il successo televisivo di Telegaribaldi, ha ottenuto numerose repliche e migliaia di spettatori con gli spettacoli "Natale in casa Bassolindo" e "Spasso dopo spasso in casa Bassolindo".[2][6]. Altri spettacoli teatrali sono: Il Codice D'Angiò, Faccio...Piazza pulita. Attualmente conduce un TG satirico dal titolo "edizione straNordinaria" tutti i giorni su varie emittenti campane dove interpreta tutti i personaggi dell'attualità, dando così un'informazione sui fatti realmente accaduti, ma visti da un occhio ironico.

Tra i personaggi Giorgio Napolitano, Mario Monti, Umberto Bossi, Silvio Berlusconi, Aurelio De Laurentiis, Nino D'Angelo, Maurizio Costanzo, Nichi Vendola, Walter Mazzarri, Pino Daniele. Attualmente è in tournée con lo spettacolo "Da grande voglio fare il Sindaco". Il 4 aprile 2013 su Repubblica TV ha interpretato per la prima volta Papa Francesco durante il suo TG "EDIZIONE STRANORDINARIA".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo del 23 settembre 1999 su Repubblica
  2. ^ a b Intervista del 23 settembre 1999 su Repubblica
  3. ^ D'AngiòDe Luca in scena il divorzio - Repubblica.it » Ricerca
  4. ^ Vedi anche il video su YouTube di Geppino da Ercolano.
  5. ^ [1]
  6. ^ Teatro Tasso: le compagnie ospitate

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie