Lino (cantore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antenati e discendenti di Orfeo e di Lino

Lino è un personaggio della mitologia greca, nato dall'unione tra Apollo[1] o Anfimaro[2] e la musa Urania. È considerato l'ideatore della melodia.

Fu un grande maestro di musica ed ebbe come allievi Orfeo e Tamiri. Ricevette in regalo una lira da Apollo e la perfezionò sostituendone le corde: per primo infatti usò delle fibre vegetali al posto del budello animale migliorandone così il suono.

Apollo prese questa modifica come un insulto al suo dono e uccise Lino. Un'altra leggenda vuole che egli, volendo insegnare l'uso della scrittura ai Greci, fosse ucciso da Cadmo, che intendeva fare la stessa cosa ed essere l'unico a gloriarsene.[3]

Da Lino prese il nome un antico e triste canto che celebrava la fine della primavera, il "lino" appunto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Igino, Fabulae 161
  2. ^ Pausania, 9, 29,6
  3. ^ Erasmo da Rotterdam, Cadmea victoria, in Adagia, II, 8, 34.
mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca