Lingue zapoteche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zapoteco (Diidzaj, Diza, Ditsa, Diidxazá, Tiits Së . . .)
Parlato in Messico
Persone 434.201 (2010)
Filogenesi Lingue oto-mangue
Codici di classificazione
ISO 639-2 zap
ISO 639-3 zap  (EN)
ISO 639-5 zap
Zapotecan Languages.png
ipartizione dei locutori zapotechi ad Oaxaca

Le lingue zapoteche sono lingue oto-mangue parlate in Messico.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati del censimento del 2010 effettuato dall'Instituto Nacional de Estadística y Geografía (INEGI), i locutori di zapoteco in Messico sono 434.201.[1]

Sono un gruppo di lingue mesoamericane parlate dagli Zapotechi, nel Messico sud-occidentale. La maggioranza dei locutori sono situati nello stato messicano di Oaxaca. Comunità di lingua zapoteca si trovano anche nei vicini stati di Puebla e Guerrero. L'emigrazione ha portato numerosi locutori di zapoteca anche negli Stati Uniti d'America, e particolarmente in California. In molte comunità di lingua zapoteca si parla anche lo spagnolo.

Il nome della lingua in zapoteco varia secondo le varianti locali. Ad esempio in Juchitán è Diidxazá (IPA: [didʒaˈza]),[2] in Mitla è Didxsaj (IPA: [didʒˈsaʰ]),[3] in Zoogocho è Diža'xon (IPA: [diʒaʔˈʐon]),[4] e a Santa Catarina Quioquitani è Tiits Së (IPA: [tiˀts sæ]).[5] La prima parte di questi termini significa 'parola'.

Dialetti e lingue derivate[modifica | modifica sorgente]

Lo standard ISO 639-3 classifica lo zapoteco come macrolingua composta dai seguenti membri:[6][7]

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Esterna[modifica | modifica sorgente]

La lingua zapoteca e la correlata lingua chatino formano il sottogruppo delle lingue zapotecane della famiglia linguistica delle oto-mangue. Le lingue zapoteche (assieme alle oto-mangue) fanno parte dell'area linguistica mesoamericana, un'area di convergenza linguistica sviluppatasi nel corso di millenni di interazioni tra i popoli della Mesoamerica. Come risultato, le lingue hanno acquisito caratteristiche da altre lingue della zona in alcun modo correlate.

Interna[modifica | modifica sorgente]

Non esiste una lingua zapoteca. La divergenza dialettale osservata tra le varie comunità zapoteche è ampiae complicata.[8] Molte varianti di zapoteco sono mutualment intelleggibili con le altre, mentre altre sono molto simili. A volte ci sono salti radicali nell'intelleggibilità tra comunità geograficamente vicine, e quindi le varie varianti non formano un "continuum dialettale" in senso stretto.[9] Come risultato, il governo messicano riconosce ora ufficialmente circa sessanta lingue zapoteche.[10]

Lingue e dialetti zapotechi si dividono in quattro macroregioni: zapoteco della Sierra Norte (zapoteco settentrionale), zapoteco della Valle, zapoteco della Sierra Sur (zapoteco meridionale) e zapoteco dell'istmo. Le lingue zapoteche settentrionali vengono parlate nella regione montuosa di Oaxaca, nella catena montuosa della Sierra Madre settentrionale; le meridionali nella regione montuosa di Oaxaca, nella Sierra Madre meridionale; lo zapoteco della Valle nella valle di Oaxaca, e lo zapoteco dell'istmo nell'Istmo di Tehuantepec.

Alcune caratteristiche servono per classificare le varianti zapoteche in modo da eliminare le differenze geografiche. Una di queste è la distinzione tra radici bisillabiche e monosillabiche. È chiaro che il proto-zapoteco ha radici bisillabiche; la vocale della seconda sillaba può essere qualsiasi vocale. Un'innovazione condivisa da molte varianti di zapoteco è la perdita (o perdita parziale) della vocale della seconda sillaba. Il termine per 'acqua' è un ottimo esempio. Nelle varianti conservative la vocale della seconda sillaba rimane: /nisa/ nello zapoteco dell'istmo e /inda/ nello zapoteco della Sierra de Juárez, ad esempio. Nelle varianti innovative, la vocale si perde: /nis/ nello zapoteco di Amatlán e Mitla, ad esempio. La perdita della vocale /i/ spesso porta all'uso di consonanti palatali, e la perdita della /u/ in consonanti labiali. Sono diversi anche i termini per 'cane' nelle varianti conservative (istmo /beʔkuʔ/, Sierra de Juárez /bekuʔ/) e innovative (Amatlán /mbak/ e Mitla /bæʔkʷ/). In particolare la parola Amatlán non ha una consonante labiale alla fine, mentre l'innovativa Yatzachi mantiene la vocale: /bekoʔ/. Queste sono alcune delle difficoltà che si incontrano comparando le varie lingue zapoteche.

Un'altra caratteristica che classifica le varianti zapoteche è l'esistenza o meno di un contrasto tra alveopalatali fricative e retroflesse fricative. Le varianti innovative hanno introdotto il contrasto mentre le conservative no.[11]

Fonologia[modifica | modifica sorgente]

Fortis / Lenis[modifica | modifica sorgente]

Nelle lingue zapoteche, il fortis corrisponde tipicamente alla mancanza di suono ed all'allungamento di consonanti costrittive e sonanti. Il lenis corrisponde al suono ed alla minore lunghezza di costrittive e sonanti. Inoltre, le vocali allungate prima delle consonanti lenis possono essere più lunghe di quelle che precedono le fortis.[12]

Consonanti retroflesse[modifica | modifica sorgente]

Alcune varianti di zapoteco hanno un contrasto tra fricative alveopalatali e fricative retroflesse. In altre varianti questa distinzione si è persa a favore dell'una o dell'altra opzione.

Tono[modifica | modifica sorgente]

Le lingue zapoteche sono tonali, come generalmente lo sono le oto-mangue. Differiscono per il numero di toni contrastanti che hanno. Un esempio è il zapoteco di Texmelucan, che ha quattro toni contrastanti.

Threetonesystemtexmelucan.png

Le persone che imparano lo zapoteco come seconda lingua hanno difficoltà con questi toni, che si confondono con quelli della loro lingua madre.

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

Alcune delle caratteristiche grammaticali comuni a tutta la famiglia linguistica (anche se non presenti in tutte le varianti) sono: un sistema estensivo di pronuncia in terza persona basato su classi di sostantivi quali divinità, bambini, animali, oggetti (inanimati), ecc. Esiste anche una distinzione della prima persona plurale ("noi") inclusiva (che comprende chi ascolta) ed esclusiva (che non comprende chi ascolta).

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

Nel XX secolo sono stati prodotti numerosi sforzi per cercare di produrre un alfabeto zapoteco e scrivere in lingua zapoteca. L'alfabeto dello zapoteco dell'istmo in uso oggi è stato creato negli anni cinquanta, partendo da studi condotti negli anni venti.

Documentazione[modifica | modifica sorgente]

I frati francescani e domenicani pubblicarono un vocabolario ed una grammatica della lingua zapoteca nel XVI secolo [Córdova 1578a, 1578b].

Fino a poco tempo fa la lingua zapoteca era studiata e documentata raramente, ma negli ultimi anni ha ricevuto numerosi attenzioni da parte dei linguisti.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Anche la vitalità delle lingue zapoteche cambia enormemente. Lo zapoteco di Loxicha, ad esempio, ha oltre 70000 persone che lo parlano. Lo zapoteco di San Felipe Tejalapan può averne dieci, tutti anziani. Si dice che di quello di San Agustin Mixtepec sia rimasto solo un locutore. Da sempre, insegnanti del governo sconsigliano l'uso di queste lingue, il che ha contribuito alla diminuzione della sua diffusione. A La Ventosa, Oaxaca, una madre zapoteca su tre dice che i figli sono puniti se in classe parlano lo zapoteco. Altre aree, come l'istmo, mantengono orgogliosamente la propria madrelingua.

La programmazione in lingua zapoteca è disponibile in numerose stazioni radio: la stazione del CDI, XEGLO, con sede a Guelatao de Juárez, e XEQIN-AM, con sede a San Quintín, trasmettono programmi in zapoteco ed in altre lingue indigene. Nell'istmo esiste una radio privata commerciale, Radio TEKA (1030 AM), e numerose stazioni locali: Radio Totopo (102.5 FM) a Juchitán e Radio Atempa a San Blas Atempa.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ INEGI 2010: Censo de Población y Vivienda 2010.
  2. ^ Pickett et al. (2007).
  3. ^ Stubblefield & Stubblefield (1991:18).
  4. ^ Long & Cruz (1999).
  5. ^ Ward, Zurita Sánchez & Marlett (2008).
  6. ^ Documentation for ISO 639 identifier: zap.
  7. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  8. ^ Vedi Marlett (2009) per i dati dei vari dialetti presentati in una singola tabella.
  9. ^ Vedi Egland et al. (1983:66-81) per un resoconto dei test sulla mutua intelleggibilità svolti in numerose comunità comparandone i risultati. Non sono stati effettuati altri studi simili nell'area zapoteca. Si tratta della base primaria su cui è stata creata la lista di Ethnologue.
  10. ^ Instituto Nacional de Lenguas Indígenas. 2008. Catalogo de las lenguas indígenas nacionales: Variantes lingüísticas de México con sus autodenominaciones y referencias geoestadísticas
  11. ^ Fernández de Miranda 1995.
  12. ^ Ward, Zurita Sánchez e Marlett (2008), Pickett, Villalobos & Marlett (2008).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]