Lingue kru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingue kru
Parlato in Costa d'Avorio, Liberia, Burkina Faso
Filogenesi Lingue niger-kordofaniane
 Lingue congo-atlantiche
  Lingue volta-congo
Codici di classificazione
ISO 639-2 kro
ISO 639-5 kro

Le lingue kru sono una classe linguistica della famiglia niger-kordofaniana e sono diffuse in un'area che si estende dal sud-est della Liberia all'est della Costa d'Avorio. Il nome Kru è di etimo ignoto e secondo Westermann (1952) 'è in uso presso gli Europei per identificare alcune tribù che parlano alcuni dialetti appartenenti alla stessa famiglia e i dialetti stessi'; Marchese (1989) fa notare che il termine potrebbe derivare dal fatto che molte di queste persone furono reclutate come equipaggio (in inglese 'crew') dai navigatori europei.

Le lingue kru sono famose per il loro sistema tonale, il più complesso di tutta l'Africa dopo le lingue omotiche.

Classificazioni[modifica | modifica sorgente]

Marchese[modifica | modifica sorgente]

La classificazione delle lingue kru proposta da Marchese (1989) è la seguente:

Kru  

Sɛmɛ (Siamou)



Aizi

Tiegba



Abrako




Kuwaa


Kru  proper 
 Eastern  Kru
 Bakwé 

Bakwe



Wané



 Bété 

Kuya



Godié




Dida



Kodia (Kwadia)



 Western  Kru
 Bassa 

Bassa



Dewoin



Gbii



 Grebo 

Grebo (Jabo)



Krumen



Glio-Oubi



 Klao 

Klao



Tajuasohn



 Wee 
 Guere 

Daho-Doo



Glaro-Twabo



Sapo





Krahn




Nyabwa



Konobo



Wobe








Molte di queste lingue sono gruppi dialettali e sono talvolta considerate lingue uniche.

Ethnologue[modifica | modifica sorgente]

La classificazione proposta da Ethnologue (16ª ed.) è la seguente[1]
(tra parentesi tonde il numero di lingue di ogni gruppo e la zona dove vengono parlate)
[tra parentesi quadre il codice di classificazione internazionale linguistico]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ethnologue report for Kru

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Westerman, Diedrich Hermann (1952) Languages of West Africa (Part II). London/New York/Toronto: Oxford University Press.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]