Lingue elamo-dravidiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingue elamo-dravidiche
Parlato in Asia meridionale
Filogenesi
Suddivisioni Lingue dravidiche
Lingua elamitica

Le lingue elamo-dravidiche sono un'ipotetica famiglia linguistica, proposta dal linguista David McAlpin nel 1975, che collegherebbe la lingua proto-dravidica dell'India, protolingua delle lingue dravidiche, con l'estinta lingua elamita parlata nell'antichissimo regno d'Elam (stanziato nell'attuale Iran sudoccidentale).

Argomentazioni linguistiche[modifica | modifica sorgente]

McAlpin (1975), nei suoi studi, identifica molte somiglianze tra l'elamita ed il dravidico. Afferma che il 20% dei vocabolari dravidico ed elamita sia formato da parole imparentate mentre il 12% lo sarebbero con un alto grado di probabilità. Inoltre l'elamita ed il dravidico hanno pronomi della seconda persona simili e declinazioni parallele, identici derivati e sostantivi astratti, e la medesima struttura per le voci verbali: radice+marcatore temporale+suffisso personale. Entrambi hanno due tempi positivi, un passato ed un non-passato.[1]

Altri linguisti, però, come Georgiy Starostin, criticano la proposta di McAlpin, affermando che le corrispondenze morfologiche tra l'elamitico ed il dravidico non siano così vicine come quelle con altre famiglie linguistiche.

Collegamenti culturali proposti[modifica | modifica sorgente]

A parte le somiglianze linguistiche, l'ipotesi elamo-dravidica poggia sull'idea che lo sviluppo dell'agricoltura della valle dell'Indo sia derivato dal Vicino Oriente attraverso la regione d'Elam. Ciò suggerirebbe che gli agricoltori abbiano portato una nuova lingua, oltre alle nuove tecniche, a supporto di ciò, i dati etno-botanici indicano l'origine medio-orientale sia del grano che del suo nome (D. Fuller). Un'ulteriore prova è data dalle tracce di notevoli commerci tra Elam e le civiltà della valle dell'Indo, che suggeriscono la possibilità di collegamenti anche culturali.

La distribuzione delle lingue dravidiche ancora parlate, concentrate prevalentemente nel sud dell'India ma con isolati areali nel sud-est dell'Iran, nell'Afghanistan meridionale, nel Pakistan (brahui) ed in India centro-orientale (kurukh, malto),suggeriscono la possibilità che anticamente queste lingue fossero parlate in una zona più ampia. Tuttavia per alcune lingue dravidiche settentrionali come il brahui, il kurukh ed il malto sono state proposte varie origini .[2], i Kurukh tradizionalmente affermano di provenire dalla penisola del Deccan,[3] in particolare da Karnataka. Analoga tradizione per i Brahui.[4][5] Essi si definiscono "immigrati".[6] Molti studiosi sostengono questa ipotesi[7] ad esempio, L. H. Horace Perera e M. Ratnasabapathy.[8] inoltre, hanno recentemente dimostrato che i Brahui migrarono in Baluchistan dall'India centrale dopo il 1000 d.C. L'assenza, nel brahui, di qualsiasi antica parola presa in prestito dall'iraniano supporterebbe questa ipotesi.

Scrittura[modifica | modifica sorgente]

I proponenti dell'ipotesi affermano esserci similitudini tra l'antica scrittura harappana, usata da alcune civiltà della valle dell'Indo, che non sono ancora state decifrate, e la primitiva scrittura proto-elamita.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David McAlpin, "Toward Proto-Elamo-Dravidian", Language vol. 50 no. 1 (1974); David McAlpin: "Elamite and Dravidian, Further Evidence of Relationships", Current Anthropology vol. 16 no. 1 (1975); David McAlpin: "Linguistic prehistory: the Dravidian situation", in Madhav M. Deshpande and Peter Edwin Hook: Aryan and Non-Aryan in India, Center for South and Southeast Asian Studies, University of Michigan, Ann Arbor (1979); David McAlpin, "Proto-Elamo-Dravidian: The Evidence and its Implications", Transactions of the American Philosophical Society vol. 71 pt. 3, (1981)
  2. ^ P. 83 The Quest for the Origins of Vedic Culture: The Indo-Aryan Migration Debate By Edwin Bryant
  3. ^ P. 18 The Orāons of Chōtā Nāgpur: their history, economic life, and social organization. by Sarat Chandra Roy, Rai Bahadur; Alfred C Haddon
  4. ^ P. 12 Origin and Spread of the Tamils By V. R. Ramachandra Dikshitar
  5. ^ P. 32 Ideology and status of Sanskrit : contributions to the history of the Sanskrit language by Jan E M Houben
  6. ^ P. 45 The Brahui language, an old Dravidian language spoken in parts of Baluchistan and Sind by Sir Denys Bray
  7. ^ Ancient India; Culture and Thought By M. L. Bhagi
  8. ^ P. 23 Ceylon & Indian History from Early Times to 1505 A. D. By L. H. Horace Perera, M. Ratnasabapathy

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]