Lingue del Messico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Messico ha una significativa diversità linguistica. In aggiunta allo spagnolo, sono riconosciute come lingue nazionali le lingue indigene parlate su tutto il territorio nazionale.[1].

Lingue del Messico1
Lingua Parlanti 2
Nahuatl (Nahuatlahtolli) 1.376.026
Maya (Maaya t'aan) 759.000
Mixteco (Tu'un savi) 423.216
Zapoteco (Binizaa) 410.901
Tzeltal (Batz'il K'op) 371.730
Tzotzil (Batz'i k'op) 329.937
Otomí (Hñähñü) 239.850
Totonaca (Tachiwin) 230.930
Mazateco (Ha shuta enima) 206.559
Chol (Ch'ol, Laktyan) 185.299
Huasteco (Téenek) 149.532
Chinanteco (Tsa jujmí) 125.706
Mixe (Ayüük) 115.824
Mazahua (Jñatio) 111.840
Purépecha (P'urhépecha) 105.556
Tlapaneco (Me'phaa) 98.573
Tarahumara (Rarámuri) 75.371
Zoque (O'de püt) 54.004
Amuzgo (Tzañcue) 43.761
Tojolabal (Tojolwinik otik) 43.169
Chatino (Cha'cña) 42.791
Popoluca (Tuncápxe) 36.406
Huichol (Wixárika) 35.724
Mayo (Yoreme) 32.702
Chontal de Tabasco (Yokot t'an) 32.470
Tepehuano (O'dami) 31.681
Triqui(Xnanj nu´a, Stnanj ni´, Nanj ni´inj, Tnanj ni´inj) 23.846
Cora (Nayeeri) 17.086
Popoloca 16.163
Huave (Ikoods) 15.993
Yaqui (Yoeme) 14.162
Cuicateco (Nduudu yu) 12.610
Pame (Xigüe) 9.720
Kanjobal (K'anjobal) 8.526
Tepehua (Hamasipini) 8.321
Mame (Qyool) 7.492
Chontal de Oaxaca (Slijuala sihanuk) 3.413
Chuj 2.180
Tacuate 2.067
Guarijío (Warihío) 1.648
Chichimeca jonaz (Uza) 1.625
Matlatzinca (Botuná) 1.134
Kekchí (K'ekchí) 1.070
Ocuilteco (Tlahuica) 842
Pima (O'odham) 738
Chontal 695
Chocho (Runixa ngiigua) 616
Seri (Cmiique iitom) 595
Ixcateco 406
Jacalteco (Abxubal) 400
Kumiai (Ti'pai) 264
Quiché (Q'iché) 251
Paipai (Akwa'ala) 200
Kikapú (Kikapooa) 157
Cakchiquel (K'akchikel) 154
Cucapá (Es péi) 116
Motocintleco (Qatok) 110
Pápago (Tohono o'odam) 116
Ixil 77
Lacandón (Hach t'an) 44
Kiliwa (Ko'lew) 36
Cochimí (Laymón, mti'pá) 34
Aguacateco 21
Altre lingue 3 337

1 non include lo spagnolo
2 maggiori di 5 anni
3 Include ópata, solteco, papabuco e ixcateco

Fonte: INEGI (2005) Diferentes lenguas indígenas

Legislazione[modifica | modifica sorgente]

Lo spagnolo è la lingua ufficiale del paese de facto ma non de iure, non essendoci nella Costituzione un tale riconoscimento. Nel 2003 il Congresso dell'Unione ha approvato la Legge dei diritti linguistici dei popoli indigeni, in base alla quale le lingue indigene hanno la stessa valenza dello spagnolo. In base a tale legge è possibile utilizzare la propria lingua per comunicare con la pubblica amministrazione messicana ed i documenti possono essere emessi in tali lingue. A partire dal 2005 l'inno nazionale è stato tradotto in alcune lingue indigene.[2] A partire dal 2006, la Costituzione è stata tradotta in alcune lingue indigene.[3] La preservazione e lo sviluppo dell'uso delle lingue nazionali è attuato attraverso le attività dell'Istituto nazionale per le lingue indigene (INALI). Il Messico ha circa sei milioni di cittadini che parlano una lingua indigena. È il secondo maggior gruppo nelle Americhe dopo il Perù. Tuttavia, una relativamente piccola percentuale della popolazione messicana parla una lingua indigena, se paragonata ad altri paesi delle Americhe, quali Bolivia (62,2%), Guatemala (41%), Perù (32%), ed anche Panamá (10%), Nicaragua(8,6%), Honduras(7%), Ecuador (6,8%)[4]

L'unica lingua indigena parlata da più di un milione di persone in Messico è il Nahuatl, che è una delle lingue native americane con un gran numero di parlanti nativi, insieme con il Quechua, l'Aymara ed il Guaraní ed alcune delle lingue maya.


Storia[modifica | modifica sorgente]

Lo Spagnolo e la sua evoluzione in Messico[modifica | modifica sorgente]

Una pagina del Codice fiorentino

.

Il lento processo di sostituzione delle lingue indigene del Messico con lo spagnolo inizia con i conquistadores nella prima decade del XVI secolo. Con la penetrazione spagnola nel territorio messicano, la lingua spagnola ottenne una presenza sempre maggiore negli ambiti più importanti della vita.

Nel 1570 Filippo II di Spagna decretò che il Nahuatl fosse la lingua ufficiale delle colonie della Nuova Spagna, per facilitare la comunicazione tra i messicani ed i nativi delle colonie, incoraggiandone l'uso come lingua franca. Tuttavia, nel 1696 Carlo II di Spagna invertì questa politica e vietò l'uso di qualsiasi lingua diversa dallo spagnolo in tutto l'Impero Messicano.[5] Per tutto il XIX secolo e per la maggior parte del XX, la politica dominante relativamente alla lingua nazionale era quella di colonizzare linguisticamente i parlanti lingue indigene. Senza dubbio, con la diffusione dell'istruzione pubblica dopo la rivoluzione, la percentuale di parlanti lo spagnolo iniziò a crescere. Nel 1992 il quarto articolo della Costituzione fu emendato per rinforzare la pluriculturalità della nazione, obbligando lo Stato a proteggere e sviluppare tale diversità. Nel 2003 venne emanata la Legge dei diritti linguistici dei popoli indigeni, che stabilisce un contesto per la conservazione, la protezione e lo sviluppo delle lingue indigene.

Classificazione delle lingue indigene[modifica | modifica sorgente]

Lo studio delle lingue indigene cominciò con l'arrivo degli spagnoli nel territorio che oggi occupa il Messico. Nel XIX secolo le lingue indigene furono oggetto di una classificazione simile a quella realizzata per le lingue indoeuropee, compito che fu intrapreso dall'intellettuale messicano Manuel Orozco y Berra. Le lingue del Messico appartengono ad otto famiglie linguistiche (comprese alcune lingue non classificate ed altre isolate), delle quali le maggiori, sia per numero di parlanti che per numero di lingue, sono le lingue uto-azteche, le lingue maya e le lingue oto-mangue.
























Classificazione delle lingue indigene del Messico
Famiglia Gruppo Lingua Territorio
Lingue uto-azteche
Si tratta della famiglia di lingue amerinde più diffusa sul territorio messicano e la più parlata.
Uto-azteche meridionali Tepimano Pápago Sonora
Pima bajo Sonora, Chihuahua
Tepehuán Chihuahua, Durango
Tepecano (†) Jalisco
Taracahita Tarahumarano Tarahumara Chihuahua
Guarijío Sierra Madre Occidentale
Cahita Yaqui Sonora
Mayo Sonora y Sinaloa
Ópata Ópata (†) Sonora
Eudeve (†) Sonora
Tubar (†) Sonora
Corachol-aztecano Corachol Cora Nayarit
Huichol Nayarit
Náhuatl Pochuteco (†) Oaxaca
Náhuatl Valle del Messico, Sierra Madre Orientale, Veracruz
Lingue hokanas
Sebbene questa famiglia sia ancora discussa dai linguisti, raggruppa numerose lingue parlate nelle zone aride del Messico e degli Stati Uniti d'America.Alcuni vi includono la seri anche se recentemente questa lingua appare come isolata. La maggior parte di queste lingue sono estinte, altre sono sul punto di esserlo.
Lingue yumano-cochimíes Yumanas Paipai Bassa California
Cucapá
Cochimí (Mti'pai)
Kumiai
Nak'ipa (†)
'Ipa juim (†)
Kiliwa
Cochimíes Cochimí (†)
Ignacieño (†)
Borjeño (†)
Tequistlateco-chontales Chontal de Oaxaca Oaxaca
Tequistlateco (†)
Lingue del sud della Bassa California
Si tratta di un'unione di lingue parlata al sud della penisola della Bassa California. Sono tutte estinte.
Guaicura (†) Bassa California del Sud
Laimón (†)
Aripe (†)
Huichití (†)
Cadégomeño (†)
Didiu (†)
Pericú (†)
Isleño (†)
Monguí (†)
Lingue algiche
L'unica lingua algica parlata in Messico è il kikapú.
Lingue algonchine Centrales Kikapú Coahuila
Lingue oto-mangue
Otomangue occidentale Oto-pame-chinantecano Oto-pame Otomí Messico Centrale
Mazahua Estado de México
Matlatzinca
Tlahuica
Pame
Jonaz Guanajuato, San Luis Potosí, Querétaro
Chinantecano Chinanteco Oaxaca e Veracruz
Tlapaneco - mangueano Tlapaneco Tlapaneco Guerrero
Mangueano Chiapaneco (†) Chiapas
Otomangue oriental Popoloca-Zapotecano Popolocano Mazateco Oaxaca y Veracruz
Ixcateco Oaxaca
Chocho Oaxaca
Popoloca Puebla
Zapotecano Zapoteco Oaxaca
Chatino Oaxaca
Papabuco Oaxaca
Solteco Oaxaca
Amuzgo - mixtecano Amuzgo Amuzgo Oaxaca e Guerrero
Mixtecano Mixteco Oaxaca, Puebla e Guerrero
Cuicateco Oaxaca
Triqui Oaxaca
Lingue toto-zoquenas
Mixe-zoqueano Mixeano Mixe de Oaxaca Variedades mixes de la sierra de Juárez Sierra de Juárez (Oaxaca)
Mixe del Golfo Popoluca de Sayula Veracruz
Popoluca de Oluta Veracruz
Zoqueano Zoque del Golfo Popoluca de Texistepec Veracruz
Popoluca de Soteapan Veracruz
Zoque de los Chimalapas Zoque di San Miguel Chimalapa Los Chimalapas (Oaxaca)
Zoque di Sta. María Chimalapa
Zoque de Chiapas Varietà zoque del Chiapas Ponente del Chiapas
Totonaco-tepehua
Totonacano Totonaco Sierra Madre Oriental (Veracruz e Puebla)
Tepehua
Lingue maya
Sono distribuite nel sudest del Messico e nel nord del Centroamerica. Isolata da questa nucleo si trova la lingua huasteca, parlata nel nord di Veracruz e nell'oriente di San Luis Potosì.
Huasteco Huasteco Regione Huasteca
Chicomulteco (†)
Yucatecano Yucateco - lacandón Maya yucateco Penisola dello Yucatán
Lacandón Chiapas
Mayense occidental Cholano - tzeltalano Cholano Chol Chiapas
Chontal de Tabasco Tabasco
Tzeltalano Tzeltal Chiapas
Tzotzil
Kanjobalano - Chuj Kanjobalano Kanjobal
Jacalteco
Motozintleco o mochó
Chujano Chuj
Tojolabal
Mayense oriental Quicheano Kekchí Kekchí Chiapas
Pokom - quicheano Quiché Chiapas y Guatemala
Cakchiquel Chiapas y Guatemala
Mame Teco-Mame Mam Chiapas
Aguacateco-Ixil Aguacateco Chiapas e Veracruz
Ixil Chiapas, Quintana Roo e Campeche
Lingue isolate
Purépecha Michoacán
Huave Oaxaca
Cuitlateco (†) Guerrero
Coahuilteco (†) Coahuila
seri Sonora
Lingue non classificate
Cotoname (†) Tamaulipas
Quinigua (†) Nuevo León
Solano (†) Coahuila de Zaragoza
Naolano (†) Tamaulipas
Maratino (†) Tamaulipas
Chumbia (†) Guerrero



Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Art. 4 della Legge dei diritti linguistici dei popoli indigeni (es) formato pdf Url consultato il 5 aprile 2010
  2. ^ (es) Inali sito istituzionale Url consultato il 5 aprile 2010
  3. ^ (es) Inali sito istituzionale Url consultato il 5 aprile 2010
  4. ^ (es) INEGI sito istituzionale Url consultato il 5 aprile 2010
  5. ^ Cifuentes, Bárbara (1998): Letras sobre voces. Multilingüismo a través de la historia. Centro de Investigaciones y Estudios Superiores en Antropología Social - Instituto Nacional Indigenista. Historia de los Pueblos Indígenas de México. México. ISBN 968-496-338-6.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]