Lingua umbra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando uno dei dialetti italiani mediani moderni, vedi Dialetti umbri.
Umbro
Parlato in Italia centro-settentrionale
Periodo XIII secolo a.C. circa - V secolo d.C. circa
Classifica estinta
Scrittura alfabeto umbro (da destra a sinistra) almeno fino al I secolo a.C., poi latino adattato (da sinistra a destra)
Tipo SOV
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Osco-umbre
  Umbro
Codici di classificazione
ISO 639-3 xum  (EN)

La lingua umbra, o umbro, è una lingua indoeuropea estinta, appartenente al gruppo delle lingue osco-umbre, parlata dall'antico popolo degli Umbri che in epoca classica viveva nel territorio ad est dell'alto corso del fiume Tevere, lungo la dorsale appenninica e fino all'Adriatico.

È conosciuta soprattutto attraverso le Tavole eugubine, sette tavole di bronzo che contengono le leggi sacre della città umbra di Ikuvium (odierna Gubbio), scritte in gran parte in alfabeto umbro.

Il termine "umbro" è usato anche per indicare l'insieme dei dialetti comunali parlati nelle varie zone della moderna regione Umbria, quasi tutti appartenenti al continuo linguistico italiano mediano, ma che non hanno rapporti di parentela o derivazione con l'antica lingua umbra.

Esempio[modifica | modifica sorgente]

A titolo di esempio la traslitterazione di alcune righe in lingua umbra:

« este persklum aves anzeriates enetu
pernaies pusnaes preveres treplanes
iuve krapuvi tre buf fetu arvia ustentu
vatuva ferine feitu heris vinu heri puni
ukriper fisiu tutaper ikuvina feitu sevum »
(traslitterazione delle prime righe della prima tavola)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Gli antichi Italici", Giacomo Devoto (1967)
  • "Le Tavole di Gubbio", Giacomo Devoto (1948)
  • "Le tavole di Gubbio e La Civiltà degli Umbri" - Augusto Ancillotti, Romolo Cerri (1996)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]