Lingua martuthunira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Martuthunira
Parlato in Australia
Parlato in Australia Occidentale
Filogenesi Lingue australiane aborigene
 Lingue pama-nyunga
  Lingue pama-nyunga del Sud-Ovest
Codici di classificazione
ISO 639-3 vma  (EN)
SIL vma  (EN)

La lingua martuthunira è una lingua pama-nyunga parlata in Australia, nell'Australia Occidentale.[1]

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Il martuthunira è una lingua in via di estinzione, attestata nella regione di Pilbara.[1] Dall'indagine nazionale sulle lingue indigene del 2004 risultavano 5 locutori, ma nel successivo censimento del 2006 non sono stati rilevati locutori.[1]

Nome[modifica | modifica sorgente]

Il nome Martuthunira, pronunciato [maɽʊðʊneɻa] dai parlanti nativi, significa "quelli che vivono attorno al Fortescue River". Ha molte varianti ortografiche, tra cui: Maratunia, Mardadhunira, Mardathon, Mardathoni, Mardathoonera, Mardatuna, Mardatunera, Mardudhoonera, Mardudhunera, Mardudhunira, Mardudjungara, Marduduna, Mardudunera, Marduthunira, Mardutunera, Mardutunira, Marduyunira, Martuthinya e Martuyhunira.

Fonologia[modifica | modifica sorgente]

Consonanti[modifica | modifica sorgente]

Peripheral Laminal Apical
Bilabial Velar Palatal Dental Alveolar Retroflex
Stop p k c t ʈ
Nasal m ŋ ɲ n ɳ
Lateral ʎ l ɭ
Rhotic r ɻ
Semivowel w j

L'occlusiva laminare /c/ ha un allofono sonoro [ɟ] tra le vocali.

Tra le vocali, l'occlusiva dentale /t̪/ può diventare [d̪], [ð], [ð̞], [ɻ], [j], [w]. In alcune parole una realizzazione particolare viene sempre usata, in altre vi è una variazione libera.

L'occlusiva alveolare /t/ ha un allofono sonoro [d] dopo una nasale. Capita tra vocali solo in una manciata di parole, probabilmente tutti prestiti, che ha un periodo di chiusura più lungo delle altre occlusive [tː].

L'occlusiva retroflessa /ʈ/ ha un allofono sonoro [ɖ] dopo una nasale e un allofono palatale [ɽ] tra le vocali.

Oltre agli allofoni sonori menzionati sopra, le occlusive sono di solito sorde e non aspirate.

Le laterali allofone pre-occlusive [cʎ tl ʈɭ] quando capitano in una coda sillabica.

La rotica alveolare /r/ è una monovibrante [ɾ] tra vocali, e solitamente un trillo monosillabico [r̥] alla fine.

La semivocale palatale /j/ potrebbe venire eliminata all'inizio /i/, ma la caduta equivalente di /w/ prima dell'iniziale /u/ è rara.

Vocali[modifica | modifica sorgente]

Anteriori Posteriori
Alta i iː u uː
Bassa a aː

/i/ risulta di solito [ɪ], anche se si può trovare come [i] vicino alle consonanti palatali e come [e] vicino a /r/, /n/ o /l/.

/iː/ si realizza come [ɪː] in sillabe a morfema iniziale, [eː] da tutte le altre parti.

/u/ si realizza come [u] nelle sillabe toniche, e [ʊ] in sillabe atone. /u/ viene affrontato a gradi di variazione quando si è vicini a consonanti laminari, più anteriorizzato quando [ʉ] preceduta da una consonante. Ha un allofono arrotondato [ɨ] quando è seguito da /ɻ/.

/uː/ è di solito [ʊː], ma viene abbassato a [ɔː] quando preceduto da una consonante laminare.

/a/ è di solito [ɐ] quando è tonico, [ə] quando è atono. In seguito ad una consonante laminale, ancora di più dopo dentali e palatali, viene anteriorizzato verso [ɛ]. Se preceduto da /w/ e seguito da una consonante velare, viene realizzato come [ɒ].

/aː/ di solito viene reso semplicemente come [ɐː].

Fonotattica[modifica | modifica sorgente]

Tutte le parole Martuthunira cominciano con una delle seguenti consonanti, dalla più alla meno frequente:/p k m w ŋ c t̪ j ɲ n̪/. Questo consiste solo di occlusive periferiche e laminari, nasali e semivocali. Le parole potrebbero terminare in vocale o uno degli /n r l ɲ ɳ ʎ ɭ/.

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

Accumulo dei casi[modifica | modifica sorgente]

Il Martuthunira presenta l'accumulo dei casi, dove i nomi prendono più suffissi dei casi per accordo. Ad esempio:

Ngayu nhawulha ngurnu tharnta-a mirtily-marta-a thara-ngka-marta-a.
Io ho visto quel canguro -ACC cucciolo-PROP-a.C.C marsupio-LOC-PROP-a.C.C
Ho visto quel canguro con un cucciolo nel marsupio.
  • Tharnta è l'oggetto del verbo, quindi è nel caso accusativo.
  • Mirtily prende un suffisso proprietivo, che indica che viene posseduto dal canguro. Tuttavia, poiché modifica tharnta, prende in aggiunta un suffisso accusativo per farlo concordare.
  • Thara prende un suffisso locativo, che indica che è ciò che contiene il cucciolo. Prende anche un suffisso proprietivo per concordare con mirtily, e quindi un suffisso accusativo per concordare con tharnta.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c AUSTLANG: Martuthunira, Australian Institute of Aboriginal and Torres Strait Islander Studies. URL consultato il 4 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]