Lingua ladakhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ladakhi
Parlato in India, Cina
Persone 117.000
Classifica non nelle prime 100
Scrittura alfabeto tibetano
Tipo SOV
Filogenesi Lingue sinotibetane
 Lingue tibeto-birmane
Codici di classificazione
ISO 639-3 lbj  (EN)
SIL lbj  (EN)

La lingua ladakhi è una lingua tibeto-birmana parlata in India, nella regione del Ladakh, e in Cina, nella Regione Autonoma del Tibet.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Al censimento indiano del 2001 risultavano 105.000 locutori di ladakhi, stanziati in prevalenza nello stato federato di Jammu e Kashmir, a cui appartiene il Ladakh. La lingua è attestata anche in Tibet, dove nel 1995 contava 12.000 locutori.[1]

Dialetti[modifica | modifica sorgente]

Si distinguono vari dialetti ladakhi:[1]

  • leh o ladakhi centrale, parlato a Leh, capoluogo del Ladakh
  • nubra, parlato nella Valle di Nubra, nel nord del Ladakh
  • shamma o basso ladakhi

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[1] la classificazione della lingua ladakhi è la seguente:

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

La tipologia linguistica della lingua ladakhi è Soggetto Oggetto Verbo.[1]

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

La lingua ladakhi viene scritta in alfabeto tibetano.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Ladakhi in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]