Lingua eteocipriota

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

La lingua eteocipriota[1] (codice ISO 639-3 ecy) è stata una lingua pre-indoeuropea appartenente al gruppo delle lingue egee parlata a Cipro nell'età del Ferro. Eteo significa vera, originale. La lingua si estinse nel IV secolo a.C.

Il testo bilingue di Amathus[modifica | modifica sorgente]

La più famosa iscrizione è un testo bilingue, eteocipriota-dialetto attico, inciso su un blocco di marmo nero trovato sull'acropoli di Amathus nel 1913 e datato intorno al 600 a.C. Il testo Eteocipriota è scritto in caratteri ciprioti da destra a sinistra. Il testo greco in lettere maiuscole e da sinistra a destra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".