Lingua chibcha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chibcha
Filogenesi Lingue chibcha
Codici di classificazione
ISO 639-2 chb
ISO 639-3 chb  (EN)
Chibchan languages distribution.png
Distribuzione delle lingue chibcha. La lingua chibcha (muisca, mosca) era parlata dai Muisca.

La lingua chibcha, conosciuta anche come muisca o mosca, è ufficialmente una lingua estinta[1] della famiglia linguistica delle lingue chibcha della Colombia, parlata dalla gente Muisca.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La lingua venne bandita dal re Carlo III di Spagna il 10 maggio 1770, come parte del progetto di de-indigenizzazione, e il bando rimase fino alla creazione della costituzione colombiana del 1991. Anche se la lingua è ufficialmente estinta, vi sono ancora diverse parole di origine chibcha che vengono usate nelle zone all'esterno di Bogota.[2] La sola scuola pubblica in Colombia dove si insegna Muisca a circa 150 bambini si trova a Cota, ed è chiamata Jizcamox.[3] Il nome della lingua, in chibcha, è in realtà "muyskkubun". La parola "chibcha" viene da "chib" (bastone) e "cha" (uomo), che significa "capo della comunità". Chibchacum, per esempio, era il dio dell'agricoltura e, secondo la leggenda, venne punito da Bochica e condannato a portare la terra sulle proprie spalle.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rapporto di Ethnologue
  2. ^ Colombia: The Chibcha Culture - Forgotten, But Still Alive IPS news
  3. ^ È una lingua più antica dell'Aramaico, secondo la ricercatrice Mariana Escribano, che ha condotto studi sulla gente Muisca.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]