Lingua Franca Nova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingua Franca Nova
Creato da C. George Boeree nel 1965
Persone Tra i 30 (membri attivi del gruppo Yahoo e del Wiki) e i 200 (membri totali iscritti al gruppo Yahoo)
Tipo SVO
Filogenesi Lingue pianificate
 Lingue ausiliarie internazionali
  Lingua Franca Nova
Codici di classificazione
ISO 639-2 art
ISO 639-3 lfn  (EN)
SIL lfn  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Tota umanes nase libre e egal en dinia e diretos. Los es donada razona e consiensa e debe ata la un a la otra en un spirito de fratia.
Flag of Lingua Franca Nova.svg
Bandiera della Lingua Franca Nova

La Lingua Franca Nova è una lingua artificiale ausiliaria creata dal dottor C. George Boeree della Shippensburg University, in Pennsylvania. È basata sul francese, l'italiano, il portoghese, lo spagnolo, ed il catalano. Il nome Lingua Franca Nova viene solitamente abbreviato con la sigla LFN ed è stato anche chiamato Europijin e Creolo.

L'LFN possiede un'ortografia fonetica composta da 21 lettere provenienti alternativamente dall'alfabeto latino o da quello cirillico.

La sua grammatica è ispirata a quella dei creoli romanzi. Come gran parte dei creoli, l'LFN possiede un sistema grammaticale estremamente semplificato, tuttavia questo non vuol dire che parlando in LFN non ci si possa esprimere come in una qualsiasi altra lingua.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il dottor C. George Boeree iniziò a progettare la Lingua Franca Nova nel 1965. Il suo obiettivo era quello di creare una lingua ausiliaria internazionale semplice e simile al creolo. L'ispirazione per questo progetto gli pervenne dalla lingua franca, un pidgin usato nelle regioni costiere del Mar Mediterraneo nei secoli passati. Basò la sua nuova lingua sul francese, l'italiano, il portoghese, lo spagnolo e il catalano.

La prima presentazione della Lingua Franca Nova avvenne su internet nel 1998. Nel 2002 Bjorn Madsen formò uno Yahoo! Group. Nel 2005 Stefan Fisahn creò un wiki per la lingua (vedi sotto). Molti membri della comunità contribuirono alla successiva evoluzione della lingua.

Introduzioni e altri materiali di riferimento sono disponibili in dodici lingue. Vi sono molti dizionari, un corso, e numerose traduzioni e materiale originale. L'interesse è cresciuto ulteriormente col passare del tempo, tanto che il gruppo è arrivato a contare più di cento membri.

La Lingua Franca Nova non è soggetta a copyright ed è stata usata come base per molti altri progetti. Diversamente da altri progetti di lingue ausiliarie nel passato, non si tratta di un sistema chiuso, e il suo ideatore e i membri del gruppo sono aperti ai suggerimenti. Anche se la LFN servisse solamente per rinnovare un vero interesse per una lingua internazionale, sarebbe considerata un successo.

Pronuncia[modifica | modifica wikitesto]

Le vocali della Lingua Franca Nova (a, e, i, o, u) vengono pronunciate come in italiano. I dittonghi sono ai, au, eu, e oi.

La maggior parte delle consonanti vengono pronunciate con in italiano, eccetto la c che viene sempre pronunciata dura come in cane, la g sempre come in gufo, la j pronunciata alla francese come in jeu de boules, e la x per il suono sc di scena.

Le lettere h, k, q, w, y sono assenti dall'alfabeto della Lingua Franca Nova ma possono comunque essere utilizzate per i nomi propri e per le parole importate da altre lingue e non assimilate completamente nella LFN. Se lo si preferisce, si può usare la k al posto della c.

L'accento tonico ricade sulla vocale antecedente l'ultima consonante o, qualora non fosse presente, sulla prima delle vocali. Per esempio la casa de me tio ("la casa di mio zio") viene pronunciato la casa de me tio.

Qui di seguito sono presentate le lettere usate nella Lingua Franca Nova (in alfabeto latino) con la loro controparte in cirillico, e il loro valore nell'Alfabeto fonetico internazionale (IPA).

Latino a b c d e f g h i j l m n o p r s t u v x z
Cirillico а б к д е ф г x и ж л м н о п р с т у в ш з
IPA [a] [b] [k] [d] [e] [f] [ɡ] [h] [i] [ʒ] [l] [m] [n] [o] [p] [r] [s] [t] [u] [v] [ʃ] [z]

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Sintassi[modifica | modifica wikitesto]

Nella Lingua Franca Nova l'ordine delle parole è rigoroso. La sintassi generale è:

sintagma nominale soggetto - sintagma verbale (- sintagma nominale oggetto)
Maria come pex - "Maria mangia pesce"

Un sintagma nominale ha questo ordine:

(articolo -) (quantità -) sostantivo (- aggettivo)
La tre omes grande... - "I tre uomini grossi..."

Un sintagma verbale ha questo ordine:

(tempo-) (ausiliario -) verbo (- avverbio)
...ia debe come bon - "...devono aver mangiato bene"

Sostantivi[modifica | modifica wikitesto]

Per fare il plurale di un sostantivo, aggiungere -s se la parola finisce per vocale, o -es se la parola finisce per consonante. Ciò non cambia l'accento originario della parola.

Non ci sono casi, neppure per i pronomi. L'indicazione è affidata alle preposizioni e all'ordine delle parole.

Ci sono due articoli: la (determinativo singolare e plurale) and un (indeterminativo singolare).

Pronomi[modifica | modifica wikitesto]

me - io, me, mio
tu - tu, te, tuo
el - ella, lei; egli, lui; esso - con riferimento alle persone
lo - ella, lei; egli, lui; esso - con riferimento alle cose
nos - noi, nostro
vos - voi, vostro
los - essi, esse, loro

Il pronome riflessivo della terza persona (se stesso, sé stessa...) e il possessivo riferito al soggetto di terza persona è se.

Si noti che non vi sono casi e che i pronomi divengono possessivi posizionandoli davanti al nome posseduto. "Il mio gatto" può essere espresso come me gato o la gato de me.

Non ci sono distinzioni di genere grammaticale fra i pronomi. se necessario, si possono usare parole come la fema, la om, la fia, la fio (la donna, l'uomo, la ragazza, il ragazzo).

Verbi[modifica | modifica wikitesto]

Non ci sono coniugazioni verbali in LFN. La forma fondamentale rimane la stessa senza tener conto della persona, del numero, del tempo.

Il tempo presente è rappresentato dal verbo fondamentale:

El come - "Egli/ella mangia, sta mangiando"

Il tempo passato è indicato dalla particella ia:

El ia come - "Egli/ella mangiò, ha mangiato"

Il tempo futuro è indicato dalla particella va:

El va come - "Egli/ella mangerà"

C'è una particella opzionale ta che indica l'irrealtà e può essere usata nei casi in cui altre lingue userebbero un modo condizionale o congiuntivo.

El ta come - "Egli/ella potrebbe mangiare, mangerebbe"

Ci sono anche avverbi e verbi ausiliari che ampliano l'uso dei verbi. Ad esempio, l'avverbio ja, che significa "già", può essere usato per esprimere ciò che in altre lingue è il trapassato:

Me ia come ja - "Io avevo/ebbi (già) mangiato"

I verbi possono essere usati come sostantivi, senza cambiamenti nella forma. Ad esempio, dansa, come verbo significa "ballare" (coniugato al presente), ma può anche significare "ballo" se usato come sostantivo. Questa forma semplice si usa anche nei casi in cui in italiano si userebbe un infinito sostantivato:

Canta es bon - "Cantare è bello".

I verbi possono anche diventare aggettivi: il participio presente si forma aggiungendo -nte al verbo. Ad esempio, come diventa comente, che significa "che mangia, mangiante".

Il participio passato si forma aggiungendo -da al verbo. Ad esempio, come diventa comeda, che significa "mangiato".

I participi, come qualsiasi aggettivo, possono seguire il verbo "essere" per esprimere la forma progressiva o passiva:

Aora, nos es comente selaco - "Adesso, stiamo mangiando (carne di) squalo"
Doman, nos va es comeda par selacos - "Domani, saremo mangiati da squali"

La transitività del verbo dipende dal contesto. Entrambe le forme seguenti sono corrette:

Me va boli la acua - "Bollirò l'acqua"
La acua boli - "L'acqua bolle"

Aggettivi[modifica | modifica wikitesto]

A differenza delle lingue romanze naturali, gli aggettivi in LFN non hanno forme differenti per genere e numero, cioè non si "accordano" con i sostantivi che descrivono.

Il comparativo si forma con plu (più) o min (meno). "Il più" è la plu e "il meno" è la min.

Jan es plu bon ca Jo - "John è meglio di Joe"
Jil es la plu bon - "Jill è la migliore"

Come i verbi, gli aggettivi si possono usare come sostantivi. Ad esempio, bela significa "bello", ma un bela significa "un bello, una bella" o "una bellezza". Questo funziona anche con i participi: la studiante e la studiada significano rispettivamente "il/la studente" "(ciò che è) studiato", dal verbo studia, "studiare".

Un aggettivo si può trasformare in un sostantivo astratto aggiungendo -ia. Così bela diventa belia, che significa "bellezza". Lo si può fare anche con i sostantivi: madre divente madria (maternità).

Avverbi[modifica | modifica wikitesto]

La LFN non ha avverbi espliciti. Invece, qualsiasi aggettivo può essere usato come avverbio ponendolo dopo un verbo o all'inizio della frase.

Preposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Queste sono le preposizioni fondamentali della Lingua Franca Nova:

a - a par - da, per mezzo di
ante - prima di per - per, al fine di
asta - vicino a, fino a pos - dopo, dietro, secondo
con - con sin - senza, eccetto
contra - contro sirca - circa, approssimativamente
de - di, da su - sotto
en - in, durante supra - sopra
entre - tra, fra sur - su, sopra
estra - fuori da tra - attraverso
longo - lungo ultra - oltre

I sintagmi preposizionali seguono il sintagma nominale o verbale che modificano.

Congiunzioni[modifica | modifica wikitesto]

e - e o - o
ma - ma si - se
afin - al fine di, affinché car - perché,
contra ce - sebbene pos cuando - dopo
ante cuando - prima de cuando - da quando
a cuando - fino a en cuando - mentre

Relativi e interrogativi[modifica | modifica wikitesto]

I relativi e gli interrogativi nella LFN sono identici:

ce - che cosa, che cuanto - quanto
ci - chi, che cuando - quando
cual - quale do - dove
de ci - di chi perce - perché
como - come

Le proposizioni subordinate seguono la proposizione che modificano:

La fia ci ia come la pan ia veni asi car el ia es fama - "La ragazza che mangiò il pane venne qui perché aveva fame"

Una domanda può includere un pronome o avverbio interrogativo o può essere indicata dalla sola intonazione ascendente. Si possono anche fare domande iniziando la frase con l'espressione Esce...? o aggiungendo no? o si? alla fine, dopo una virgola:

Esce tu parla Deutx? Tu parla Italian, si?

Numeri[modifica | modifica wikitesto]

1 - un 6 - ses
2 - du 7 - sete
3 - tre 8 - oto
4 - cuatro 9 - nove
5 - cinco 10 - des

I numeri maggiori di questi sono costruiti come segue:

11 - des-un 321 - tresento-dudes-un
20 - dudes 1000 - (un) mil
100 - (un) sento 45 678 - cuatrodes-sinco mil sessento-setedes-oto
101 - sento-un 1 000 000 - (un) milion

I numeri ordinali sono uguali ai precedenti, con la differenza che seguono il sostantivo:

la om tre - "il terzo uomo"
la tre omes - "i tre uomini"

Le frazioni si costruiscono con -i, ad esempio di, tri, cuatri,... desi, senti, mili, ecc.

Affissi[modifica | modifica wikitesto]

La LFN ha una piccola quantità di suffissi che aiutano a creare nuove parole. I più comuni sono -or, -ador, e -eria, che si riferiscono rispettivamente a una persona, a un apparecchio e a un luogo. Ad esempio, dalla parola carne possiamo formare carnor (macellaio) e carneria (macelleria). Allo stesso modo, dalla parola lava, che significa "lavare", possiamo formare laveria (lavanderia) e lavador (lavatrice).

Un utile suffisso è -a che può essere aggiunto ai sostantivi con il significato di "usare", così che telefona significa "usare il telefon". Un altro utile suffisso è -i che, aggiunto a un sostantivo o a un aggettivo, significa "diventare" o "far diventare". Ad esempio, calda è "caldo", quindi caldi significa "riscaldare". È anche usato per formare le frazioni, quindi cuatri significa "(un) quarto" come pure "dividere in quattro".

Altri suffissi di uso comune sono -eta, che è un diminutivo (boveta è "vitello") e -on, che è un accrescitivo (bovon è "bisonte").

Ci sono anche tre prefissi. Non- significa "non" o "in-", quindi nonfelis significa "infelice". Re- indica ripetizione o direzione contraria, quindi repone significa "riporre" o "sostituire". E des- indica annullamento, quindi desinfeta significa "disinfettare".

Nuove parole si possono creare anche unendo due parole già esistenti (parole composte). Ad esempio, si può usare un verbo e il suo complemento oggetto, come in italiano: portacandela, pasatempo.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Testo in LFN[?·info]

Lingua Franca Nova es desiniada per es un lingua vera simple, coerente, e fasil aprendeda, per comunica internasional. El ave varios cualia bon:

  • El ave un numero limitada de fonemes. El sona simila a italian o espaniol.
  • El es scriveda como el sona. No enfante debe pasa multe anios studia nonregulas!
  • El ave un gramatica vera simple e regula. El es min complicada en esta caso como engles o indonesian.
  • El ave un grupo limitada e tota regula de afises produinte per crea parolas nova.
  • El ave regulas de la ordina de parolas bon definada, como multe linguas major.
  • El ave un lista de parolas fundada en la linguas roman moderne. Esta linguas es comun e influensente, e ia contribui la parte major de parolas engles.
  • El es desiniada per es asetante natural de parolas tecnical de latina e elenica, la "norma de mundo" per fato.
  • El es desiniada per aperi plu parte "natural" per los ci comprende la linguas roman, ma no min fasil per otras.

Nos espera ce tu va trova ce esta lingua es interesante!

O Compatia (Cat Stevens)
Me no vole perde
La decora de mundo;
Me vide la arde
De tota cosas;
Me oia la crias
De umania;
La lus de mundo e stelas
Es aora estinguida;
La culpas de umania
Es aora esposeda;
Con larmas e con tristia,
La dole es profunda;
De tera e de mares,
La ruido asustante;
O Compatia! Compatia!
Ta ce nos ave la ama eterna;
Nos ci va mori
Salute moria;
Continua sola, la vive.
Esta mundo arde rapida;
Esta mundo no va dura;
Me no vole perde lo
Asi en me ora;
Dona me eternia
Asi en me ora.

Espressioni utili

Bon dia - buon giorno
Alo - ciao
Como es tu? - come stai?
Bon, e tu? - bene, e tu?
No mal - non male
Ce es tu nom? - come ti chiami?
Me nom es Maria - mi chiamo Maria
Tu gusta un tas de cafe? - ti andrebbe una tazzina di caffè?
Si, per favore - sì, grazie
Grasias! - grazie!
Per no cosa - prego
Joia! - salute!
Tu es vera bela -- sei molto bella/o
Pardona? - scusa?
Me ama tu - ti amo
Me debe vade aora - devo andare ora
Asta la ora? - ci si vede?
Adio - addio
Bon sera - buonanotte
Bon fortuna - buona fortuna

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


lingue artificiali Portale Lingue artificiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingue artificiali