Linea di successione al trono dell'Iran

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo stemma della monarchia iraniana.
Il leone d'oro, simbolo della Persia.

La monarchia iraniana (persiana) terminò a seguito della rivoluzione islamica del 1979 e del conseguente allontanamento dal trono dello scià Mohammad Reza Pahlavi.

Linea di successione Pahlavi[modifica | modifica wikitesto]

Durante la dinastia Pahlavi la legge di successione stabiliva che lo scià dovesse essere di religione islamica, dovesse essere figlio di cittadina persiana, di religione musulmana e non discendente dalla precedente dinastia Qajar.

L'attuale pretendente è sua altezza imperiale il principe ereditario Reza Ciro Pahlavi, nato nel 1960, figlio primogenito di Mohammad Reza Pahlavi, e la linea di successione è la seguente:

  1. Sua altezza imperiale il principe Patrick Ali Pahlavi, nato nel 1947, nipote di Reza Pahlavi.
  2. Sua altezza imperiale il principe Davoud Pahlavi, nato nel 1971, nipote di Reza Pahlavi.
  3. Sua altezza imperiale il principe Houd Pahlavi, nato nel 1972, nipote di Reza Pahlavi.
  4. Sua altezza imperiale il principe Younes Pahlavi, nato nel 1977, nipote di Reza Pahlavi.

Linea di successione Qajar[modifica | modifica wikitesto]

La dinastia Qajar venne deposta nel 1925. Dopo il colpo di stato di Reza Pahlavi, nel 1921, lo scià Ahmad Qajar venne detronizzato dalla Majlis nel 1925. Durante la dinastia Qajar la legge di successione stabiliva che lo scià dovesse essere di sesso maschile, di dinastia Qajar e di nazionalità persiana.

L'attuale pretendente è sua altezza imperiale il principe Mohammad Hassan Mirza II, nato nel 1949, e la linea di successione è la seguente:

  1. Sua altezza il principe Arsalan Mirza.
  2. Sua altezza il principe Mohammad Ali Mirza Qajar.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]