Linea di flusso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rappresentazione di un tubo di flusso e delle sue linee di flusso. In verde sono rappresentate le curve da cui ha origine il tubo di flusso e in blu le linee di flusso.

Una linea di flusso rappresenta quella linea che è sempre tangente al vettore velocità di una particella elementare di fluido.[1]

Da questo si deduce che due linee di flusso non possono mai incrociarsi, poiché in quel punto la velocità avrebbe due valori differenti.

L'insieme di tante linee di flusso parallele crea un tubo di flusso.

Si immagini di prendere una porzione di spazio nel quale scorre un fluido e di poter fotografare in un determinato istante il vettore velocità della particella di fluido; ripetiamo l'operazione negli istanti successivi (avremo così per ogni istante la direzione del vettore velocità). La linea di flusso non è altro che la curva che risulta sempre tangente a tali vettori. Nel caso in cui il moto risulti stazionario, le linee di flusso coincidono con le linee di corrente[1] (cioè con le traiettorie delle particelle di fluido[2]).

Dall'osservazione delle linee di flusso possiamo dedurre solo l'orientamento del vettore velocità e la presenza di eventuali gradienti all'interno del campo di moto (dove si infittiscono le linee di flusso aumenta il modulo del vettore velocità).

Non è possibile in alcun modo estrapolare informazioni relative alla rotazionalità del moto del fluido considerato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Arra, p. 21
  2. ^ Arra, p. 20

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

meccanica Portale Meccanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meccanica