Linea Gyeongui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Linea Gyeongui
KORAIL EMU331000.jpg
Nome originale 경의선 - 京義線
Inizio Seul
Gongdeok
Fine Dorasan
Stati attraversati Corea del Sud
Lunghezza 55,8 km
Apertura 1906
Gestore Korail
Scartamento 1435 mm
Elettrificazione 25 kV
Diramazioni diramazione Gajwa - Gongdeok
Ferrovie
Vista della Stazione di Sinchon

La linea Gyeongui (경의선 - 京義線; Gyeongui-seon) è una ferrovia suburbana che collega Seul a Munsan, al confine con la Corea del Nord. Nella tratta Seul-Munsan e Gongdeok-Munsan è attivo un servizio metropolitano ad alta frequenza che serve i quartieri nord-occidentali di Seul e la città di Goyang. Se le due Coree fossero ancora unite, ora i treni della Corea del Sud potrebbero teoricamente raggiungere anche l'Europa. Il nome della linea deriva da Gyeong, che indica la capitale Seul e ui, che indica la città di Sinuiju alla quale era collegata, ora in Corea del Nord.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La linea Gyeongui fu un progetto dell'Impero Coreano di fine XIX secolo. Tuttavia per problemi finanziari i lavori non iniziarono fino alla dominazione giapponese, che completò la linea, unendola all'altezza di Seul alla linea Gyeongbu permettendo così di collegare verticalmente tutta la penisola coreana. La linea fu molto importante anche strategicamente durante il conflitto russo-giapponese.

La linea e la divisione fra le due Coree[modifica | modifica sorgente]

Dopo la divisione delle due Coree, anche il traffico della linea è stato interrotto, e i treni da Seul potevano spingersi fino a Munsan, dove si trova l'attuale capolinea. La linea in Corea del Nord, ora chiamata linea Pyǒngbu è stata totalmente elettrificata, anche se è per la maggior parte a binario unico. Nell'anno 2000, col proposito di riunificazione, la linea lungo il confine è stata riunita, ed è stata costruita la nuova stazione di Dorasan, vicinissima alla zona demilitarizzata. Saltuariamente viene utilizzata per gli spostamenti delle delegazioni dei due paesi.

Potenziamento della linea[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999 sono iniziati i lavori di potenziamento della linea in Corea del Sud per rendere la linea un corridoio ad alta capacità per i numerosi pendolari afferenti a Seul. Il 1º luglio 2009 è stata terminata l'opera di elettrificazione e raddoppio del tratto di 28,6 km fra la stazione di Digital Media City a Munsan, e per il 2012 si prevede di aprire l'ultima parte, ora in costruzione fra la stazione di Gajwa e la stazione di Yongsan. Il tracciato non più utilizzato della linea sarà riconvertito a parco.[1]

Servizi[modifica | modifica sorgente]

Servizio metropolitano di Seul[modifica | modifica sorgente]

La linea Gyeongui è diventata a tutti gli effetti parte integrante della metropolitana di Seul a partire dal 1º luglio 2009, quando è stata aperta la tratta fra Munsan e Digital Media City (DMC). Il 97% della linea scorre in superficie, e fuori dalla capitale scorre in mezzo a risaie, coltivazioni e foreste, senza addentrarsi in centri urbani di particolare entità, ad eccezione della città di Goyang, che supera il milione di abitanti.

La sezione fra DMC e la stazione di Seul in realtà è un ramo poco sfruttato, in quanto solo un paio di treni all'ora continuano fino a questo capolinea. Il 18 dicembre 2012 è stata aperta un'estensione fino alla stazione di Gongdeok che permette un maggior numero di interscambi con altre linee.

Quando attorno al 2014 sarà anche completato il tratto fra Gongdeok e la stazione di Yongsan, la linea potrà presumibilmente unirsi alla Linea Jungang formando a tutti gli effetti una lunghissima metropolitana (che potrebbe assumere il nome di linea 10).

Stazioni[modifica | modifica sorgente]

Servizio metropolitano di Seul[modifica | modifica sorgente]

Numero
Stazione
Nome stazione
Coreano
Hangul
Coreano
Hanja
Interscambi
Distanza
in km

Distanza
totale
K310
Yongsan
(2014)
용산역 龍山驛 Linea 1
Linea Jungang
Linea KTX Honam
Linea Sinbundang (2018)
---
0.0
K311
Hyochang
(2014)
효창역 孝昌驛
1.0
1.0
K312
Gongdeok 공덕역 孔德驛 Linea 5
Linea 6
Linea AREX
0.8
1.8
K313
Seogangdae 서강대역 西江大驛
2.5
4.3
K314
Hongdae-ipgu 홍대입구역 弘大入口驛 Linea 2
Linea AREX
1.5
5.8
K315
Gajwa 가좌역 加佐驛
2.4
8.2
K316
Digital Media City 디지털미디어시티역 디지털미디어시티驛 Linea 6
Linea AREX
1.7
9.9
K317
Susaek 수색역 水色驛
0.6
10.5
K318
Hwajeon 화전역 花田驛
3.4
13.9
K319
Gangmae 강매역 江梅驛
2.4
16.3
K320
Haengsin 행신역 幸信驛 Linea KTX Gyeongbu
0.5
16.8
K321
Neunggok 능곡역 陵谷驛
1.5
19.2
K322
Daegok 대곡역 大谷驛 Linea 3
1.8
21.0
K323
Goksan 곡산역 谷山驛
1.7
22.7
K323
Baengma 백마역 白馬驛
1.9
24.6
K324
Pungsan 풍산역 楓山驛
1.7
26.3
K325
Ilsan 일산역 一山驛
1.9
28.2
K326
Tanhyeon 탄현역 炭峴驛
1.7
29.9
K327
In progetto - -
ND
ND
K328
Unjeong 운정역 雲井驛
3.6
33.5
K329
Geumneung 금릉역 金陵驛
3.1
36.6
K330
Geumchon 금촌역 金村驛
2.1
37.7
K331
In progetto - -
ND
ND
K332
Wollong 월롱역 月籠驛
4.1
42.4
K333
Paju 파주역 坡州驛
2.2
45.1
K334
Munsan 문산역 汶山驛
4.4
49.5
Ramo della Stazione di Seul
Numero
Stazione
Nome stazione
Nome coreano
Hangul
Nome coreano
Hanja
Interscambi
Distanza
in km

Distanza
totale
P313
Seul
서울역 서울驛 Linea 1

Linea 4
Linea AREX
KTX

---
0.0
P314
Sinchon
신촌역 新村驛
3.1
3.1
K315
Gajwa
가좌역 加佐驛
2.7
5.8

Sezione Munsan - Dorasan[modifica | modifica sorgente]

La sezione di circa 10 km fra Munsan e Dorasan non è servita dai treni metropolitani, e non è elettrificata. Quasi tutti i treni terminano a Munsan, dove è possibile proseguire alla volta di Seul o Gongdeok con il servizio metropolitano.

Stazione Distanza
interst.
Distanza
totale
Collegamenti Posizione
Alfabeto Hangeul Hanja
Munsan 문산 汶山 4.4 46.3 Linea Gyeongui (servizio metropolitano) (K335) Paju
Gyeonggi-do
Uncheon 운천 雲泉 3.7 50.0  
Imjingang 임진강 臨津江 2.3 52.3  
Dorasan 도라산 都羅山 3.8 56.1 Ferrovie di stato della Corea del Nord: Linea Pyǒngbu

Servizi KTX[modifica | modifica sorgente]

Sulla linea circolano anche alcuni treni KTX per arrivare al deposito di Haengsin. Alcuni treni offrono comunque servizi passeggeri anche fino a questa stazione.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (KO) 폐철로 위에 핀 '녹색문화공원', The Chosun Ilbo, 9 novembre 2009. URL consultato il 30 dicembre 2010.
  2. ^ Booking, Korail. URL consultato il 18 ottobre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]