Linda Christian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Linda Christian con il secondo marito Edmund Purdom nel 1962

Linda Christian, nome d'arte di Blanca Rosa Henrietta Stella Welter Vorhauer (Tampico, 13 novembre 1923Palm Springs, 22 luglio 2011), è stata un'attrice statunitense di origine messicana in voga negli anni quaranta e cinquanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Messico da padre olandese, Gerardus Jacob Welter (1904–1981), ingegnere e amministratore della Royal Dutch Shell, e madre messicana, Blanca Rosa Vorhauer (1901-1992), proveniente da una famiglia di origini tedesche, francesi e spagnole. Era la prima di quattro figli. Dopo di lei nacquero Gerardus Jacob (1924), Ariadna Gloria (1930-1998), anche lei attrice, e Edward Albert (1932). Aspirava molto giovane a diventare fisico, finché alla fine delle scuole secondarie incontrò Errol Flynn, che la convinse ad abbandonare gli studi e iniziare la carriera cinematografica, procurandole un contratto di sette anni con la Metro-Goldwyn-Mayer. Debuttò nel 1944 con la commedia musicale Così vinsi la guerra[1] e si guadagnò presto il soprannome di The anatomic bomb, per la straordinaria bellezza[2].

Nel 1948 recitò nel film Tarzan e le sirene, che fu l'ultima apparizione di Johnny Weissmuller nel ruolo di Tarzan. Apparve poi nella versione televisiva di Casino Royale, (1954) grazie al quale può essere definita la prima Bond girl (Ursula Andress arriverà solo nel 1962), e nel 1963 in un giallo della serie tv L'ora di Hitchcock (Alfred Hitchcock Hour).[2]

In Italia girò svariati film, diretti tra gli altri da Camillo Mastrocinque, Francesco Rosi e Aldo Grimaldi. Fu tra i personaggi principali di Nel sole (1967), a fianco del genero Al Bano e della figlia Romina Power.

Nonostante la nutrita filmografia, la sua popolarità fu dovuta principalmente al matrimonio con l'attore statunitense Tyrone Power, celebrato a Roma il 28 gennaio del 1949, dopo due anni di fidanzamento, e festeggiato da migliaia di persone. L'abito da sposa fu realizzato dall'Atelier delle sorelle Fontana[3]. Le nozze furono un grande evento mediatico[2] e i due sposi vennero anche ricevuti da papa Pio XII. La chiesa scelta per la cerimonia fu la Basilica di Santa Francesca Romana, a pochi passi dal Colosseo, ed ispirò il nome della loro primogenita, Romina Francesca Power, meglio nota come Romina Power, nata nel 1951 all'ottavo mese di gestazione, dopo ben due aborti spontaneiLa stessa Christian raccontò in un'intervista di aver trascorso il periodo della gravidanza a letto, ferma, «come una malata».[senza fonte]. Dopo due anni, nel 1953, nacque la secondogenita Taryn Power (Taryn Stephanie Power), che come Romina seguì le orme artistiche dei genitori. La travagliata unione con Power terminò con il divorzio nel 1956.

Dopo circa un mese dal divorzio, iniziò una relazione con Alfonso de Portago, finita tragicamente per la morte del pilota nel corso dell'edizione del 1957 della celebre Mille Miglia, quando egli si schiantò con la sua Ferrari, uccidendo dieci spettatori[4].

In seguito è stata sposata, tra il 1962 ed il 1963, con l'attore inglese Edmund Purdom, con il quale si stabilì prima a Roma e poi nel Kent, in Inghilterra[5]. Tornò in Italia negli anni immediatamente successivi.

La sua ultima apparizione sulle scene risale al 1988 nel film Cambiamento d'aria, di Pietro Galasso.

Grazie ai frequenti spostamenti della sua famiglia d'origine tra Medio Oriente, Africa, Europa e America, e al suo amore per i viaggi, divenne una vera e propria poliglotta: parlava correttamente inglese, spagnolo, italiano, tedesco e francese, e superficialmente l'arabo e il russo.[4] Tra i suoi amici c'erano inoltre le persone più influenti della sua epoca. Fu la modella preferita del pittore Diego Rivera. Anche lei amava dipingere, soprattutto ritratti dei suoi otto nipoti.

Morì a 87 anni, il 22 luglio 2011, nella sua casa di Palm Springs in California, a causa di un tumore del colon di cui soffriva da tempo[6]. Negli ultimi tre anni della sua vita è stata assistita dalla primogenita Romina Power, con la quale, a suo dire, si era riconciliata dopo circa trent'anni d'incomprensioni[7][8].

Linda e la nipote Ylenia[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante si vedessero di rado, Linda e la nipote Ylenia Carrisi avevano un buon rapporto.[9] In diverse interviste[7] ha affermato di non credere, come sua figlia Romina e quasi tutti i componenti delle famiglie Carrisi e Power, alla versione della polizia di New Orleans sull'enigmatica scomparsa della nipote, che la darebbe per morta affogata nelle acque del Mississippi nel gennaio del 1994. Aveva dichiarato inoltre "tornerà per il mio funerale", circostanza purtroppo non verificatasi.[8]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.igossip.it/8064/linda-christian-morta-la-mamma-di-romina-power.html
  2. ^ a b c E' morta Linda Christian la bellissima di Hollywood, La Repubblica, 23 luglio 2011. URL consultato il 23 luglio 2011.
  3. ^ Linda Christian, vestendo abiti delle Sorelle Fontana, alimentò la loro fama, in particolar modo con la scelta di una loro creazione per il matrimonio con Tyrone Power.[senza fonte]
  4. ^ a b Addio a Linda Christian, diva di Hollywood e madre di Romina Power - Adnkronos Spettacolo
  5. ^ I SEGRETI DI ROMINA POWER di Cesare Lanza
  6. ^ Il sole 24 ore - Notizia annunciata dalla figlia Romina Power
  7. ^ a b Lutto a hollywood - Addio a Linda Christian | Liguria | cultura | Il SecoloXIX
  8. ^ a b Leggo - Muore Linda Christian Attrice E Mamma Di Romina
  9. ^ Linda Christian: " mia nipote, una giovane inquieta e insoddisfatta "

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Linda - A dazzling often shocking memoir by the world's most seductive woman, LINDA CHRISTIAN, her own story told in her own words - Dell editore - Autobiografico.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2422500 LCCN: nr2004037389