Linciaggio di Jesse Washington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Washington penzolante da un albero dopo essere stato gravemente ustionato.

Il linciaggio di Jesse Washington, un bracciante adolescente afroamericano, avvenne a Waco, nel Texas, il 15 maggio 1916, e divenne un ben noto esempio di linciaggio motivato da odio razziale. Washington era accusato di aver stuprato e ucciso Lucy Fryer, moglie del suo datore di lavoro, nella città di Robinson. In assenza di testimoni, Washington firmò una confessione sotto interrogatorio, diretto dallo sceriffo della Contea di McLennan, e indicò il luogo dove venne in seguito rinvenuta l'arma del delitto.

Washington fu pertanto processato per omicidio a Waco, in un'aula di tribunale gremita di gente furiosa. In tale occasione si dichiarò colpevole e fu rapidamente condannato a morte. Dopo che la condanna fu pronunciata, il pubblicò trascinò il ragazzo fuori dall'aula e lo linciò davanti al municipio. Oltre diecimila persone, tra le quali funzionari pubblici della città e membri della polizia, assistettero all'esecuzione. Le fonti registrano un'atmosfera festosa tra i presenti all'evento, che avvenne durante la pausa pranzo, e riportano anche la presenza di parecchi bambini. Gli aggressori castrarono Washington, gli mozzarono le dita e lo mantennero sospeso sopra un falò: fu ripetutamente abbassato e risollevato sopra le fiamme per circa due ore. Dopo che il fuoco fu estinto, il corpo carbonizzato fu trascinato in giro per la città, mentre sue parti venivano vendute come souvenir. Un fotografo professionista poté scattare alcune fotografie durante l'evento, fornendo rare immagini di un linciaggio in corso; le immagini furono in seguito stampate e vendute a Waco come cartoline.

Sebbene il linciaggio avesse trovato l'approvazione di numerosi cittadini di Waco, fu condannato sui giornali di tutti gli Stati Uniti. La National Association for the Advancement of Colored People (NAACP) assunse Elisabeth Freeman, che indagò in modo dettagliato sull'accaduto, nonostante la riluttanza di molti residenti di Waco nel parlarne. Ricevuto il rapporto della Freeman, W. E. B. Du Bois, editore e cofondatore della NAACP, pubblicò su The Crisis un resoconto dettagliato degli eventi e le foto del corpo carbonizzato di Jesse Washington, immagini che caratterizzarono la campagna anti-linciaggio dell'associazione.

In quegli anni Waco era considerata una città moderna e progressista, ma il linciaggio di Jesse Washington dimostrò inequivocabilmente che la violenza razziale vi era ancora tollerata; il linciaggio fu indicato come "l'orrore di Waco" (Waco horror). La città ne guadagnò la reputazione di essere razzista, nonostante i dirigenti cittadini avrebbero impedito altre azioni violente nei decenni successivi. Alcuni storici annotano che la morte di Washington contribuì a modificare la percezione del linciaggio negli Stati Uniti: la notorietà che raggiunse e la riprovazione che ne derivò ridussero il sostegno che tale pratica aveva avuto in precedenza dal pubblico e dalle autorità locali; la pratica del linciaggio assunse di fatto i connotati di un atto di barbarie e non più quelli di una forma accettabile di giustizia.

Contesto[modifica | modifica sorgente]

Una raffigurazione del 1911 dei residenti di Waco, che testimonia il desiderio della città di presentarsi come una località idilliaca.

Nel tardo XIX secolo e agli inizi del XX secolo, negli Stati Uniti meridionali si verificò un numero significativo di casi di linciaggio, soprattutto di afroamericani in Georgia, Mississippi e Texas. Tra il 1890 e il 1920, gli afroamericani uccisi in tal modo furono circa 3.000, solitamente accusati di aver commesso reati contro i bianchi. I sostenitori della pratica del linciaggio la giustificavano come necessaria per dominare i neri, cui attribuivano una natura criminale.[1] La pratica inoltre riaffermava un senso di solidarietà tra i bianchi in una società in cui la demografia e le strutture di potere stavano cambiando.[2]

Sebbene fosse tollerato da gran parte della società del Sud, il linciaggio incontrava anche i primi oppositori, tra i quali i leader religiosi della nascente National Association for the Advancement of Colored People (NAACP).[1] Nel 1916, Waco era una città prospera con una popolazione superiore ai 30.000 abitanti. Associata al crimine nel XIX secolo, cercò di cambiare reputazione, presentandosi come una località idilliaca. Per gli anni dieci del Novecento, questa strategia aveva avuto successo: l'economia si era rafforzata e aveva guadagnato la fama di essere una città compassionevole.[3] Nella zona era emersa una classe media tra le persone di colore, così come due università loro riservate.[4] Alla metà degli anni dieci, il 20 % circa della popolazione della città era di colore.[5] Nel 2006, la giornalista Patricia Bernstein ha descritto la città di allora come avente una "sottile patina" di pace e rispettabilità.[6]

Tuttavia, c'era tensione razziale in città: i quotidiani locali davano risalto ai crimini commessi da afroamericani e nel 1905, Sank Majors, un uomo di colore, era stato impiccato ad un ponte in prossimità di Waco.[4] D'altra parte, nella zona vivevano attivisti anti-linciaggio, tra i quali il presidente della Baylor University.[7] Nel 1916, diversi fattori condussero localmente ad un incremento del livello di razzismo, tra questi la proiezione di Nascita di una nazione (The Birth of a Nation), film che promuoveva la supremazia bianca e glorificava il Ku Klux Klan, e la vendita di fotografie di un recente caso di linciaggio di un uomo di colore a Temple.[4]

Dall'omicidio all'arresto[modifica | modifica sorgente]

L'8 maggio 1916, Lucy Fryer fu uccisa mentre si trovava da sola in casa a Robinson.[8] Lei e il marito erano immigrati dall'Inghilterra, ed erano i rispettati gestori di una fattoria.[9] La notizia del delitto raggiunse in breve tempo lo sceriffo della Contea di McLennan, Samuel Fleming, che avviò immediatamente le indagini, coadiuvato dalle forze di polizia, oltre che da un gruppo di uomini del posto e da un dottore. Quest'ultimo determinò che Fryer era stata colpita alla testa con un corpo contundente e questo ne aveva provocato il decesso. Gli uomini del posto sollevarono sospetti riguardo al fatto che il responsabile del delitto potesse essere Jesse Washington, un diciassettenne afroamericano che aveva lavorato alla fattoria dei Fryer per cinque mesi;[10] uno di loro dichiarò inoltre di aver visto il ragazzo in prossimità della fattoria poco prima del ritrovamento del cadavere della donna.[11]

Quella notte, gli aiutanti dello sceriffo raggiunsero l'abitazione di Washington e lo trovarono davanti alla casa con addosso i vestiti da lavoro sporchi di sangue,[10] particolare che lui attribuì ad un'epistassi.[12] Jesse, suo fratello William e i loro genitori furono condotti a Waco per essere interrogati dallo sceriffo; mentre i genitori e il fratello di Jesse furono presto rilasciati, lui fu trattenuto per altre domande. Gli uomini che lo avevano interrogato dichiararono in seguito che aveva negato la propria responsabilità riguardo al delitto, ma aveva fornito anche dettagli contraddittori sulle proprie azioni.[10] Nel frattempo si diffusero delle voci riguardo al fatto che lui avesse avuto un alterco con un uomo bianco, pochi giorni prima del delitto.[11]

Il 9 maggio, Fleming portò Washington nella Contea di Hill, dove lo sceriffo locale, Fred Long, lo interrogò nuovamente con Fleming presente: Washington allora confessò di aver ucciso la donna in seguito ad una discussione per dei muli, e descrisse l'arma del delitto e dove fosse collocata.[13][14] Mentre lo sceriffo Long portava Washington a Dallas, dove il ragazzo dettò e firmò una dichiarazione che descriveva lo strupro e l'omicidio di Lucy Fryer, lo sceriffo Fleming faceva ritorno a Robinson e, nel posto indicato da Washington, trovava un martello insanguinato.[13] L'indomani, la confessione fu pubblicata sui quotidiani di Waco,[13] che descrissero con clamore i tentativi di Fryer di resistere all'aggressione dell'omicida, nonostante il dottore che aveva esaminato il cadavere avesse concluso che era stata uccisa prima di poter opporre qualsiasi resistenza.[15] Quella notte si radunò una folla intenzionata a linciare il ragazzo, ma desistette non essendo riuscita a trovare la sua prigione;[13] ciononostante, un giornale locale lodò il tentativo.

Fu quindi allestito un piccolo funerale privato per Lucy Fryer.[16] L'11 maggio, fu riunito il gran giurì nella Contea di McLennan, che rapidamente redasse un atto d'accusa contro Washington; il processo fu fissato per il 15 maggio.[13] Il Times-Herald di Waco pubblicò il 12 maggio una nota, chiedendo ai cittadini di lasciare che fosse il tribunale a decretare il destino di Washington.[17] Anche lo sceriffo Fleming intervenne e si recò a Robinson il 13 maggio, chiedendo ai residenti di mantenere la calma, richiesta che - è riportato - fu ben accolta.[18] Alla difesa di Washington furono assegnati alcuni avvocati privi di esperienza,[19] che non prepararono una difesa, ma notarono come il ragazzo fosse calmo nei giorni precedenti al processo.[20]

Il processo e il linciaggio[modifica | modifica sorgente]

La folla assiste alla linciaggio.

La mattina del 15 maggio, il tribunale di Waco si riempì rapidamente in attesa del processo: la folla era tale da impedire quasi l'ingresso di alcuni giurati. Dalle fonti dell'epoca risulta che fossero giunti più di duemila spettatori,[21][22] prevalentemente bianchi, sebbene fossero presenti anche alcuni membri della comunità nera della città. Mentre Washington veniva condotto in aula, un uomo dal pubblico, che fu rapidamente sopraffatto, gli puntò una pistola contro.[23] All'avvio del processo, il giudice intervenne per mantenere l'ordine, insistendo affinché il pubblico rimanesse in silenzio. La selezione della giuria procedette rapidamente, con la difesa che non contestò le scelte dell'accusa.[23] Bernstein ha asserito che nell'aula si respirava il clima di un "processo farsa".[24].

Al momento della dichiarazione iniziale, il giudice spiegò a Washington quali risposte avrebbe potuto indicare; il ragazzo mormorò qualcosa, probabilmente un sì, che fu interpretato dalla corte come una dichiarazione di colpevolezza. Dopo che il pubblico ministero ebbe illustrato l'accusa, la corte ascoltò le testimonianze dei membri delle forze dell'ordine e del dottore che aveva esaminato il corpo della signora Fryer. Quest'ultimo descrisse le cause della morte, ma non fece alcun cenno ad uno stupro. Terminata la fase accusatoria, l'avvocato difensore si rivolse direttamente a Washington, chiedendogli se avesse commesso il reato. Il ragazzo rispose: «That's what I done [sic]» (è quel che ho fatto) e si scusò. Il procuratore capo, rivolgendosi alla corte, affermò allora che il processo si era protratto abbastanza, ottenendo un'ovazione dalla folla. La giuria, quindi, fu invitata a deliberare.[23]

Il corpo di Washington ancora penzolante dall'albero a cui è stato impiccato.

Dopo solo quattro minuti di discussione, il portavoce della giuria annunciò un verdetto di colpevolezza e la condanna a morte:[25] il processo era durato in totale appena un'ora.[26] Gli ufficiali della Corte si avvicinarono a Washington per scortarlo via, ma furono messi da parte dalla massa degli spettatori, che s'imposessarono del condannato, trascinandolo fuori a forza.[25] Inizialmente Washington tentò di resistere e morse un aggressore, ma fu presto sopraffatto;[27] gli fu posta una catena intorno al collo e con essa venne trascinato verso il municipio da una folla via via crescente, nonché accoltellato e picchiato ripetutamente con oggetti contundenti. Accanto a un albero di fronte all'edificio, era stata allestita della legna per un rogo. Washington, ormai semicosciente e coperto di sangue, fu cosparso d'olio, impiccato all'albero attraverso la catena e poi abbassato a terra.[25][28]

A quel punto subì il taglio dei genitali e delle dita di mani e piedi:[25] il fuoco ormai ardeva e Washington fu più volte sollevato e abbassato verso le fiamme fino a quando non bruciò a morte. Lo studioso tedesco Manfred Berg ha affermato che i carnefici tentarono di tenerlo in vita il più a lungo possibile, per aumentarne la sofferenza.[29] Il ragazzo tentò di arrampicarsi sulla catena per sfuggire alle fiamme, ma, avendo le dita mozzate, non riuscì nell'intento.[30] Il fuoco fu spento dopo due ore, permettendo agli astanti di raccogliere dei macabri "souvenir", comprese le ossa del ragazzo e le maglie della catena:[25] uno dei partecipanti conservò parte dei genitali,[31] un gruppo di bambini estrasse persino i denti dalla testa per venderli come cimeli. Una volta spentesi le fiamme, il cadavere di Washington riportava bruciature gravissime alle gambe e alle braccia mentre il torso e la testa erano completamente carbonizzati. Quel che restava del corpo, una volta rimosso dall'albero, fu legato dietro ad un cavallo e trascinato per tutta la città. I resti furono quindi trasportati a Robinson, dove furono esposti pubblicamente fino a quando un poliziotto, alla fine della giornata, riuscì ad entrarne in possesso per seppellirli.[25]

Il cadavere carbonizzato di Jesse Washington tra la cenere.

Il linciaggio, sebbene ufficialmente illegale in Texas, aveva coinvolto una grande folla, che includeva il sindaco e il capo della polizia di Waco.[25][32] Lo sceriffo Fleming ordinò ai suoi sottoposti di non interrompere l'aggressione, e nessuno fu arrestato dopo l'evento.[33] Bernstein ha ipotizzato che tale scelta possa essere stata motivata dalla volontà di assecondare un'aspettativa di maggiore durezza nei confronti del crimine, allo scopo di favorire la propria rielezione quell'anno.[34] Anche il primo cittadino John Dollins potrebbe aver incoraggiato la folla, ritenendo che ciò avrebbe potuto avvantaggiarlo politicamente,[35] dato che ben 15.000 persone avevano assistito alle torture.[36] La recente diffusione del telefono ebbe un effetto dirompente sul linciaggio perché, tramite il rapido passaparola che permise, gli spettatori si raccolsero più rapidamente e più numerosi di quanto non sarebbe stato possibile in precedenza.[37] I media locali riferirono che "grida di gioia" erano state sentite mentre Washington bruciava sul rogo, anche se annotarono che c'erano spettatori che disapprovavano.[38]

Il Waco Semi-Weekly Tribune sostenne che alcuni residenti di colore avevano assistito al linciaggio, affermazione che lo storico Grace Hale dell'Università della Virginia guarda con scetticismo.[39] Per quanto riguarda la comunità che partecipò al linciaggio, essa era composta soprattutto da cittadini di Waco, che non avevano avuto contatti diretti con la famiglia Fryer (e probabilmente nemmeno conoscevano la donna, neppure per nome);[35] solo qualcuno veniva dalle limitrofe comunità agricole, giunto in città solo per assistere al processo.[39][40] Poiché l'esecuzione avvenne intorno a mezzogiorno, anche alcuni bambini poterono assistervi (qualcuno di loro si arrampicò su un albero per avere una visuale migliore);[25][41] questo non fu considerato sbagliato o diseducativo: molti genitori infatti consideravano l'accaduto una buona occasione per ribadire la supremazia bianca,[42] mentre altri ritenevano che la partecipazione diretta ad un linciaggio costituisse un valido rito di passaggio.[43]

Immediate conseguenze[modifica | modifica sorgente]

Cartolina (fronte e retro) che ritrae il cadavere carbonizzato di Jesse Washington esposto a Robinson.

Fred Gildersleeve, fotografo professionista operante a Waco, raggiunse il municipio poco prima che iniziasse il linciaggio, forse su richiesta del sindaco, e fotografò l'evento.[44] Le sue fotografie forniscono una rara testimonianza di un linciaggio in corso; per la tempistica degli eventi, infatti, solitamente venivano scattate a linciaggio finito e ritraevano soltanto le vittime ormai giustiziate.[45] Gildersleeve invece fotografò sia la folla da un edificio sulla piazza, sia il corpo di Jesse Washington da distanze ravvicinate, forse coadiuvato da un assistente.[46] Tra le cartoline che stampò, ce ne sono alcune che ritraggono adolescenti - anche dodicenni - raccoltisi attorno al cadavere.[47] Nessuno dei presenti fece alcun tentativo per celare la propria identità e ciò potrebbe significare che fossero consci che non sarebbero stati successivamente perseguiti.[48] Inizialmente alcune cartoline furono spedite, ma successivamente intervennero in diversi per convincere Gildersleeve ad interrompere la loro vendita, temendo che avrebbero potuto caratterizzare negativamente la città.[49]

Nei giorni seguenti il linciaggio, i giornali lo condannarono ferocemente.[50] Entro una settimana, la notizia era stata ripresa anche dai quotidiani londinesi.[51] Un editoriale del New York Times espresse l'opinione che «in nessun'altra terra che anche facesse finta di essere civilizzata un uomo avrebbe potuto essere bruciato a morte nelle strade di una città considerevole, tra l'esultanza selvaggia dei suoi abitanti».[52] Sul New York Age, James Weldon Johnson descrisse i membri della folla che come «inferiori a qualunque altro popolo che oggi abiti la Terra».[53] Sebbene numerosi quotidiniani degli Stati Uniti meridionali avessero precedentemente difeso la pratica del linciaggio come strumento di dissuasione accettabile per una società civile, dopo l'esecuzione di Washington non si espressero in tal senso.[54] Il Montgomery Advertiser scrisse che «nessun selvaggio era mai stato più crudele... degli uomini che parteciparono a quest'episodio orribile e pressoché incredibile».[55] In Texas, lo Houston Chronicle e l'Austin American criticarono la folla, ma difesero Waco.[56] Il Morning News di Dallas riportò la notizia, ma non l'accompagnò alcun editoriale.[57] A Waco, il Times-Herald si astenne dal commentare il linciaggio; il Waco Morning News espresse brevemente la propria disapprovazione sull'accaduto, ma focalizzò poi l'attenzione sulle critiche ingiuste che gli altri quotidiani stavano rivolgendo alla città, liquidandoli con un lontano richiamo alla Pericope dell'adultera.[58] Il linciaggio fu difeso sul Waco Semi-Weekly Tribune, dove fu espresso che Washington meritava la morte e che i neri avrebbero dovuto considerare la sua esecuzione come un avvertimento contro il crimine;[59] successivamente, come testimonianza dell'attacco che la città stava subendo, riportò un editoriale precedentemente apparso sullo Houston Post che condannava il linciaggio.[58]

Tra i residenti di Waco si levarono alcune voci di condanna,[60] in particolare le locali autorità religiose e i dirigenti della Baylor University.[35] Il giudice che aveva presieduto il processo apostrofò come «assassini» coloro che avevano preso parte al linciaggio; anche il portavoce della giuria espresse alla NAACP la propria disapprovazione.[35][61] Tra gli spettatori, ci fu chi manifestò incubi persistenti e traumi psicologici.[62] I funzionari cittadini sostennero che il linciaggio aveva visto la partecipazione di pochi scontenti[48] e, sebbene fossero contraddetti dalle stesse fotografie scattate quel giorno, questa posizione è mantenuta in diversi resoconti storici sulla città.[63] Non ne risultarono danneggiati né il sindaco Dollins, né il capo della polizia McNamara, il cui rispetto in città rimase immutato, nonostante non avessero tentato in alcun modo di sedare la folla.[64] Nessuno fu perseguito per l'accaduto.[65]

Anche nella comunità nera cittadina, si espressero pubbliche condoglianze solo alla famiglia Fryer, mentre le lamentele riguardo del linciaggio avvennero solo in privato. L'unica eccezione fu il giornale Paul Quinn Weekly del Paul Quinn College - istituzione afroamericana - che pubblicò diversi articoli nei quali furono criticati la folla e le autorità cittadine. In un articolo venne addirittura espressa l'opinione che Jesse Washington fosse innocente e che fosse stato George Fryer ad uccidere la moglie Lucy. A. T. Smith, caporedattore del giornale, fu successivamente condannato per diffamazione.[66] Anche George Fryer querelò l'istituto e la sua veemenza portò alcuni suoi concittadini a sospettare che avesse avuto un qualche ruolo nella morte della moglie.[67] Bernstein ritiene che ciò sia «altamente improbabile», per quanto sia rimasta un'ombra sul suo possibile ruolo.[67]

Inchiesta e campagna della NAACP[modifica | modifica sorgente]

La National Association for the Advancement of Colored People (NAACP) assunse Elisabeth Freeman - suffragetta newyorkese - per condurre un'inchiesta sull'accaduto.[68][69] La Freeman aveva raggiunto il Texas alla fine del 1915 o all'inizio del 1916 per partecipare all'organizzazione del locale movimento femminista. Dopo aver partecipato ad un convegno sull'emancipazione femminile a Dallas nei primi di maggio, si recò a Waco, dove, fingendo di essere una giornalista, tentò di raccogliere interviste sul linciaggio, ma trovò che quasi tutti risultavano restii a parlarne.[68][70] Convincendole che il suo obiettivo fosse difendere Waco - una volta tornata a New York - dalle critiche che gli venivano mosse,[71] fu ricevuta delle autorità cittadine e riuscì anche ad ottenere alcune fotografie da un restio Gildersleeve.[68][72] Destò invece i sospetti di alcuni giornalisti che consigliarono di non fornirle altre informazioni.[71] Fu invece bene accolta dalla comunità dei residenti afroamericani.[73]

Sia lo sceriffo Fleming, sia il giudice che aveva presieduto il processo sostennero di non meritare biasimo per l'accaduto.[74] Un insegnante che aveva conosciuto Washington lo descrisse come un illetterato, incapace di imparare a leggere.[75] Elisabeth Freeman trovò dunque che la comunità bianca avallava l'avvenuto linciaggio, sebbene in molti esprimessero disgusto per le mutilazioni inferte al ragazzo.[76] Sebbene la NAACP scelse di non rivelare le loro identità, la Freeman individuò anche chi aveva diretto la folla: un muratore, il gestore di un saloon e diversi impiegati di una compagnia che commerciava ghiaccio.[37][77] Concluse che Washington aveva ucciso Lucy Fryer, motivato dalla prepotenza della donna nei suoi confronti.[49]

W. E. B. Du Bois nel 1918.

W. E. B. Du Bois, arrabbiato dalla notizia dell'aggressione, dichiarò: «qualsiasi discorso sul trionfo della Cristianità, o sulla diffusione della cultura umana, rimane una chiacchiera oziosa finché il linciaggio di Waco sarà possibile negli Stati Uniti».[78] Ricevuto il rapporto di Elisabeth Freeman, pubblicò una fotografia scattata durante il linciaggio sulla copertina di The Crisis, rivista della NAACP.[72] Il fascicolo che trattava dell'evento fu intitolato The Waco Horror (L'orrore di Wako) e fu pubblicato come un supplemento di otto pagine al numero di luglio della rivista.[79] Sebbene lo Houston Chronicle e il New York Times avessero già utilizzato la parola "orrore" per descrivere l'evento, fu Du Bois ad associarla definitivamente al linciaggio di Washington.[80] Nel 1916, The Crisis ebbe una tiratura di 30.000 copie, tre volte il numero dei soci della NAACP.[81] Benché la rivista avesse condotto precedentemente campagne contro il linciaggio, fino al luglio del 1916 non aveva mai pubblicato immagini delle vittime. Fu Du Bois ad insistere per mutare la linea editoriale, vincendo le perplessità della direzione della NAACP, convinto che una copertura dell'evento senza censura avrebbe spinto gli americani bianchi a sostenere la necessità di un cambiamento.[82] Fu lui a scrivere il resoconto del linciaggio pubblicato sulla rivista,[83] includendo le interviste raccolte da Elisabeth Freeman a Waco,[84] ma senza nominarla.[83] L'articolo si concludeva con un appello a sostenere il movimento anti-linciaggio.[83][79] La NAACP distribuì il rapporto a centinaia di giornali e politici, campagna che portò ad un'ampia condanna del linciaggio. In molti tra i bianchi furono disturbati dalle manifastazioni esaltate di chi aveva sostenuto il linciaggio.[49] L'attenzione rivolta alla morte di Washington su The Crisis non scemò nei numeri seguenti. In un numero successivo, Oswald Garrison Villard scrisse che «il crimine di Waco è una sfida alla nostra civiltà americana».[85]

Anche altri giornali rivolti alla comunità afroamericana fornirono una copertura significativa del linciaggio, così come giornali liberali quali The New Republic e The Nation.[86] Elisabeth Freeman girò per gli Stati Uniti riportando gli esiti della sua inchiesta, sostenendo che un cambiamento nell'opinione pubblica sarebbe potuto risultare più fruttuoso delle azioni legislative.[67] Sebbene ci fossero stati altri linciaggi brutali quanto quello di Jesse Washington, la disponibilità di immagini e le modalità che condussero alla morte del ragazzo, lo resero una cause célèbre.[87] I leader della NAACP valutarono l'opzione di appurare in tribunale le responsabilità della morte di Washington, ma rinunciarono a causa dei costi che ne sarebbero potuti derivare.[88]

La NAACP andò incontro a problemi finanziari in quegli anni:[81] Nonostante un successo iniziale nella raccolta fondi per la campagna anti-linciaggio, l'ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale comportò un ridimensionamento del finanziamento accordato all'associazione.[87][89] In seguito, il presidente della NAACP Joel Elias Spingarn dichiarerà che in quegli anni l'associazione era riuscita a rendere «nella mente del pubblico il linciaggio come qualcosa di simile a un problema nazionale».[90] Nel suo studio del 2006 sul linciaggio, Bernstein descrive la campagna anti-linciaggio della NAACP come l'«inizio più desolato di una battaglia che sarebbe durata molti anni».[91]

Il numero dei linciaggi negli Stati Uniti aumentò nei tardi anni dieci del Novecento.[92] Negli anni venti si verificarono a Waco altri linciaggi, in parte dovuti alla rinascita del Ku Klux Klan,[93] ma, per la fine del decennio, le autorità cittadine intervennero attivamente per impedire che potessero ripetersi episodi analoghi[94] soprattutto per ragioni economiche: la pubblicità negativa che ormai li accompagnava, infatti, vanificava gli sforzi volti ad attrarre investitori.[95] Grazie all'azione della NAACP, inoltre, attecchì con successo nella pubblica opinione la sensazione che il linciaggio fosse una pratica selvaggia e barbarica.[96] Bernstein attribuisce all'associazione di aver contribuito con le proprie azioni a porre termine alle «peggiori atrocità pubbliche del sistema razzista» nella regione di Waco.[97]

Analisi storica e lascito[modifica | modifica sorgente]

Anche recentemente alcuni storici si sono domandati se Washington abbia effettivamente commesso il delitto e non tutti concordano sulla risposta. Mentre Manfred Berg, nel 2011, individua ancora in Washington il responsabile dell'omicidio della signora Fryer, sebbene dubiti che il ragazzo l'abbia stuprata,[14] Julie Armstrong della University of South Florida assolve il ragazzo da entrambe le accuse.[98] Patricia Bernstein pone l'attenzione sul fatto che non fu individuato il movente che avrebbe portato Washington a compiere il delitto; la confessione - argomenta - potrebbe essergli stata estorta e l'arma del delitto, la prova più forte della sua colpevolezza, potrebbe essere stata collocata sul posto dalla polizia.[99]

La Bernstein individua nel linciaggio di Jesse Washington un evento unico rispetto ad atti di violenza simili che pur si verificarono in quel periodo, in piccole località e con pochi spettatori. L'evento avvenne, infatti, in una città grande rispetto alle località circostanti, un capoluogo di contea con la fama di essere progressista, e furono in migliaia, eccitati della brutali torture cui Jesse fu sottoposto, ad assistervi.[100] William Carrigan della Rowan University cerca una spiegazione per tale supporto e l'individua nella cultura della violenza che esisteva nel Texas centrale, dove le azioni punitive di gruppo erano state esaltate per decenni.[101] Grace E. Hale vede nell'episodio un momento di transizione nella pratica del linciaggio, che ne dimostra l'approvazione anche nelle città modernizzate del XX secolo.[102] Pone anche attenzione al come nuovi strumenti frutto dell'avanzamento della tecnica, quali il telefono o macchine fotografiche dal costo modesto, abbiano da un lato rafforzato gli assalitori, ma dall'altro anche aumentato la reazione di condanna alle loro azioni da parte della società.[103]

Peter Ehrenhaus e A. Susan Owen in uno studio del 2004 paragonano il linciaggio ad un sacrificio, argomentando che i residenti di Wako avrebbero provato un senso collettivo di giustizia dopo la morte di Washington, perché vedevano il ragazzo come una presenza maligna nella comunità.[104] Secondo la Bernstein la brutalità pubblica che caratterizzò il linciaggio fu paragonabile a quella del supplizio medievale dell'hanging, drawing, and quartering, praticato in Inghilterra per punire chi si fosse macchiato di alto tradimento.[105]

Amy Louise Wood della Illinois State University descrive l'evento come «un momento determinante nella storia del linciaggio», argomentando che con la morte di Washington, «la pratica del linciaggio iniziò a spargere i semi del proprio tracollo»[106] Infatti, le fotografie, esemplificative della violenza motivata da odio razziale, che furono scattate quel giorno divennero un potente mezzo comunicativo nelle campagne del movimento anti-linciaggio, controbilanciando i giovamenti che i suprematisti bianchi ottenevano da tali eventi.[107] Il linciaggio di Jesse Washington ottenne un'attenzione dall'opinione pubblica statunitense superiore a qualunque altro episodio analogo e Carrigan lo vede come un «punto di svolta nella storia della violenza di gruppo nel Texas centrale».[108] Infatti, sebbene il clamore sollevato non impedì altri linciaggi, questi non ricevettero più il sostegno pubblico delle autorità locali.[59] Inoltre, Carrigan lo ritiene «il giorno più infame nella storia del Texas centrale» fino all'assedio di Waco del 1993.[109]

Cessata la pratica del linciaggio nel Texas centrale, gli storici locali dedicarono poca attenzione alla sua analisi.[96] Tuttavia nei manuali di storia, Waco acquisì la reputazione di una città razzista, provocando l'irritazione della popolazione bianca.[110] Negli anni successi al linciaggio di Washington, gli afroamericani la considerarono con disdegno e alcuni videro l'abbatersi di un potente tornado sulla città nel 1953 come una punizione divina.[111] Le autorità locali risposero in maniera non-violenta alle manifestazioni che il movimento per i diritti civili programmò a Waco, forse anche per evitare di stigmatizzare nuovamente la città.[112]

Il musicista blues Sammy Price, che è vissuto a Waco da bambino, ha registrato una versione di Hesitation Blues che fa riferimento al linciaggio di Washington.[113] L'evento chiave del romanzo Sironia, Texas (1952), l'opera più nota di Madison Cooper, originario di Waco, è un linciaggio basato su quello del 1916 di Jesse Washington.[114]

Negli anni novanta, Lawrence Johnson, membro del consiglio cittadino di Waco, propose di erigere un monumento in ricordo del linciaggio dopo aver visto delle fotografie conservate dal privato National Civil Rights Museum di Memphis.[115] Nel 2002, un secondo consigliere cittadino, Lester Gibson, propose invece di apporre sul palazzo di giustizia una placca commemorativa, che magari recasse delle scuse da parte della città.[116] L'idea di un qualche memoriale fu rivitalizzata anche da un commissario della contea di McLennan e dalla camera di commercio di Waco, trovando l'appoggio del Waco Herald Tribune, ma non si è giunti poi ad alcuna realizzazione.[117][115] C'è da segnalare inoltre che i discendenti dei coniugi Fryer si sono opposti pubblicamente alla realizzazione di un memoriale.[117][77]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b J.M. SoRelle, op. cit., pp. 183-184, 2007.
  2. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 179, 2006.
  3. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 11-13, 2006
  4. ^ a b c A.L. Wood, op. cit., pp. 179-180, 2009.
  5. ^ W.D. Carrigan, op. cit., pp. 171-172, 2006.
  6. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 21, 2006
  7. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 80, 2006
  8. ^ J.M. SoRelle, op. cit., p. 185, 2007.
  9. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 88-89, 2006
  10. ^ a b c J.M. SoRelle, op. cit., pp. 185-186, 2007.
  11. ^ a b P. Bernstein, op. cit., p. 90, 2006
  12. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 92, 2006
  13. ^ a b c d e J.M. SoRelle, op. cit., pp. 186-187, 2007.
  14. ^ a b M. Berg, op. cit., p. 102, 2011.
  15. ^ G.E. Hale, op. cit., p. 215, 1998.
  16. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 93-94, 2006
  17. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 101-102, 2006
  18. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 101, 2006
  19. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 100, 2006
  20. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 102, 2006
  21. ^ J.M. SoRelle, op. cit., p. 188, 2007.
  22. ^ C. Waldrep, op. cit., pp. 66-67, 2009.
  23. ^ a b c J.M. SoRelle, op. cit., pp. 188-189, 2007.
  24. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 63, 2007.
  25. ^ a b c d e f g h J.M. SoRelle, op. cit., pp. 189-191, 2007.
  26. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 106, 2006.
  27. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 108, 2006.
  28. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 1, 2006.
  29. ^ M. Berg, op. cit., p. 103, 2011.
  30. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 2, 2006.
  31. ^ K. DuRocher, op. cit., p. 124 2011.
  32. ^ C. Waldrep, op. cit., p. 67, 2009.
  33. ^ M. Berg, op. cit., pp. 103–104, 2011.
  34. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 85, 2006.
  35. ^ a b c d A.L. Wood, op. cit., p. 181, 2009.
  36. ^ K. DuRocher, op. cit., p. 113 2011.
  37. ^ a b G.E. Hale, op. cit., p. 216, 1998.
  38. ^ A.L. Wood, op. cit., p. 66, 2009.
  39. ^ a b G. Hale, op. cit., p. 217, 1998.
  40. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 111, 2006.
  41. ^ K. DuRocher, op. cit., p. 104 2011.
  42. ^ K. DuRocher, op. cit., pp. 114, 119 2011.
  43. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 187, 2006.
  44. ^ A.L. Wood, op. cit., p. 179, 2009.
  45. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 3, 2006
  46. ^ A.L. Wood, op. cit., p. 395, 2005.
  47. ^ K. DuRocher, op. cit., p. 109-110 2011.
  48. ^ a b M. Berg, op. cit., p. 104, 2011.
  49. ^ a b c D. Apel, op. cit., pp. 31-32, 2004.
  50. ^ A.L. Wood, op. cit., p. 180, 2009.
  51. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 130, 2006
  52. ^ (EN) «in no other land even pretending to be civilized could a man be burned to death in the streets of a considerable city amid the savage exultation of its inhabitants»
    A.L. Wood, op. cit., p. 180, 2009.
  53. ^ (EN) «lower than any other people who at present inhabit the earth.»
    P. Bernstein, op. cit., p. 131, 2006
  54. ^ G.E. Hale, op. cit., p. 220, 1998.
  55. ^ (EN) «no savage was ever more cruel ... than the men who participated in this horrible, almost unbelievable episode».
    W.D. Carrigan, op. cit., p. 190, 2006.
  56. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 11, 2006; J.M. SoRelle, op. cit., pp. 191-193, 2007.
  57. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 127, 2006.
  58. ^ a b P. Bernstein, op. cit., pp. 142-144, 2006.
  59. ^ a b W.D. Carrigan, op. cit., p. 189, 2006.
  60. ^ Alcuni cittadini valutarono anche l'opzione di manifestare pubblicamente contro il linciaggio, ma infine preferirono soprassedere per evitare ritorsioni e non costituire un appiglio a facili ipocrisie.
    P. Bernstein, op. cit., p. 146, 2006.
  61. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 181, 2006; J.M. SoRelle, op. cit., p. 195, 2007.
  62. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 124-126, 2006.
  63. ^ G.E. Hale, op. cit., p. 363, 1998; W.D. Carrigan, op. cit., p. 193, 2006.
  64. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 200, 2006.
  65. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 187, 2006.
  66. ^ J.M. SoRelle, op. cit., pp. 192-193, 2007.
  67. ^ a b c P. Bernstein, op. cit., p. 165, 2006.
  68. ^ a b c C. Waldrep, op. cit., p. 68, 2009.
  69. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 62-63, 2006.
  70. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 76-77, 2006.
  71. ^ a b P. Bernstein, op. cit., pp. 140-141, 2006.
  72. ^ a b A.L. Wood, op. cit., pp. 180-182, 2009.
  73. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 144, 2006.
  74. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 155, 2006.
  75. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 90, 2006.
  76. ^ A.P. Rice, op. cit., p. 7, 2003.
  77. ^ a b R. Blumenthal, op. cit., 2005.
  78. ^ (EN) «any talk of the triumph of Christianity, or the spread of human culture, is idle twaddle as long as the Waco lynching is possible in the United States».
    W.D. Carrigan, op. cit., p. 191, 2006.
  79. ^ a b W. E. B. Du Bois, op. cit., 1916.
  80. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 129, 2006.
  81. ^ a b P. Bernstein, op. cit., p. 60, 2006.
  82. ^ M.M. Francis, op. cit., pp. 58-60, 2011.
  83. ^ a b c P. Bernstein, op. cit., pp. 159-161, 2006.
  84. ^ A.P. Rice, op. cit., p. 8, 2003.
  85. ^ (EN) «the crime at Waco is a challenge to our American civilization»
    P. Bernstein, op. cit., p. 162, 2006.
  86. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 130 e 135, 2006.
  87. ^ a b J.M. SoRelle, op. cit., pp. 197-198, 2007.
  88. ^ R.L. Zangrando, op. cit., p.30, 1980.
  89. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 169, 2006.
  90. ^ (EN) «lynching into the public mind as something like a national problem.»
    J.B. Armstrong, op. cit., p. 114, 2011.
  91. ^ (EN) «barest beginnings of a battle that would last many years.»
    P. Bernstein, op. cit., p. 174, 2006.
  92. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 173, 2006.
  93. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 182, 2006.
  94. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 196, 2006.
  95. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 178-179, 2006.
  96. ^ a b W.D. Carrigan, op. cit., p. 14, 2006.
  97. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 191, 2006.
  98. ^ J.B. Armstrong, op. cit., p. 60, 2011.
  99. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 96, 2006.
  100. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 5, 2006.
  101. ^ C.S. Nevels, op. cit., pp. 9-10, 2007.
  102. ^ G.E. Hale, op. cit., p. 216, 1998.
  103. ^ G.E. Hale, op. cit., p. 221, 1998.
  104. ^ P. Ehrenhaus, A.S. Owen, op. cit., p. 286, 2004.
  105. ^ P. Bernstein, op. cit., p. 119, 2006.
  106. ^ (EN) [The event was] «a defining moment in the history of lynching».
    [With Washington's death] «lynching began to sow the seeds of its own collapse».
    A.L. Wood, op. cit., pp. 181-183, 2009.
  107. ^ A.L. Wood, op. cit., pp. 181-183, 2009.
  108. ^ (EN) [Carrigan sees the lynching of Jesse Washington as a] «turning point in the history of mob violence in Central Texas».
    W.D. Carrigan, op. cit., p. 185, 2006.
  109. ^ (EN) «the most infamous day in the history of central Texas».
    W.D. Carrigan, op. cit., p. 1, 2006.
  110. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 192, 2006.
  111. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 198, 2006.
  112. ^ W.D. Carrigan, op. cit., p. 206, 2006.
  113. ^ A. Gussow, op. cit., pp. 62-64, 2002.
  114. ^ W.D. Carrigan, op. cit., pp. 194-195, 2006.
  115. ^ a b P. Bernstein, op. cit., pp. 3-5 e 200, 2006.
  116. ^ P. Bernstein, op. cit., pp. 199-200, 2006.
  117. ^ a b S. Moreno, op. cit., 2006.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Libri
  • (EN) Dora Apel, Imagery of Lynching: Black Men, White Women, and the Mob, Rutgers University Press, 2004, ISBN 978-0-8135-3459-6.
  • (EN) Manfred Berg, Popular Justice: A History of Lynching in America, Government Institutes, 2011, ISBN 978-1-56663-802-9.
  • (EN) Patricia Bernstein, The First Waco Horror: The Lynching of Jesse Washington and the Rise of the NAACP, Texas A&M University Press, 2006, ISBN 978-1-58544-544-8.
  • (EN) Patricia Bernstein, Waco Lynching in Paul Finkelman (a cura di), Encyclopedia of African American History, 1896 to the Present: From the Age of Segregation to the Twenty-First Century, vol. 5, Oxford University Press, 2007, ISBN 978-0-19-516779-5.
  • (EN) Julie Buckner Armstrong, Mary Turner and the Memory of Lynching, University of Georgia Press, 2011, ISBN 978-0-8203-3765-4.
  • (EN) William D. Carrigan, The Making of a Lynching Culture: Violence and Vigilantism in Central Texas, 1836–1916, University of Illinois Press, 2006, ISBN 978-0-252-07430-1.
  • (EN) Kristina DuRocher, Raising Racists: The Socialization of White Children in the Jim Crow South, University Press of Kentucky, 2011, ISBN 978-0-8131-3001-9.
  • (EN) Adam Gussow, Seems Like Murder Here: Southern Violence and the Blues Tradition, University of Chicago Press, 2002, ISBN 978-0-226-31098-5.
  • (EN) Grace Elizabeth Hale, Making Whiteness: the Culture of Segregation in the South, 1890–1940, Vintage Books, 1998, ISBN 978-0-679-77620-8.
  • (EN) Cynthia Skove Nevels, Lynching to Belong: Claiming Whiteness Through Racial Violence, Texas A&M University Press, 2007, ISBN 978-1-58544-589-9.
  • (EN) Anne P. Rice, Witnessing Lynching: American Writers Respond, Rutgers University Press, 2003, ISBN 978-0-8135-3330-8.
  • (EN) James M. SoRelle, The "Waco Horror": The Lynching of Jesse Washington in Bruce A. Glasrud; James Smallwood (a cura di), The African American Experience in Texas: An Anthology, Texas Tech University Press, 2007, ISBN 978-0-89672-609-3.
  • (EN) Christopher Waldrep, African Americans Confront Lynching: Strategies of Resistance from the Civil War to the Civil Rights Era, Rowman & Littlefield, 2009, ISBN 978-0-7425-5272-2.
  • (EN) Amy Louise Wood, Lynching and Spectacle: Witnessing Racial Violence in America, 1890–1940, University of North Carolina Press, 2009, ISBN 978-0-8078-3254-7.
  • (EN) Robert L. Zangrando, The NAACP Crusade Against Lynching, 1909–1950, Temple University Press, 1980, ISBN 978-0-87722-174-6.
Articoli su rivista
  • (EN) Megan Ming Francis, The Battle for the Hearts and Minds of America in Souls: A Critical Journal of Black Politics, Culture, and Society, vol. 13, nº 1, 2011, pp. 46–71, DOI:10.1080/10999949.2011.551477.
  • (EN) Peter Ehrenhaus, A. Susan Owen, Race Lynching and Christian Evangelicalism: Performances of Faith in Text and Performance Quarterly, vol. 24, 3/4, 2004, pp. 276–301, DOI:10.1080/1046293042000312779.
  • (EN) Amy Louise Wood, Lynching Photography and the Visual Reproduction of White Supremacy in American Nineteenth Century History, vol. 6, nº 3, 2005, pp. 373–99, DOI:10.1080/14664650500381090.
Quotidiani

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]