Linaria vulgaris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Linaria vulgaris
Linaria vulgaris - harilik käokannus Valingu.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Lamiales
Famiglia Scrophulariaceae
Genere Linaria
Nomenclatura binomiale
Linaria vulgaris
Mill.
Nomi comuni

Linaria, Linaiola, Linajola comune

La Linaria vulgaris (chiamata spesso in Italia Linaiola comune) è una nota pianta della famiglia delle Scrophulariaceae (attribuita alle Plantaginaceae dalla classificazione APG.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

È assai diffusa in Europa e nelle fasce temperate asiatiche.[1] Robusta e senza pretese, è spesso considerata come una pianta infestante a dispetto del suo aspetto decorativo. Colonizza di preferenza i terreni incolti.

Tra le sue sottospecie, si ricorda L. vulgaris italica,[2] diffusa nella penisola ma non in Sicilia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pianta erbacea perenne con fusto eretto, raggiunge anche gli ottanta centimetri di altezza. I fiori crescono per diversi mesi durante la bella stagione e sono raccolti in infiorescenze a racemo simili a quelle della bocca di leone con cui la pianta è imparentata; hanno corona gialla e labbro arancione. Il fiore si distingue da quello della bocca di leone per il suo sperone.[3] Il frutto è a capsula e contiene numerosi piccoli semi. È dotata di un gracile rizoma strisciante.

Le foglie sono a lamina, di sagoma lineare-lanceolata.[4]

Contiene flavone[5] e può essere utilizzata come pianta medicinale,[6] tanto che viene chiamata di tanto in tanto erba strega.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ars-grin
  2. ^ rbg-web2
  3. ^ Chimica verdure
  4. ^ biodiversità
  5. ^ kup
  6. ^ erbario dioniso

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]