Lim-6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lim-6
Il Lim-6 esposto al Muzeum Lotnictwa Polskiego w Krakowie
Descrizione
Tipo aereo da attacco al suolo
Equipaggio 1
Costruttore Polonia Polskie Zakłady Lotnicze
Data entrata in servizio 1956
Data ritiro dal servizio 1992
Utilizzatore principale Polonia WLOP
Sviluppato dal Mikoyan-Gurevich MiG-17
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 11,36 m
Apertura alare 9,628 m
Larghezza 9,628 m
Altezza 3.80 m
Peso a vuoto 4 271 kg
Peso carico 5 651 kg
Peso max al decollo 6 652 kg
Propulsione
Motore Lis-5 (licenza del Klimov VK-1F)
Spinta 33,1 kN
Prestazioni
Velocità max 1 150 km/h
Raggio di azione 1 080 km
Tangenza 16 470 m
Armamento
Cannoni un N-37D calibro 37 mm 40 colpi + 2 × 23 mm NR-23 cannoni da 80 colpi ciascuno
Bombe 780 kg di bombe, lanciarazzi o serbatoi per il napalm su 4 piloni
Piloni 2

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Lim-6 era un aereo d'attacco al suolo utilizzato tra il 1961 e il 1992 dall'aviazione polacca. È stata una variante del Mikoyan-Gurevich MiG-17/Lim-5 (nome in codice NATO Fresco).

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Nel 1955 la Polonia acquistò una licenza per la produzione del sovietico Mikoyan-Gurevich MiG-17, il caccia a reazione base dei paesi del Patto di Varsavia. Il velivolo prodotto su licenza venne denominato Lim-5 (abbreviazione di:licencyjny myśliwiec - "caccia su licenza"). Il primo Lim-5 venne costruito dalla WSK-Mielec il 28 novembre 1956 rimpiazzando così il Lim-2 (MiG-15bis). Entro la fine del 1960, vennero prodotti 477 Lim-5, diventando così il principale caccia in dotazione alla Siły Powietrzne, l'aeronautica militare della Polonia. (Questo numero include il Lim-5R variante da ricognizione, dotata di una camera AFA-39). Dal 1959 la Polonia iniziò a produrre su licenza l'intercettore MiG-17PF, equipaggiato con il radar Izumrud-5 (RP-5), denominato Lim-5P. Nel 1960 ne vennero costruiti 129.

Nel 1963 i polacchi iniziarono la produzione della variante definitiva dell'aereo da attacco, il Lim-6bis. Aveva le ali standard e ruote singole, come il caccia Lim-5. Un cambiamento importante fu l'aggiunta di piloni subalari (per le armi) vicino alla fusoliera. Un altro fu il montaggio di un contenitore per il parafreno al di sotto del timone. Questi velivoli entrarono in servizio nell'aviazione polacca nel 1963, ma non vennero ufficialmente accettati in servizio fino al 14 settembre 1964.

Dato che i caccia Lim-5P erano diventati obsoleti, dal 1971 vennero aggiornati secondo la versione Lim-6bis e presero con ciò la denominazione di Lim-6M. I loro radar vennero rimossi tranne quello che copriva la presa d'aria centrale. Vennero inoltre dotati di piloni subalari aggiuntivi, ma non con il paracadute frenante. Alcuni aerei vennero modificati per una variante da ricognizione designata come Lim-6MR. Questa configurazione era molto simile al Lim-6M d'attacco, eccetto per la fotocamera sotto la fusoliera e le ali.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Lim-6 
versione caccia-attacco al suolo (numeri di serie da 1J 04-01 fino a 1J 04-40).
Lim-6bis 
variante del Lim-6 (numeri di serie da 1J 05-01 fino a 1J 06-40).
Lim-6R (Lim-6bisR) 
versione da ricognizione del Lim-6bis.
Lim-6M 
versione caccia-attacco al suolo, conversioni da cellule Lim-5P.
Lim-6MR 
versione da ricognizione, conversioni da cellule Lim-5P.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Rep. Araba Unita Egitto Egitto
Germania Est Germania Est
Guinea-Bissau Guinea-Bissau
Indonesia Indonesia
Polonia Polonia

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Piotr Butowski, Wacław Hołyś "Samolot myśliwsko-szturmowy Lim-6bis", series TBiU 117, Wydawnictwo MON: Warsaw 1987

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]