Lily Kronberger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lily Kronberger
Kronberger Lili.jpg
Dati biografici
Nazionalità Ungheria Ungheria
Pattinaggio di figura Figure skating pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Pattinaggio artistico su ghiaccio singolo
Palmarès
Campionati mondiali di pattinaggio di figura 4 0 2
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Lily Kronberger (o Lili; Budapest, 12 novembre 1890Budapest, 21 maggio 1977) è stata una pattinatrice artistica su ghiaccio ungherese, pioniera del pattinaggio di figura femminile agli inizi del XX secolo, quattro volte campionessa del mondo nel singolo donne dal 1908 al 1911.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1906 Lily Kronberger partecipò alla prima edizione del campionato mondiale femminile, organizzato a Davos dalla International Skating Union con la denominazione di Campionato ISU. Si classificò al terzo posto, dietro all'austriaca Jenny Herz (seconda) e alla britannica Madge Syers (prima). Lo stesso podio si ripeté l'anno dopo al Campionato ISU di Vienna.

Dopo il ritiro della Syers, la Kronberger vinse il titolo mondiale nel 1908 a Troppau. Mantenne il titolo iridato per quattro edizioni consecutive fino al 1911, quando si ritirò imbattuta dalle competizioni. Nell'albo d'oro mondiale le successe la connazionale Opika von Méray Horváth, che mantenne la scuola ungherese ai vertici del pattinaggio femminile fino allo scoppio della Prima guerra mondiale.

La Kronberger non partecipò alle Olimpiadi di Londra del 1908, dove erano in programma anche gare di pattinaggio su ghiaccio. In assenza della forte pattinatrice ungherese, non ci furono avversarie in grado di impensierire Magde Syers, tornata appositamente alle gare dopo oltre un anno di pausa, che diventò così la prima campionessa olimpica del pattinaggio femminile.

Lily Kronberger fu la prima a presentare un intero programma libero con accompagnamento musicale, in occasione del campionato mondiale del 1911.

Nel 1983 fu inserita nella International Jewish Sports Hall of Fame, la hall of fame internazionale degli sportivi ebrei, e nel 1997 nella World Figure Skating Hall of Fame, la hall of fame mondiale del pattinaggio di figura.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Robert Slater, Great Jews in Sports, Jonathan David Company, Inc. 2004, ISBN 0824604539
  • Joseph M Siegman, Jewish Sports Legends, Brassey's 2000, ISBN 1574882848

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]