Lights (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lights
Lights in concerto nel 2010
Lights in concerto nel 2010
Nazionalità Canada Canada
Genere Synth pop
Elettropop
New wave
Indie pop
Periodo di attività 2006 – in attività
Strumento voce, sintetizzatore, keytar, chitarra, violoncello, batteria, pianoforte
Etichetta Underground, Doghouse, Sire, Lights Music, Universal, Warner Bros., Last Gang
Album pubblicati 4
Studio 3
Raccolte 1
Sito web

Valerie Anne Poxleitner, nota con lo pseudonimo Lights (Timmins, 11 aprile 1987), è una cantautrice canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata Valerie Anne Poxleitner in Ontario, Lights trascorre gran parte della sua infanzia in varie parti del mondo, dalle Filippine alla Giamaica, dall'Ontario a Vancouver. Si trasferisce a Toronto a metà degli anni 2000, durante i quali cambia il nome legale in Lights, e incontra Beau Bokan, frontman della band statunitense Blessthefall, che ha sposato nel 2012.[1][2]

Inizia la sua carriera musicale come autrice e compone le musiche per la serie TV Instant Star. Nel 2007 incontra il suo futuro manager Jian Ghomeshi. Nell'agosto 2008 firma un contratto con la Underground Operations. Nello stesso periodo pubblica Drive My Soul, singolo di debutto seguito da February Air. Il suo primo album è uscito nel settembre 2009 in Canada e si intitola The Listening. Nello stesso anno vince il premio "miglior artista rivelazione" ai Juno Award.

Nell'agosto 2011 esce il brano Toes, che anticipa la pubblicazione del secondo album Siberia, diffuso in ottobre dalla Last Gang Records. Questo disco riceve una nomination ai Juno Award come "miglior album pop dell'anno". Nell'aprile 2013 esce la versione acustica del CD, chiamata Siberia Acoustic, realizzata col marito.

Nel settembre 2014 esce il terzo album Little Machines.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sheena Lyonnais, Lights makes us happy in Toronto Music Scene – Indie News + Interviews, 10 marzo 2008.
  2. ^ Kevin Young, Looking Into Lights in Canadian Musician, Volume 63 Issue 3. [collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]