Lichia amia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leccia
Lichia amia.jpg

Lichia amia Minorca 02.jpg

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Carangidae
Genere Lichia
Specie L. amia
Nomenclatura binomiale
Lichia amia
Linneo, 1758
Un esemplare pescato

Lichia amia, conosciuto comunemente come Leccia, è un pesce predatore d'acqua salata appartenente alla famiglia Carangidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questo carangide si incontra in tutto il mar Mediterraneo e nell'Atlantico orientale tra il Golfo di Guascogna e le coste africane. È una specie pelagica ma che ha costumi costieri, perlomeno nella bella stagione. Non esita ad avventurarsi nelle acque salmastre per cacciare i cefali di cui è ghiotta e spingendosi fin dentro le foci dei fiumi e delle acque portuali.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L. amia presenta un corpo compresso lateralmente con forma di losanga e caratterizzato da testa in proporzione piccola, con bocca molto grande.
Le pinne pettorali e ventrali sono abbastanza piccole mentre la pinna anale e la seconda dorsale sono opposte e simmetriche. La prima pinna dorsale è ridotta ad una fila di piccoli raggi spinosi, la pinna caudale è falcata. La linea laterale presenta una vistosa curva verso il basso subito dopo le pinne pettorali.
La livrea è grigio-verdastra sul dorso e bianco madreperlaceo caratteristico sui fianchi; le pinne sono scure, talvolta con bordi bianchi.
Raggiunge una lunghezza massima di 2 metri, per un peso che può avvicinarsi ai 70 kg.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

È una specie gregaria, i giovani si radunano spesso in branchi numerosi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Avviene in primavera-estate in acque costiere. Le uova sono pelagiche.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si ciba di pesci e di cefalopodi che cattura in corsa .

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Viene insidiata con la tecnica della traina col vivo e dello spinning ma non è una cattura facile, sia per la furbizia che la spinge a rifiutare un'esca imperfettamente presentata, sia per la poderosa reazione che mette a dura prova pescatore ed attrezzatura. Viene anche insidiata con la pesca in apnea. Le carni sono eccellenti. Pescando a spinning solitamente si utilizzano artificiali di generose dimensioni ( dai 14 ai 20 cm), possibilmente dotati di armatura passante visto la potenza che riesce a scaturire questo pesce. Popper e WTD sono le esche maggiormente usate, le quali lavorano sopra la superficie del mare.Nel nostro territorio il periodo migliore per insidiarla è l'estate, durante la quale i grossi esemplari accostano per riprodursi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci