Liceo delle scienze umane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Liceo socio-psico-pedagogico)

Il liceo delle scienze umane[1][2] è una delle scuole secondarie di secondo grado a cui si può accedere in Italia.

Il liceo nasce dalle basi dell'istituto magistrale, poi divenuto liceo delle scienze sociali nel 1998, e dalle sperimentazioni socio-psico-pedagogico e pedagogico-sociale che si sono sviluppate nel tempo. Come i predecessori, le materie caratterizzanti di questo liceo sono le scienze sociali, o appunto scienze umane, quali: antropologia, pedagogia, psicologia, sociologia e metodologia della ricerca e a parte della filosofia. Nell'indirizzo economico-sociale di tale liceo la materia caratterizzante è diritto-economia politica (oltre alle scienze umane).[2] Sarà obbligatorio lo studio di due lingue straniere nell'opzione economico-sociale, mentre nell'indirizzo tradizionale lo studio di una sola lingua straniera si affianca quello del latino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Scuola normale[modifica | modifica sorgente]

La Legge Casati del 1859, che creava le scuole elementari (obbligatorie solo per i primi due anni), istituiva altresì le scuole normali per la formazione dei maestri elementari, sul modello austriaco. Le scuole normali pubbliche erano 18 in tutto il territorio nazionale, 9 maschili e 9 femminili, alle quali si accedeva a 15 anni per le femmine e a 16 per i maschi. Il corso di studi durava tre anni e non comprendeva né l'insegnamento del latino, né quello della filosofia e della pedagogia.

Istituto magistrale[modifica | modifica sorgente]

Riforma Gentile[modifica | modifica sorgente]

L'Istituto Magistrale fu istituito con la riforma Gentile (R.D. 1054 del 1923) in sostituzione delle scuole normali[3].

Era suddiviso in due corsi: l'istituto magistrale inferiore, quadriennale, a cui si accedeva dopo la scuola elementare, e l'istituto magistrale superiore, triennale, a cui si accedeva dal precedente. Era previsto un esame di ammissione (dopo l'esame di licenza elementare) per iscriversi al 1' anno dell'istituto inferiore.

Il diploma che rilasciava, oltre all'abilitazione all'insegnamento elementare, consentiva l'iscrizione all'istituto superiore (poi facoltà) di Magistero.

L'istituto magistrale fu pensato per essere contemporaneamente una scuola formativa e professionale. In linea con i principi della riforma Gentile, era dominato dalle materie umanistiche e non prevedeva né il tirocinio né l'insegnamento della pedagogia, che fu accorpata alla filosofia. Era però prevista l'esistenza di un giardino d'infanzia all'interno degli edifici che ospitavano le varie scuole.

La creazione di questo corso di studi, assolutamente innovativo per l'epoca, rispondeva alle esigenze della nuova scuola elementare quinquennale (anch'essa istituita con la riforma Gentile), considerata come base dell'intero sistema scolastico italiano, e che quindi richiedeva una classe di maestri più preparati dei precedenti.

L'istituto magistrale ha formato i maestri elementari per settantacinque anni.

Quadro orario

Istituto magistrale inferiore (1923 - 1940) I II III IV
Italiano 8 4 4 4
Latino - 6 6 6
Lingua straniera - 4 4 4
Storia e geografia 4 2 2 2
Matematica 3 2 2 2
Musica e canto corale 2 2 2 2
Studio di uno strumento musicale 2 2 2 2
Disegno 3 2 2 2
Totale delle ore settimanali 22 24 24 24
Istituto magistrale superiore (1923 - 1940) I II III
Lettere italiane 4 5 4
Lettere latine 5 4 4
Filosofia e pedagogia 4 5 6
Storia 3 4 4
Matematica e fisica 3 4 4
Scienze naturali 3 2 3
Musica e canto corale 2 1 1
Studio di uno strumento musicale 2 2 2
Disegno 2 1 1
Totale delle ore settimanali 28 28 29

Riforma Bottai[modifica | modifica sorgente]

Nel 1940, con l'istituzione della scuola media unificata triennale (Legge 889/1940), l'istituto magistrale perse il primo triennio e fu trasformato in un corso unico quadriennale. Vi si accedeva, appunto, dopo la scuola media.

Gli inevitabili ritocchi al quadro orario non ne intaccarono l'impianto generale. La facoltà di magistero rimaneva l'unico sbocco universitario per coloro che intendevano proseguire gli studi.

A causa degli eventi bellici, la riforma Bottai fu pienamente attuata solo qualche anno più tardi. L'orario definitivo entrò in vigore nel 1952.

Nel 1969, con la liberalizzazione dell'accesso all'università, fu creato un 5º anno di corso per gli studenti che intendevano iscriversi ad altra facoltà e fu confermata la possibilità di accedere al magistero dopo il 4º anno di corso.

È importante precisare che il Diploma di Maturità Magistrale conseguito entro il biennio 2001/02 è titolo di abilitazione all'insegnamento nella scuola primaria, così come previsto dall'art. 15, comma 7 del Decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 1998, n. 323: "I titoli conseguiti nell’esame di Stato a conclusione dei corsi di studio dell’istituto magistrale iniziati entro l’anno scolastico 1997/98 conservano in via permanente l’attuale valore legale e abilitante all’insegnamento nella scuola elementare. Essi consentono di partecipare ai concorsi per titoli ed esami a posti di insegnante nella scuola materna e nella scuola elementare".

Il Ministero della Pubblica Istruzione, non riconosce all'oggi tale titolo abilitante, confinando i diplomati magistrali nelle Graduatorie d'Istituto di III fascia. Sono stati avviati ricorsi, promossi da associazioni e sindacati di base, al fine di ottenere il riconoscimento dell'abilitazione contenuta nel titolo, per l'accesso alle Graduatorie ad Esaurimento.

Il 6 febbraio 2013 la VII Commissione Cultura della Camera dei Deputati, esprimendo parere favorevole all'approvazione dei percorsi abilitanti speciali per i docenti con almeno tre anni di servizio (cosiddetti "TFA speciali"), ha posto come condizione che "sia chiaramente riconosciuto nel provvedimento governativo il pieno valore abilitante dei diplomi di istituto magistrale conseguiti entro l’anno scolastico 2001-02"[4].

Quadro orario

Istituto magistrale (1952 - 1998) I II III IV
Italiano 4 4 4 4
Latino 5 3 4 3
Lingua straniera 4 4 - -
Storia, educazione civica e geografia 4 4 4 3
Matematica e fisica 4 3 4 4
Canto corale 1 1 1 1
Filosofia e pedagogia - 3 3 4
Psicologia - 1 1 -
Scienze naturali, chimica e geografia 3 3 3 3
Disegno 2 2 2 2
Esercitazioni didattiche - - 2 4
Educazione fisica 2 2 3 3
Religione o attività alternativa 1 2 2 1
Totale delle ore settimanali 30 32 33 32

Sperimentazioni[modifica | modifica sorgente]

I corsi sperimentali più diffusi nacquero dopo la fine degli anni '80, quando si delineò il progetto di laurea anche per l'insegnamento elementare.

Le sperimentazioni più comuni al momento della riforma Gelmini erano la sperimentazione liceo pedagogico-sociale (1991/2010) (prevista dalla c.m. 27/1991),[5] la sperimentazione liceo socio-psico-pedagogica (prevista dal progetto Brocca (1992/2010), la sperimentazione liceo delle scienze della formazione(1999/2010), e infine la sperimentazione liceo delle scienze sociali(1998/2010). Entrambe tendevano a trasformare l'istituto magistrale in un vero e proprio liceo di durata quinquennale, caratterizzato però dallo studio delle scienze umane (psicologia, sociologia, etc). La pedagogia veniva valorizzata e scorporata dalla filosofia. Il titolo rilasciato equivaleva a quello dell'istituto magistrale ma si otteneva solo al quinto anno.

Sperimentazione pedagogico-sociale[modifica | modifica sorgente]

Sperimentazione pedagogico-sociale
(1991 - 2010)
Biennio Triennio
I II III IV V
Lingua e letteratura italiana 5 5 4 4 4
Lingua e letteratura latina 4 3 3 3 2
Lingua e letteratura straniera 3 3 3 3 3
Storia e Geografia 3 3 - - -
Storia - - 3 2 3
Filosofia - - 3 2 3
Pedagogia - - 3 2 3
Scienze dell'educazione 3 3 - - -
Psicologia - - 2 2 3
Metodologia ed esercitazioni didattiche - - - 2 2
Diritto ed economia 2 2 - - -
Matematica ed Informatica 4 4 - - -
Matematica - - 3 3 3
Fisica 2 2 2 2 2
Biologia, chimica e scienze della terra 3 3 2 2 2
Educazione musicale 2 2 2 2 -
Disegno e linguaggio artistico visivo 2 2 - - -
Disegno e storia dell'arte - - 2 2 2
Educazione fisica 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 35 35 35 35 35

Sperimentazione Brocca socio-psico-pedagogica[modifica | modifica sorgente]

Sperimentazione Brocca socio-psico-pedagogica
(1992 - 2010)
Biennio Triennio
I II III IV V
Lingua e letteratura italiana 5 5 4 4 4
Lingua e letteratura latina 4 4 3 3 2
Lingua e letteratura straniera 3 3 3 3 3
Storia 2 2 2 2 3
Geografia 2 2 - - -
Filosofia - - 3 3 3
Pedagogia - - 3 3 3
Metodologia della ricerca socio-psico-pedagogica - - - - 2
Elementi di psicologia, sociologia e statistica 4 4 - - -
Psicologia - - 2 2 -
Sociologia - - 2 2 -
Diritto ed economia 2 2 - - -
Diritto e Legislazione sociale - - - - 3
Matematica ed Informatica 4 4 3 3 3
Fisica - - - 4 -
Scienze della Terra 3 - - - -
Biologia - 3 - - 3
Chimica - - 4 - -
Storia dell'arte o Musica 2 2 2 2 2
Educazione fisica 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 34 34 34 34 34

Sperimentazione scienze della formazione[modifica | modifica sorgente]

Sperimentazione scienze della formazione
(1999 - 2010)
Biennio Triennio
I II III IV V
Lingua e letteratura italiana 6 6 6 6 6
Lingua e letteratura latina 3 3 2 2 2
Lingua e letteratura straniera 3 3 3 3 3
Storia 3 (1) 3 (1) 3 3 3
Filosofia - - 3 3 3
Scienze della formazione 4 4 5 (1) 5 (1) 5 (1)
Diritto ed economia 2 (1) 2 (1) - - -
Matematica 3 3 3 3 3
Fisica - - 2 (1) 2 (1) 2 (1)
Scienze della Terra 2 2 2 (1) 2 (1) 2 (1)
Linguaggi non verbali e multimediali 2 (1) 2 (1) - - -
Laboratorio di chimica-fisica 1 1 - - -
Laboratori 2 2 2 2 2
Educazione fisica 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 32 32 32 32 32

Sperimentazione scienze sociali[modifica | modifica sorgente]

Sperimentazione scienze sociali
(1998 - 2010)
Biennio Triennio
I II III IV V
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
lingua e letteratura inglese 2 2 3 3 3
Lingua e letteratura straniera 2 3 3 2 2 2
Storia 3 3 3 3 3
Filosofia - - 3 3 3
Scienze sociali 5 5 6 6 6
Diritto ed Economia 2 2 2 2 2
Matematica 4 4 3 3 3
Scienze della Terra 2 2 1 1 1
Linguaggi non verbali e multimediali 2 2 - - -
Educazione fisica 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 30 30 30 30 30

Riforma Gelmini[modifica | modifica sorgente]

Il liceo delle scienze umane è entrato in vigore dal 1º settembre 2010, andando a sostituire in pianta stabile tutte le sperimentazioni, gli indirizzi liceali e i progetti assistiti esistenti in Italia, (i quali ammontavano a 700 corsi e oltre). Con la nuova riforma, sono presenti due distinti indirizzi di studio, ciascuno della durata di 5 anni, che trattano le scienze umane secondo due approcci differenti.

Il primo indirizzo tradizionale prevede uno studio più approfondito della materia caratterizzante: Scienze Umane](per tutte 5 gli anni cosi suddivise: 4 ore nel primo biennio e 5 nel secondo triennio), declinate in antropologia, psicologia, sociologia e pedagogia, l'assenza della metodologia della ricerca sostituito dalla pedagogia; lo studio della filosofia a parte, del latino, di una lingua straniera e del diritto ed economia.

Il secondo indirizzo economico-sociale (che, formalmente, è chiamato "opzione" nel regolamento che l'ha istituito) prevede lo studio delle scienze Umane (3 ore per tutte 5 gli anni) declinate in: antropologia, psicologia, sociologia e metodologia della ricerca l'assenza della pedagogia sostituita dalla metodologia della ricerca; lo studio della filosofia a parte, pari spazio è consacrato al diritto ed economia politica; l'assenza del latino (sostituito da una seconda lingua straniera).[2]

Di seguito i due indirizzi con gli orari settimanali standard:[6]

Indirizzo tradizionale[modifica | modifica sorgente]

Discipline 1º biennio 2º biennio V
I II III IV
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Lingua e cultura latina 3 3 2 2 2
Lingua e cultura straniera 3 3 3 3 3
Storia e geografia 3 3 - - -
Storia - - 2 2 2
Filosofia - - 3 3 3
Scienze umane 1 4 4 5 5 5
Diritto ed economia 2 2 - - -
Matematica 3 3 3 2 2 2
Fisica - - 2 2 2
Scienze naturali 4 2 2 2 2 2
Storia dell'arte - - 2 2 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 27 27 30 30 30

Opzione economico-sociale[modifica | modifica sorgente]

Discipline 1º biennio 2º biennio V
I II III IV
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
lingua e cultura straniera 1 3 3 3 3 3
lingua e cultura straniera 2 3 3 3 3 3
Storia e geografia 3 3 - - -
Storia - - 2 2 2
Filosofia - - 2 2 2
Scienze umane 2 3 3 3 3 3
Diritto ed economia politica 3 3 3 3 3
Matematica 3 3 3 3 3 3
Fisica - - 2 2 2
Scienze naturali 4 2 2 - - -
Storia dell'arte - - 2 2 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1
Totale delle ore settimanali 27 27 30 30 30

È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

Valore abilitante del diploma magistrale[modifica | modifica sorgente]

I diplomi di scuola o istituto magistrale, ivi compresi quelli conseguiti a seguito della frequenza di corsi sperimentali, purché conseguiti entro l'a.s. 2001/2002 o a seguito di percorsi iniziati entro l'a.s. 1997/1998, devono ritenersi a tutti gli effetti pienamente abilitanti all'insegnamento nella scuola primaria e dell'Infanzia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comunicati stampa - MIUR - 18 dicembre 2008. URL consultato il 21-10-09.
  2. ^ a b c Comunicati stampa - MIUR - 12 giugno 2009. URL consultato il 21-10-09.
  3. ^ Regio Decreto 1054/1923 (testo integrale, da Eduscuola.it)
  4. ^ Camera dei Deputati - Commissione Cultura, scienza e istruzione, 6 febbraio 2013. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  5. ^ Circolare Ministeriale 27/1991 (testo integrale, da Eduscuola.it)
  6. ^ Indire, sito ufficiale. URL consultato il 09-02-2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]