Libro di Mormon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Libro di Mormon
Libro di Mormon.JPG
Autore Joseph Smith
1ª ed. originale 1830
Genere testo sacro
Sottogenere mormonismo
Lingua originale inglese

Il Libro di Mormon è uno dei testi sacri del mormonismo, considerato dai membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni un libro rivelato. Il nome del libro deriva da Mormon, un profeta-storico che, secondo il testo stesso, avrebbe compendiato la storia del suo popolo incidendola su delle tavole d'oro. Il libro fu pubblicato per la prima volta dal fondatore della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, Joseph Smith, a Palmyra, Stato di New York, il 26 marzo del 1830.

Oltre alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, anche altre confessioni minoritarie che si rifanno al mormonismo, considerano il Libro di Mormon un testo sacro. Il sottotitolo, "Un altro Testamento di Gesù Cristo", fu aggiunto nel 1982 nelle edizioni del libro pubblicate dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, allo scopo di sottolineare la testimonianza sulla divinità di Gesù Cristo resa dagli scritti degli antichi profeti del Libro di Mormon.[1]

La traduzione dalle tavole d'oro[modifica | modifica sorgente]

Dipinto che illustra la consegna delle tavole d'oro da parte dell'angelo Moroni al giovane Joseph Smith, avvenuta il 22 settembre del 1823 nella collina di Cumora, Manchester, Stato di New York.
Manoscritto originale con copia dei caratteri in "egiziano riformato" incisi nelle tavole d'oro.

Joseph Smith disse che il Libro di Mormon sarebbe la traduzione di un antico testo, inciso su delle tavole d'oro, che avrebbe rinvenuto in seguito all'apparizione di un angelo nel 1823. Egli, Moroni, avrebbe poi informato il giovane Joseph Smith che degli antichi annali di una civiltà lontana millenni e migliaia di chilometri si trovavano sotterrati in una collina, in seguito denominata Cumora, sita nelle vicinanze della fattoria della famiglia Smith, territorio di Palmyra, New York. Le tavole erano state scritte in "egiziano riformato", lingua di cui non si ha traccia storica. Joseph Smith, e altre persone sostennero di aver tradotto in meno di novanta giorni il testo. Sostennero di averlo fatto grazie ad alcuni oggetti sacri, noti come Urim e Tummim (citati nel Libro di Mormon). Furono tradotte più di 500 pagine, che descrivono la storia di due civiltà sconosciute e di cui non si hanno tracce storiche, per un periodo complessivo di 2.600 anni. Un totale di undici testimoni dichiararono, in due distinte premesse al libro, di aver visto e toccato le tavole d'oro. Alcuni di essi vennero poi scomunicati. Nel 1838 le tavole sarebbero state riconsegnate all'angelo Moroni dallo stesso Joseph Smith, con il risultato che al di fuori dei presunti 11 testimoni di queste tavole, uniche testimonianze dell'esistenza del libro di Mormon e delle civiltà di cui parla, non ci sono tracce della loro esistenza.

Importanza teologica del Libro di Mormon[modifica | modifica sorgente]

L'intento del Libro, come indicato nel frontespizio dello stesso, sarebbe stato quello di:[2]

« Mostrare al rimanente del casato di Israele quali grandi cose il Signore ha fatto per i loro padri, e perché possano conoscere le alleanze del Signore, e che non sono rigettati per sempre — Ed anche per convincere i Giudei e i Gentili che Gesù è il Cristo, l'Eterno Iddio, che si manifesta a tutte le nazioni»

Joseph Smith si espresse sull'importanza che il Libro di Mormon riveste nella teologia mormone con le parole sotto citate che, in successive edizioni, furono riportante nell'introduzione del libro stesso:[3]

« Ho detto ai fratelli che il Libro di Mormon è il più giusto di tutti i libri sulla terra e la chiave di volta della nostra religione, e che un uomo si avvicina di più a Dio obbedendo ai suoi precetti che a quelli di qualsiasi altro libro. »

Il libro è anche detto legno di Giuseppe, in contrapposizione al legno di Giuda che sarebbe la Bibbia: questo perché i mormoni suppongono che una parte degli israeliti, e più precisamente le tribù discendenti da Giuseppe, nel 600 a.C. fuggirono in America, dove vennero scritti diversi libri che oggi conosciamo sotto il nome, appunto, di Libro di Mormon. E questo pone la fede mormone in netto contrasto con le scoperte dell'archeologia e della storia.

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Frontespizio del Libro di Mormon dalla prima edizione del 1830
>Immagine tratta dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, Divisione libri rari e collezioni speciali.

Il Libro di Mormon è una raccolta di 15 libri, denominati secondo il loro autore principale, il profeta Mormon, padre di Moroni (lo stesso che apparve a Joseph Smith), che nel V secolo avrebbe riassunto gli scritti di questi profeti incidendoli su dei fogli o tavole d'oro. Benché i mormoni dicano che il libro di Mormon sia stato scritto molti secoli fa, i mormoni stessi ritengono che sia venuto alla luce in tempi odierni per gli abitanti di questi giorni.

Nel Libro di Mormon sono narrate le vicende di civiltà che si sarebbero sviluppate nel continente americano da migrazioni provenienti dal medio oriente. Non esistono però tracce storiche di quello che viene raccontato.

  • La prima migrazione è quella del popolo di Giared, o Giarediti, avvenuta ai tempi della confusione delle lingue che ebbe luogo dopo la costruzione della torre di Babele. Il popolo di Giared, per grazia divina, avrebbe mantenuto la stessa lingua, ottenendo inoltre da Dio la promessa di una nuova terra. Guidati da Dio, con delle imbarcazioni attraversarono l'oceano stabilendosi nelle Americhe, dove prosperarono per diversi secoli prima di essere distrutti da una micidiale guerra civile intorno al VI secolo a.C. Tra coloro che sopravvissero vi fu il profeta Ether che narrò le vicende del suo popolo su ventiquattro tavole. Nel libro di Mormon ne è narrato il ritrovamento da parte dei Nefiti, un popolo derivato dalla discendenza di Nefi.
  • La seconda migrazione sarebbe avvenuta alla fine del VII secolo a.C.: per sfuggire alla futura cattività babilonese. L'ebreo Lehi si allontanò da Gerusalemme e si spostò in Arabia, da qui attraversò l'oceano Indiano e quindi il Pacifico, raggiunse, intorno al 590 a.C., le terre dell'emisfero occidentale. Alla morte di Lehi il popolo si divise tra i Lamaniti, discendenti di Laman, il figlio maggiore, e di Lemuel; e i Nefiti, discendenti da Nefi, un altro figlio di Lehi, scelto dal Signore per la sua rettitudine. I due popoli vissero fino al 400 d.C. alternando periodi di guerre e di pace. I Nefiti tennero degli annali, proseguendo la scrittura delle tavole che Lehi e la sua famiglia avevano portato con loro da Gerusalemme, mentre i Lamaniti si allontanarono dagli insegnamenti divini venendo puniti da Dio che li segnò scurendo la loro pelle. Secondo i mormoni, i Lamaniti sarebbero tra gli antenati dei nativi americani.
    Negli stessi anni, lungo lo stesso tragitto, un altro gruppo israelitico, raggiunse le Americhe rimanendo a lungo isolati prima di venire in contatto con i Nefiti. Questo gruppo fu guidato da una dei figli di Sedechia Re di Giuda, chiamato Mulec
« Ora, il paese meridionale era chiamato Lehi, e il paese settentrionale era chiamato Mulec, che derivava dal figlio di Sedechia; poiché il Signore aveva portato Mulec nel paese settentrionale e Lehi nel paese meridionale. »
(Hel 6,10)

Gesù Cristo poco dopo la sua resurrezione (34 d.C.) avrebbe fatto visita per tre giorni ai Nefiti e Lamaniti. Dopo questa esperienza essi vissero in pace per quattro generazioni, ma in seguito divennero nuovamente malvagi. Interessante notare il sorgere di società segrete per l'ottenimento del potere in quel periodo. Alcuni profeti di quel periodo andarono a predicare ai Lamaniti ottenendo un discreto successo e alcuni Lamaniti in quel periodo divennero più zelanti dei Nefiti stessi. Infine si riaccese la guerra e i Nefiti furono distrutti intorno al 421 d.C. Il profeta Mormon lasciò le tavole a suo figlio Moroni, che dopo aver scritto qualcosa di suo pugno le avrebbe sotterrate secondo gli ordini ricevuti da Dio affinché le tavole non venissero distrutte e la memoria delle vicende del suo popolo potesse tornare a luce in un tempo opportuno.

Annali citati nel Libro di Mormon[modifica | modifica sorgente]

Secondo il libro di Mormon stesso, Mormon e suo figlio Moroni trascrissero nelle tavole d'oro la storia del loro popolo riassumendola da quattro diversi annali incise in altrettante tavole di metallo:[4]

  1. Le Tavole di Nefi sono di due tipi: le Piccole Tavole e le Grandi Tavole. Le prime sono particolarmente dedicate alle questioni spirituali, al ministero e agli insegnamenti dei profeti, mentre le seconde contengono per la maggior parte la storia secolare dei popoli interessati (1 Nefi 9:2-4). Tuttavia, dal tempo di Mosia in poi, le "Grandi Tavole" cominciano ad includere anche importanti questioni spirituali.
  2. Le Tavole di Mormon contengono un riassunto e commenti fatti da Mormon delle "Grandi Tavole" di Nefi. Inoltre, riportano la continuazione della storia del popolo dei nefiti di Mormon e le aggiunte di suo figlio Moroni.
  3. Le Tavole di Ether riportano la storia dei Giarediti. Questi annali sono stati riassunti da Moroni, con l'aggiunta di suoi commenti personali, e inseriti nella storia generale sotto il titolo "Libro di Ether".
  4. Le Tavole di Bronzo, sono state quelle portate dal popolo di Lehi da Gerusalemme nel 600 a.C. Di queste tavole fanno inoltre parte, il pentateuco di Mosè ed una storia dei Giudei, fino all'inizio del regno di Sedecia, re di Giuda, e le "profezie dei santi profeti" (1 Nefi 5:11-13). Non sono direttamente contenute nella loro interezza nel libro di Mormon, ma molte parti di queste tavole, che citano Isaia e altri profeti, sia neviìm che profeti non biblici, sono riportate nel Libro di Mormon.

Suddivisioni principali del Libro di Mormon[modifica | modifica sorgente]

Le parti o suddivisioni principali del Libro di Mormon sono 15, denominate libri, eccezion fatta per le "Parole di Mormon". Ognuno di questa parti è designata con il nome del loro principale autore.

Book of Mormon 1830 edition reprint.jpg
Libri del Libro di Mormon
N. Titolo per esteso Annali Possibile cronologia
degli eventi narrati
Capitoli Abbreviazioni
I Il primo libro di Nefi
suo regno
e suo ministero
Piccole tavole di Nefi Dal 600 a.C.
al 588-570 a.C.
22 "1 Nefi"
e "1 Ne."
II Il secondo libro di Nefi Piccole tavole di Nefi Dal 588-570 a.C.
al 559–545 a.C.
33 "2 Nefi"
e "2 Ne."
III Il libro di Giacobbe
il fratello di Nefi
Piccole tavole di Nefi Dal 544–421 a.C.
al 544–421 a.C.
7 "Giacobbe"
e "Giac."
IV Il libro di Enos Piccole tavole di Nefi 420 a.C. 1 "Enos"
V Il libro di Giarom Piccole tavole di Nefi Dal 399 a.C.
al 361 a.C.
1 "Giarom" e "Giar."
VI Il libro di Omni Piccole tavole di Nefi Dal 323 a.C.
al 130 a.C.
1 "Omni"
VII Le parole di Mormon Le tavole di Mormon 385 d.C. 1 "PdM"
VIII Il libro di Mosia Grandi tavole di Nefi Dal 130–124 a.C.
al 92–91 a.C.
29 "Mosia"
e "Mos."
IX Il libro di Alma
il figlio di Alma
Grandi tavole di Nefi Dal 91–88 a.C.
al 56–52 a.C.
63 "Alma"
X Il libro di Helaman Grandi tavole di Nefi Dal 52–50 a.C.
al 6–1 a.C.
16 "Helaman"
e "Hel."
XI Terzo Nefi
il libro di Nefi
il figlio di Nefi,
che era figlio di Helaman
Grandi tavole di Nefi Dal 1–4 d.C
al 34–35 d.C.
30 "Terzo Nefi"
e "3 Ne."
XII Quarto Nefi
il libro di Nefi
che è il figlio di Nefi
- uno dei discepoli di Gesù Cristo
Grandi tavole di Nefi Dal 35 d.C. al 321 d.C. 1 "Quarto Nefi"
e "4 Ne."
XIII Il libro di Mormon (sino al cap. 7°) Tavole di Mormon
(l'8° e il 9° cap.)
Aggiunte di Moroni
Dal 321-326 d.C.
al 401–421 d.C.
9 "Mormon"
e "Morm."
XIV Il libro di Ether Ventiquattro tavole dei giarediti
(libro di Ether)
15 "Ether" e "Eth."
XV Il libro di Moroni Aggiunte di Moroni 401-421 d.C. 10 "Moroni"
e "Moro."

Nella versione ufficiale della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni i quindici libri sono preceduti da:

La storicità del libro[modifica | modifica sorgente]

Cosa dicono le critiche del libro[modifica | modifica sorgente]

I critici ritengono che libro sia stato scritto dallo stesso Joseph Smith, probabilmente ispirandosi al libro di Ethan Smith, "View of the Hebrews: or the Tribes of Israel in America", edito nel 1823 e con una seconda edizione nel 1825. [senza fonte]

La stessa localizzazione geografica degli avvenimenti narrati è incerta.[senza fonte] Le popolazioni ebraiche sarebbero sbarcate nell'ovest del continente americano dopo aver attraversato l'oceano Pacifico, mentre le tavole sarebbero state invece seppellite nell'attuale stato di New York, verso la parte orientale del paese e dunque le vicende narrate nel libro potrebbero riguardare l'intera estensione degli attuali Stati Uniti e i Lamaniti sarebbero tra gli antenati degli Indiani d'America. Le vicende narrate, tuttavia, sembrerebbero essersi svolte su un'estensione minore di 500 km, che è stata identificata da alcuni studiosi mormoni con la zona dell'odierno Guatemala e degli stati meridionali del Messico.

Secondo alcuni studiosi mormoni i Giarediti potrebbero essere identificati con gli Olmechi e i Lamaniti con i Maya, mentre non è chiaro con quale popolazione dovrebbero essere identificati i Nefiti, che avrebbero costituito una cultura cristiana separata nel quadro della cultura maya.[senza fonte] In quest'ambito la leggenda di Quetzalcoatl sarebbe stata interpretata da alcuni come un ricordo della venuta di Cristo in America, narrata nel libro di Mormon, sebbene il quadro cronologico della leggenda non concordi con il racconto del libro.[senza fonte]

Le analisi del DNA hanno infine dimostrato che non esiste alcuna relazione genetica tra le popolazioni israelitiche e gli Indiani d'America, che secondo il libro di Mormon discenderebbero invece da un gruppo di Ebrei.[senza fonte]

Un'analisi linguistica del Libro di Mormon condotta dall'università mormone di Brigham Young University con il metodo della stilometria, avrebbe dimostrato le diversità stilistiche esistenti tra il libro di Mormon e i suoi possibili autori del XIX secolo. Tuttavia l'analisi non sembra essere stata condotta sul testo originale, stampato nel 1830, ma sulle versioni successive ed è stata contestata da altri studi.[senza fonte]

I nomi propri (circa 300) citati nel Libro di Mormon, dovrebbero essere legati al linguaggio parlato dai Nefiti (forse ebraico con influssi dell'antico egiziano) e per la maggior parte sono infatti nomi che si ritrovano anche nella Bibbia.[senza fonte] I nomi riportati nel libro di Ether, che narrerebbe la storia dei Giarediti, dovrebbero essere invece diversi, legati all'antichissima lingua di questo popolo che secondo il libro di Mormon sarebbe l'adamitico, il linguaggio parlato dall'umanità prima dell'episodio biblico della confusione delle lingue presso la torre di Babele. Invece anche nel libro di Ether si riportano nomi biblici.[senza fonte]

Cosa dicono i Mormoni[modifica | modifica sorgente]

Secondo i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, le tesi affermate da Joseph Smith sono sostenute da una serie di scoperte linguistiche, filologiche, archeologiche e geografiche sia in Medio Oriente dal quale Lehi e la sua famiglia provenivano che in Mesoamerica dove i Nefiti e i Lamaniti svilupparono le proprie civiltà.[senza fonte]

I massimi studiosi della questione della storicità del Libro di Mormon si trovano negli Stati Uniti e in America Latina. Alcuni nomi di studiosi di riferimento in questo campo sono John Welch, professore di legge alla J.R. Clark Law School di Brigham Young University e il deceduto dr. Hugh Nibley.

Inoltre, secondo i mormoni un altro elemento a sostegno della storicità del libro sarebbero le dichiarazioni dei testimoni del Libro di Mormon, ossia coloro che videro e toccarono le tavole d'oro delle quali il Libro di Mormon sarebbe la traduzione. Queste testimonianze sono rese più credibili, secondo i Mormoni, dal fatto che anche quando alcuni di questi testimoni abbandonarono la chiesa non ritrattarono mai la loro testimonianza in merito al Libro di Mormon.

La promessa di Moroni[modifica | modifica sorgente]

Statua rappresentante l'angelo Moroni prima di essere issata sulla sommità della guglia del Tempio Svizzero

La vera prova sull'autenticità del Libro di Mormon, secondo i seguaci del Mormonismo, risiede in una esperienza spirituale ottenibile dopo sincera preghiera e ricerca grazie allo Spirito Santo.

Il libro di Mormon contiene nelle sue pagine finali, la "promessa di Moroni", rivolta a coloro che leggendo il libro vogliono onestamente ricevere una conferma spirituale della veridicità del libro stesso:[5]

« Ecco, vorrei esortarvi, quando leggerete queste cose, se sarà nella saggezza di Dio che le leggiate, che vi ricordiate quanto misericordioso sia stato il Signore verso i figlioli degli uomini, dalla creazione di Adamo fino al tempo in cui riceverete queste cose, e che le meditiate nel vostro cuore. E quando riceverete queste cose, vorrei esortarvi a domandare a Dio, Padre Eterno, nel nome di Cristo, se queste cose non sono vere; e se lo chiederete con cuore sincero, con intento reale, avendo fede in Cristo, egli ve ne manifesterà la verità mediante il potere dello Spirito Santo. E mediante il potere dello Spirito Santo voi potrete conoscere la verità di ogni cosa. »

Secondo questo passo le condizioni per ricevere la testimonianza della veridicità del libro di Mormon sono:

  1. Aver letto il libro o parte di esso. In particolare è consigliata la lettura di alcuni capitoli nel Libro di Mormon: cap. 32 del Libro di Alma, il Cap 11 del Libro di Terzo Nefi e i versetti sovrastanti in Moroni 10:3-5.
  2. Credere che Gesù Cristo sia il Salvatore del genere umano.
  3. Il desiderio senza secondi fini di sapere da Dio se davvero il libro è veritiero.
  4. L'intenzione di agire in accordo alla rivelazione una volta saputo che è vero
  5. Chiedere a Dio in preghiera se il libro proviene da Lui

Edizioni del libro in inglese[modifica | modifica sorgente]

Al 2011, Il Libro di Mormon pubblicato dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, è stato tradotto interamente in 82 lingue, e parzialmente in altre 25, con un totale di oltre 150 milioni di esemplari distribuiti a partire dal 1830, anno della prima stampa.[6]

Traduzioni del libro in italiano[modifica | modifica sorgente]

La prima traduzione del 1852[modifica | modifica sorgente]

Lorenzo Snow in una foto che lo ritrae quando, all'età di 84 anni, assunse l'ufficio di Presidente della Chiesa mormone tra il 1898 e il 1901.

La prima edizione italiana del Libro di Mormon fu pubblicata a Londra nella prima metà del 1852, ad opera dell'Apostolo Lorenzo Snow, capo del primo gruppo di missionari della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni che si recarono in Italia.[7] Dopo diversi mesi di lavoro missionario in Italia, nel gennaio del 1851, Lorenzo Snow fece rientro a Londra con lo scopo di procedere alla traduzione del Libro di Mormon in lingua italiana.[8] Nel marzo dello stesso anno commissionò uno studioso, del quale non è pervenuto il nome, affinché si dedicasse alla traduzione del libro; questa si concluse nell'ottobre dello stesso anno.[8] Durante il periodo della traduzione, ad agosto, Lorenzo Snow scrisse della sua soddisfazione per come si stava svolgendo la traduzione: Sto procedendo molto bene con la traduzione del Libro di Mormon. Fra breve tempo ne comincerò la stampa e presto sarò in grado di presentarlo al popolo d'Italia nella loro lingua.[9] Tra il dicembre del 1851 e l'aprile del 1852, il tipografo londinese, William Bowden, stampò 1000 copie del Libro di Mormon in italiano e ne rilegò 192 in due diverse copertine.[8][10] Nel viaggio di rientro in Italia, Lorenzo Snow visitò l'Anziano Stenhouse in Svizzera e gli mostrò le segnature delle prime 400 pagine del Libro di Mormon che stava trasportando con sé. Mentre si trovava in Svizzera, Snow fece esaminare la traduzione del Libro di Mormon in italiano, contenuta nelle segnature, a Costantino Reta, un ex deputato del Parlamento Subalpino che insegnava italiano in Ginevra e Losanna. Questi si trovava in esilio in Svizzera in seguito agli eventi dei moti e dei Moti di Genova del 1849.[11] Costantino Rea riassicurò Lorenzo Snow sulla bontà della traduzione in italiano del Libro di Mormon, affermando che: la traduzione era corretta e ammirevole, con uno stile e linguaggio appropriato.[12] Dopo la chiusura della missione italiana nel 1867 le restanti segnature furuno spedite a Salt Lake City e, agli inizi del Novecento, vennero rilegate con altre copertine.[8][13] Di questa edizione del Libro di Mormon l'unica copia sopravvissuta in Italia si trova nella biblioteca comunale della Città di Pinerolo, Provincia di Torino.[8]

La traduzione del 1965 e quella attuale del 1995[modifica | modifica sorgente]

Il Libro di Mormon venne nuovamente tradotto in italiano il 27 febbraio 1965, l'anno precedente a quello della riapertura della Missione italiana.[14][15]

La terza, e attuale traduzione in italiano del Libro di Mormon è del 1995,[7]. Inoltre contiene: un ampliamento delle note a piè di pagina; un esteso uso di concordanze con le altre opere canoniche della Chiesa mormone; una Guida alle Scritture; mappe e illustrazioni.

La traduzione della Chiesa di Gesù Cristo (bickertonita)[modifica | modifica sorgente]

La Chiesa bickertonita, con sede in Pennsylvania, è la terza organizzazione religiosa del mormonismo per numero di fedeli (20 mila) e possiede una forte presenza di italo-americani.[16] Nel 1929 pubblicò una propria edizione del Libro di Mormon in italiano.[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "The Book of Mormon: Another Testament of Jesus Christ".
  2. ^ Frontespizio, Il Libro di Mormon.
  3. ^ Introduzione, Il Libro di Mormon.
  4. ^ Breve analisi del Libro di Mormon, Il Libro di Mormon.
  5. ^ Moroni cap. 10, vv. 3-5, Il Libro di Mormon.
  6. ^ (EN) 150 Million and Counting: The Book of Mormon Reaches Another Milestone, newsroom dal sito LDS.org, 18 aprile 2011
  7. ^ a b (EN) Kai A. Andersen, In His Own Language, Liahona, giugno 1997, nel sito LDS.org
  8. ^ a b c d e f (EN) Michael W. Homer, Il Libro di Mormon: Anticipating Growth Beyond Italy's Waldensian Valleys, Provo, Utah: Maxwell Institute, 2002, pp. 40–44, pubblicato nel sito byu.edu
  9. ^ Nell'originale: I am getting forward very well with the translation of the 'Book of Mormon.' I shall commence with the printing shortly, and will soon be able to present it to the people of Italy in their own language. Lorenzo Snow, The Prosperity of the Swiss and Italian Missions, and Elder L. Snow's Mission to India—Call for Aid, Millennial Star, 15 August 1851, 252.
  10. ^ Di queste copie, 167 vennero rilegate con una copertina in verde, blu e marroncino; mentre le restanti 25 furono dotate di una copertina in blu e viola e presentate alla Prima Presidenza, il Quorum dei Dodici Apostoli, l'Università di Deseret e l'Ufficio dei Registri Territoriali. Si veda, L. R. Jacobs, Mormon Non-English Scriptures, Hymnals, and Periodicals, 1830–1986: A Descriptive Bibliography, Ithaca, N.Y.,1986.
  11. ^ Cronologia dettagliata del Sacco di Genova, e del ruolo a difesa della Città svolta da Costantino Reta, nel sito francobampi.it/liguria
  12. ^ Nell'originale in inglese: "a correct and admirable translation, and a very appropriate style of language", Letter from Lorenzo Snow,"Millennial Star", 1º marzo 1852, p.78.
  13. ^ L. R. Jacobs, Mormon Non-English Scriptures.
  14. ^ (EN) The Saints in Italy, Lihaona, 1990, pubblicato nel sito LDS.org
  15. ^ Il Libro di Mormon è adesso disponibile in italiano, LDS Church News, Sabato, 9 maggio 1965, nel sito Bella Sion
  16. ^ Le religioni in Italia, Cesnur.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Siti mormoni[modifica | modifica sorgente]

Siti critici[modifica | modifica sorgente]

religioni Portale Religioni: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religioni