Libro dei Jin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il Libro dei Jin (cinese tradizionale: 晉書; cinese semplificato: 晋书; pinyin: Jìn Shū), compilato nel 648 d.C., è una dei testi della storiografia ufficiale cinese.

L'opera, in 130 volumi, si compone di una serie di documenti scritti da numerosi funzionari della dinastia Tang sotto la direzione del primo ministro Fáng Xuánlíng (房玄齡), e copre la storia della precedente dinastia Jìn, dal 265 al 420 d.C. Alcuni saggi contenuti nei volumi biografici 1, 3, 54 e 80 furono scritti dallo stesso imperatore Taizong.
Oltre alla storia della dinastia Jin, l'opera contiene riferimenti anche alla storia dei Sedici regni contemporanei della dinastia Jin orientale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wu Shijian 吳士鑑 and Liu Chenggan 劉承幹. Jinshu jiaozhu 晉書斠注 [Il libro di Jin commentato]. Taipei, Yiwen shuju, n.d. [1927].
  • Ho Peng-yoke. The Astronomical Chapters of the Chin Shu: With Amendments, Full Translation and Annotations. Paris-The Hague, Mouton & Co., 1966 [1967].
  • Fang Xuanling (房玄齡) et al. Jin shu 晉書 [Libro dei Jin]. Beijing, Zhonghua shuju, 1974

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]