Liberazione animale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liberazione animale
Titolo originale Animal Liberation
Autore Peter Singer
1ª ed. originale 1975
1ª ed. italiana 1987
Genere saggio
Sottogenere filosofia
Lingua originale inglese

Liberazione animale (Animal Liberation) è un saggio del filosofo australiano Peter Singer, pubblicato nel 1975 e considerato uno dei testi fondamentali dell'animalismo.

L'autore – che non manca di descrivere gli orrori della sperimentazione animale e degli allevamenti intensivi – argomenta in favore dei diritti animali sulla base delle tematiche filosofiche dell'utilitarismo e dell'antispecismo, proponendo al lettore la scelta vegetariana (o ancor meglio vegan) quale «passo» etico fondamentale, concretamente diretto alla riduzione del mercato (cioè della domanda e quindi dell'offerta) della carne:

« Diventare vegetariano non è meramente un gesto simbolico. Non è neanche il tentativo di isolarsi dalle sgradevoli realtà del mondo, di mantenersi puro e senza responsabilità per la crudeltà e per la carneficina che ci circondano. Diventare vegetariano è il passo più concreto ed efficace che si può compiere per porre fine tanto all'inflizione di sofferenze agli animali non umani, quanto alla loro uccisione. »
(Peter Singer, Liberazione animale)

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]