Liṅga Purāṇa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Liṅga Purāṇa (devanagari लिङ्ग पुराण; adattato in Linga Purana) è uno dei più importanti tra i diciotto Purāṇa maggiori, testi religiosi hindū. Il testo contiene la descrizione dell'origine dell'universo, del linga, e della comparsa di Brahma, Vishnu e di tutti i Veda dal linga stesso. In questo Purāṇa, Shiva afferma direttamente l'importanza del culto dei linga e dei rituali corretti da eseguire nella pūjā del linga.

Suddivisione e contenuti[modifica | modifica sorgente]

Mukhaliṅga risalente all'epoca Gupta, Bhumara, Madhya Pradesh. Il mukhaliṅga è un liṅga con la figura di Shiva in bassorilievo.

Il testo è suddiviso in cinque parti fondamentali che trattano di argomenti distinti[1]:

  • Prima parte: viene descritta l'origine del linga e illustrata in dettaglio la relativa cerimonia di adorazione. Vi sono inoltre sezioni che illustrano la creazione del cosmo, l'immolazione di Kama, il matrimonio di Shiva, la descrizione di Surya, Soma e degli avatāra di Vishnu: Varaha e Narshimha.
  • Seconda parte: viene descritta l'importanza della figura di Vishnu e l'emergere di Brahma quale creatore del cosmo. Vi sono poi altri racconti comprendenti le descrizioni dei vari aspetti di Shiva.
  • Terza parte: contiene la descrizione delle sette isole, del Monte Meru e altre importanti montagne. Vi è anche una descrizione di Brahma che assegna l'attributo divino a diverse divinità, tra cui lo splendore di Surya.
  • Quarta parte: vi sono alcune narrazioni, tra cui quella di Dhruva quale supremo devoto; sull'origine di diverse divinità; sui dettagli delle dinastie Aaditya e Yadu; sull'ascesa di Andhak alla posizione di signore dei Gana; l'annientamento del demone Jalandhar; l'origine di Ganesha.
  • Quinta parte: comprende la storia di Upamanyu, il significato di alcuni mantra, l'importanza del guru. Vengono infine descritti i diversi tipi di yoga e la procedura per l'installazione del linga.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Raj Kumar Pruthi, I Purana, testi sacri della tradizione induista, Edizioni Mediterranee, pp. 105-106.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vettam Mani, Puranic Encyclopedia, 1st English ed. New Delhi, Motilal Banarsidass, 1975.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]