Lezioni di cioccolato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lezioni di cioccolato
Lezioni di cioccolato.JPG
Titoli di testa del film
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2007
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Claudio Cupellini
Sceneggiatura Fabio Bonifacci, Christian Poli
Casa di produzione Cattleya, Faro Film
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Giovanni Cavallini
Montaggio Danilo Torre
Musiche Teho Teardo
Scenografia Alessandro Vannucci
Interpreti e personaggi

Lezioni di cioccolato è un film del 2007 diretto da Claudio Cupellini ed interpretato da Violante Placido, Luca Argentero, e Neri Marcorè.

Il film ha incassato € 2.576.000. Ha fatto il suo ultimo passaggio televisivo l'8 luglio 2014. Il 29 maggio 2011 ha registrando 2.552.000 telespettatori e il 9,96% di share.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Perugia, 2007. Mattia Cavedoni è un uomo senza scrupoli, un geometra titolare di una piccola impresa, sempre intento a risparmiare in modo superiore in tutti i campi, con mezzi più o meno leciti e con il socio e capocantiere Osvaldo, e lascia tutte le fidanzate una dopo l'altra, perché non vuole sposarsi. Al fine di attirare l'attenzione dell'arrogante dottor Ugolini si iscrive allo stesso club del golf e gli promette la ristrutturazione del casale di suo figlio in campagna alla metà del prezzo offerto dalle altre imprese.

Un giorno uno dei suoi operai arrivati da poco per guadagnare qualcosa e sistemarsi in Italia, Kamal Hawasgwaibh, un egiziano lavoratore in nero, ha un incidente in cantiere cadendo dal tetto del casale, nel quale non muore, poiché era basso, ma si rompe entrambe le braccia. Mattia lo prega di non raccontare niente alla polizia per mancanza del troppo costoso ponteggio sul tetto, ma lui ribatte che prima era un pasticciere di datteri in Egitto e che non lo denuncerà solo se seguirà al suo posto, sotto falsa identità, il corso da pasticciere presso la Perugina al quale si era iscritto solo con una telefonata: un corso per imparare a fare cioccolatini, nel quale il migliore vincerà un finanziamento per aprire una cioccolateria, solo per quell' anno, per i cento anni della Perugina, che Kamal aveva contattato, perché non sapeva fare dolci italiani e così anche il cioccolato. Mattia quindi riprende gli usi e costumi di Kamal, dall'abbigliamento al cellulare, alla macchina al modo di parlare, e inizia svogliatamente a frequentare il corso, fin quando il maestro cioccolatiere di mezza età Gaetano Conti (le sue figlie adulte vengono scambiate per fidanzate) lo assegna alla bella alunna Cecilia Ferri da Frascati perché lo segua come tutor. I due ragazzi da questo punto si conosceranno sempre meglio. Lei finirà per essere sempre più attratta del finto Kamal, mentre lui la crede pazza e cerca di farsi fare i compiti da lei.

Lui inizierà a chiamarla Ceci e a scoprire tutte le sue fragilità dovute al passato infestato da relazioni con uomini che si sono sempre rivelati bugiardi, e questo porterà lei ad innamorarsi, ma anche Mattia non impiegherà molto a subire il fascino della bella tutor. Ma lei, credendolo Kamal, pensa che Ugolini sia il suo capo quando parlano al telefono e lo rimprovera senza senso per come lo tratta, facendolo indignare. Ad un certo punto Cecilia, delusa perché pensa di non essere ricambiata da Kamal, vuole anche prendere un treno per tornare a Frascati da suo padre, ma Mattia le confessa il suo amore, poiché lei, al suo compleanno, lo aveva già baciato, e Cecilia rimane e si fidanzano.

Ma il gioco di Mattia e Kamal non è destinato a durare in eterno, infatti il ragazzo viene smascherato proprio alla scuola di cioccolato dal dottor Ugolini venuto in visita da medico per vedere se il cioccolato è un alimento sano. Cecilia scoprirà così che un altro uomo è stato bugiardo con lei, mentre lui non riesce neanche a spiegarle il motivo per cui ha dovuto fingere per il concorso-esame di baci perugini e cioccolato. Dopo essersi ubriacato con Kamal per togliersi la tristezza (si scopre dunque che Kamal beve il vino e mangia la carne di maiale perché è cristiano pure lui, di sottogenere copto, non musulmano), Mattia si riprende e dice ad Ugolini di non voler più fare il progetto sul suo casale diroccato, di voler risparmiare in modo normale e non superiore e di dare ai suoi operai un po' di vacanze, lasciando Ugolini in crisi per una casa per suo figlio e pentito finalmente per la sua arroganza.

Il film finisce dopo che il vero Kamal chiederà di essere comunque ammesso all'esame finale del corso, con il buono Mattia come manovale, e riuscirà a parteciparvi, ad imparare il cioccolato ed a vincere la cioccolateria con il cioccolatino-bacio italo-egiziano ai datteri ed alla nocciola "I love Shamira" (la moglie di Kamal), prima di guarire dalle braccia rotte. Cecilia, sconfitta all'esame, vedrà il giovane Mattia cadere ai suoi piedi chiedendole scusa per tutto quello che ha fatto e dichiarandole i suoi sentimenti veramente. La risposta non sarà del tutto negativa, perché gli confessa di aver accettato una consulenza presso la Perugina e, di conseguenza, di rimanere in città ancora per qualche mese: fa così capire a Mattia che per loro c'è ancora qualche possibilità. Lei, vivendo forse a casa di lui, farà la consulente, con il negozio di cioccolatini da un po' di soldi di Kamal e Mattia, e lui da geometra starà insieme a lei da fidanzati quasi ufficiali, non avendo più paura del matrimonio ed essendo diventato umile di carattere.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Mattia Cavedoni.
    Il protagonista Mattia è un geometra, molto sicuro sul lavoro come nella vita privata. È terrorizzato dall'idea di sposarsi, tanto da rompere ogni possibile fidanzamento per la paura di vedersi portare via tutti i suoi risparmi dopo il divorzio: l'ultimo dei quali è con Clara. Di conseguenza il lavoro viene sempre al primo posto, ma soprattutto risparmiare senza utilizzare mezzi termini: risparmiare su ciò che non si vede ferro, cemento, tubi. Dopo la caduta di Kamal dal tetto un altro timore lo assale: quello di essere denunciato per la mancanza delle misure di sicurezza nel suo cantiere. Quindi, per la paura di perdere tutto, si abbasserà pienamente al volere di Kamal, partecipando al corso di cioccolato e cambiando cellulare, automobile, vestiti, tagliando i capelli e scurendosi il viso con 10 lampade. La vita frenetica dei giorni del corso gli cambierà la vita ed il modo di pensare: da un lato si rende conto di quello che faceva passare ai suoi operai mal pagati e con il lavoro perennemente appeso ad un filo, dall'altro lato conosce Cecilia nei confronti della quale, per la prima volta, non è terrorizzato dall'idea che possa desiderare il matrimonio.
  • Cecilia Ferri.
    È una giovane donna, arriva direttamente da Frascati. Ha un passato molto turbolento, pieno di delusioni. Ha l'hobby per le freccette ed il volontariato. Spesso impulsiva, finisce sempre per pentirsi di quello che fa. Durante una discussione con Mattia alla stazione ammetterà di aver paura di se stessa, perché non si fida di se stessa. Quando le piace qualcuno, si butta.
  • Maestro Gaetano Conti.
    È un uomo misterioso, definisce i cioccolatini come dei piccoli momenti d'estasi. Per un certo periodo gli vengono attribuiti flirt con delle ragazze molto più giovani di lui. Solo verso la fine si scoprirà che è un uomo normalissimo, le ragazze non erano nient'altro che le sue figlie che può vedere pochissimo per colpa di un rapporto difficile con la ex moglie.
  • Kamal Hawasgwaibh.
    È l'operaio di Mattia, assunto in nero, che cade da un tetto e minaccia Mattia di denunciarlo per la mancanza dei ponteggi se questo non parteciperà al corso di cioccolato in suo nome. In Egitto era un pasticcere e mentre fa l'operaio, telefonando probabilmente, si iscrive alla scuola di cioccolato per poter continuare anche in Italia la sua vecchia professione. All'inizio lo conosciamo come personaggio molto timido, pronto subito ad abbassare la testa davanti al capo che minacciava di licenziarlo se non fosse salito sul tetto a finire il lavoro. Dopo l'incidente scoprirà invece di avere un forte potere su un uomo spietato come Mattia, disposto a fare qualsiasi cosa pur di salvarsi la reputazione e dalla galera. Imporrà anche diverse regole all'ex-capo, tra cui «Se te farai una brutta figura con il mio nome io ti denuncio», «mentre fai il corso, alla sera vieni a casa mia e mi impari cioccolato» e «capelli lunghi da femmina, via!». Nel corso della storia riprenderà più volte Mattia per il suo atteggiamento poco educato e gli darà insegnamenti proprio a riguardo di educazione, morale, risparmio e anche sull'amicizia.
  • Osvaldo.
    Osvaldo sembra essere l'unico amico di Mattia, lo aiuta nelle sue truffe alla ricerca dei materiali di riciclo e di seconda mano. Il suo motto sembra essere: quando cerchi materie prime devi risparmiare più possibile.
  • Dott. Giancarlo Ugolini.
    Il medico Ugolini, pur volendo solo un casale per suo figlio, costringe implicitamente Mattia a non scegliere il ponteggio troppo costoso ed odia gli stranieri ed alla fine il cioccolato (prima no), perciò sembra essere l'antagonista del film, venendo alla fine abbandonato da Mattia col suo casale ancora diroccato.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lezioni di cioccolato 2.

L'11 novembre 2011, a distanza di quattro anni dall'uscita della prima pellicola, è uscito nelle sale cinematografiche il sequel del film intitolato Lezioni di cioccolato 2, regia di Alessio Maria Federici.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema