Lex Plautia Papiria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lex Plautia Papiria
Lex Plautia Papiria

Senato di Roma
Tipo lex
Nome latino Lex Plautia Papiria
Autore tribuni della plebe Marco Plauzio Silvano e Caio Papirio Carbone
Anno 89 a.C.
Lista di leggi romane

La lex Plautia Papiria fu una legge romana promulgata nell'89 a.C. dai tribuni della plebe Marco Plauzio Silvano e Caio Papirio Carbone.

Secondo questa legge le persone iscritte come cittadini di città federate, e con il domicilio in Italia al tempo dell’approvazione della legge avrebbero avuto la cittadinanza romana se avessero dato il proprio nome al pretore della propria città entro sessanta giorni.

Il poeta Aulo Licinio Archia beneficiò di questa legge diventando cittadino di Eraclea e sulla base di questa legge venne scagionato da Cicerone dall'accusa di usurpazione della cittadinanza.

Questa legge è stata interpretata come un'integrazione della lex Iulia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]