Levenslied

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Levenslied (disambigua).
Levenslied
Origini stilistiche
Origini culturali musica da strada, cabaret
Strumenti tipici Voce, chitarra
Popolarità Paesi Bassi e Belgio
Sottogeneri
Piratenmuziek
Generi correlati
Musica pop · Ballata · Folk · Europop  · Schlager  · Chanson · Nederpop
Categorie correlate

Gruppi musicali levenslied · Musicisti levenslied · Album levenslied · EP levenslied · Singoli levenslied · Album video levenslied

Jean-Louis Pisuisse (al piano), precursore del genere
André Hazes, uno dei massimi esponenti, negli anni ottanta-novanta, del genere
Un altro esponente del genere, il cantante belga Will Tura

Con il termine levenslied (letteralmente: "canzone sulla vita"; formato da ol. leven = "vita" e da lied = "canzone") si intende un sottogenere della musica pop diffuso - a partire dagli anni dieci-venti del XX secolo[1][2] - nei Paesi Bassi e nel Belgio di lingua fiamminga, che viene interpretato prevalentemente in neerlandese, ma anche in inglese e italiano[2].

Ideatori del genere sono considerati i cabarettisti Jean-Louis Pisuisse e Max Blokzijl, che con "levenslied" resero in olandese il termine francese "chanson".[2][3][4]
"Pionieri" del genere furono, poi, negli anni venti, Willy Derby e Louis Davids.[1]

Caratteristiche del genere[modifica | modifica wikitesto]

Il genere si caratterizza per i testi che trattano temi di vita quotidiana, permeati da un tocco di sentimentalismo e melodrammaticità e da un senso di afflizione.[1]

La struttura è solitamente quella tradizionale del pop, con la consueta presenza di un ritornello.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il termine entrò in uso a partire dal primo decennio del XX secolo e fu ideato nel 1908 dai cabarettisti e giornalisti Jean-Louis Pisuisse e Max Blokzijl[1][4]: nacque dopo che Pisuisse entrò in contatto con il cabaret francese e, in particolare, con il chansonnier Aristide Bruant[4]. Pisuisse tradusse - come detto - chanson con "levenslied".[4]

Nel 1912 il Teatro "Tivoli" di Rotterdam annunciò le performance di Pisuisse e del suo collega Max Blokzijl, parlando di "interpreti di levenslied".[1]

I primi dischi di successo del genere furono Hallo Bandoeng di Willy Derby e De kleine man di Louis Davids, rispettivamente del 1926 e del 1929, che vendettero 50.000 copie.[1]

Negli anni settanta-ottanta, tra i principali esponenti del genere vi furono André Hazes (1951-2004) e Willy Alberti (1926-1985).[1]

Esponenti del genere[1][modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Muziekencyclopedie: Levenslied
  2. ^ a b c Geschiedenis24: Het geboorte van het levenslied
  3. ^ Historik.net: Jean-Louis Pisuisse
  4. ^ a b c d Senior Plaza: Beroemdheden, p. 3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]