Letterine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine Letterine, nel gergo televisivo, designava le ragazze del cast di Passaparola, gioco-quiz preserale di Canale 5, andato in onda dal gennaio 1999 al gennaio 2006. Le letterine introducevano i vari giochi e segmenti della trasmissione esibendosi in balli durante brevi stacchi musicali (chiamati "stacchetti" nel gergo televisivo).

Solo dall'edizione 2002-2003 le letterine hanno cominciato ad avere un ruolo nella conduzione a fianco di Gerry Scotti, mentre nell'ultima edizione sono venute meno le parti ballate.

Benché fossero protagoniste di piccole coreografie (sotto la direzione del coreografo statunitense Brian Bullard) non si può attribuire alle letterine l'appellativo di corpo di ballo. L'idea sviluppata dagli autori nella seconda serie, quando esplode il loro successo, era quella di proporle come "fidanzate ideali" che conquistassero tanto il pubblico maschile con la loro avvenenza, quanto quello femminile con la loro simpatia e naturalezza. Il loro successo superò le aspettative degli stessi autori e la popolarità delle letterine andò oltre quella dal già fortunatissimo Passaparola.

Fenomeno di costume[modifica | modifica sorgente]

Il termine "letterina" (al pari di "velina") si diffuse affermandosi presto come sinonimo di "ragazza molto avvenente appartenente al mondo della tv". Si noti che proprio a partire dal 2000 è un susseguirsi di nomignoli analoghi attribuiti a gruppi di ragazze che vengono inseriti nei cast di trasmissioni di ogni genere, con l'evidente intento di ripetere il successo delle letterine (le "schedine" del programma Quelli che... il calcio di Simona Ventura sono la dimostrazione di una delle poche emulazioni riuscite, le "letteronze" dei programmi Mai dire... della Gialappa's Band sono un esempio di parodia altrettanto riuscito, laddove però la parodia si ferma al nome attribuito, perché la funzione delle ragazze in questione ricalca esattamente quella del gruppo originale). Piero Chiambretti, in uno dei suoi programmi, ospitava in studio le "letterate", ossia aspiranti showgirl con lauree in materia umanistica.

Ovviamente, nella maggior parte dei casi, il ruolo di letterina è stato per la giovane ragazza un trampolino di lancio nel mondo dello spettacolo, nella maggior parte dei casi in precedenza solo sfiorato con presenze sporadiche, pubblicità, concorsi di bellezza, sfilate, ecc.

Del fenomeno di costume nato attorno alle letterine/veline e loro emulazioni, se ne sono occupati e se ne occupano analisti televisivi e sociologi che si sono interrogati sull'influenza di queste figure sul mondo adolescenziale. In particolare erano molte le ragazze soprattutto nella fascia 14/19, che oltre a vestirsi come le loro eroine, sognavano di emularne il successo e la carriera nel piccolo schermo.

I riflessi sul costume sono stati analizzati in particolare ne La repubblica delle veline di Candida Morvillo, ma anche nel film Ricordati di me di Gabriele Muccino, con scene girate proprio nello studio di Passaparola, adattato e camuffato per ospitarne una irriverente trasposizione cinematografica.

Renzo Arbore anticipò il tema già nel 1987 con la satira delle "ragazze coccodè" ad Indietro tutta!

Come per la trasmissione Passaparola, così per le letterine si è avuta una parabola di successo che ha avuto il suo apice nelle stagioni 1999-2000 2000-2001 2001-2002 e 2002-2003 cui sono seguite altre annate sempre meno fortunate fino all'ultima piuttosto spenta dallo stravolgimento dei giochi e dal ruolo ormai completamente modificato delle stesse letterine.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

L'uso già popolare prima del 1999 del termine "veline" riferito alle vallette della trasmissione Striscia la notizia ha sicuramente orientato la scelta verso un termine che vi si richiamasse e al tempo stesso fosse legato allo spirito della trasmissione. La scelta è caduta su "letterine" perché il quiz era basato su giochi di parole e sulle lettere dell'alfabeto.

Elenco delle letterine[modifica | modifica sorgente]

  • 1999

Alessandra Epis, Caterina Murino (poi sostituita da Alessia Fabiani), Deborah Gallo, Elisa Triani, Giulia Montanarini e Luisella Tuttavilla

  • 1999-2000

Alessia Fabiani, Benedetta Massola, Daniela Bello, Elisa Triani, Kimberly Greene e Vincenza Cacace

  • 2000-2001

Alessia Fabiani, Benedetta Massola, Cristina Cellai, Daniela Bello, Silvia Toffanin e Vincenza Cacace

  • 2001-2002

Alessia Fabiani, Alessia Ventura, Daniela Bello, Ilary Blasi, Ludmilla Radčenko e Silvia Toffanin

  • 2002-2003

Alessia Ventura, Cosmanna Ardillo, Federica Villani, Francesca Lodo, Ilary Blasi e Morena Salvino

  • 2003-2004 - 2004-2005

Caroline Eyrolle, Chiara Cucconi, Delia Degli Innocenti, Giulia Fogliani, Michela Coppa e Vanessa Villafane

  • 2005-2006

Anna Gigli Molinari, Caroline Eyrolle, Isabella Uminska, Michela Coppa e Sara Zanier

  • 2007-2008

Anna Gigli Molinari, Elena Doronina e Bianca Sommaruga

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Candida Morvillo. La repubblica delle veline. Milano, Rizzoli, 2003.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]