Lettere dal mio mulino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lettere dal mio mulino
Titolo originale Lettres de mon moulin
Autore Alphonse Daudet
1ª ed. originale 1869
Genere novelle
Lingua originale francese
Mulino di Alphonse Daudet a Fontvieille

Lettere dal mio mulino (Lettres de mon moulin) è una raccolta di novelle, la maggior parte ambientate in Provenza, scritta da Alphonse Daudet e apparsa nel 1869.

Il libro, celeberrimo in Francia, dove è spesso considerato - ingiustamente - un'opera per ragazzi, è ispirato in parte a racconti che Daudet raccolse in Provenza (la storia dell'Arlesiana fu raccontata a Daudet da Frédéric Mistral). Alcune delle lettere hanno avuto una fama straordinaria, sono diventate proverbiali, come La capra del signor Seguin (la chèvre de M. Seguin), Il segreto di mastro Cornille (Le secret de maître Cornille), Il curato di Cucugnan (Le curé de Cucugnan).

Le novelle furono dapprima pubblicate, a iniziare dal 18 agosto 1866, con il nome di Cronache provenzali sul L'Evénement, poi sul Figaro nel 1868-69. La prima pubblicazione in raccolta, con il titolo Lettere dal mio mulino apparve nel 1869. In totale le lettere dal mio mulino furono ventiquattro. Delle lettere Daudet disse in Trent'anni di Parigi, attraverso la mia vita e i miei libri: "esse furono scritte al capriccio del vento, del momento, di un'esistenza terribilmente agitata".

Benché Daudet sia giunto a Parigi nel 1857 e abbia quasi sempre vissuto in quella città, il ricordo dell'infanzia e della adolescenza vissute in Provenza non l'abbandonò mai. Tornò in Provenza nel 1861, poi nel 1863-64, quando fu ospite degli Ambroy, i suoi cugini, nel castello di Montauban, presso Fontvieille. Lì ritrovò Mistral, il grande poeta della Provenza che aveva già conosciuto a Parigi nel 1859. Il mulino dove Daudet dice di avere vissuto e dove avrebbe scritto le lettere, esiste tuttora ed è meta di pellegrinaggi degli appassionati di Daudet, ma non fu mai abitato dallo scrittore.

Remy de Gourmont negli Epiloghi ha scritto: "era un conversatore, è quasi essere narratore; era del Mezzogiorno, il paese in cui le frasi fanno il verso delle cicale. Lui chiacchierava che era una delizia; e narrava come conversava, con un piacere evidente, sorridente, comunicativo. Era la sua vocazione".

Novelle[modifica | modifica wikitesto]

  1. Installazione
  2. La diligenza di Beaucaire
  3. Il segreto di mastro Cornille
  4. La capra del signor Séguin
  5. Le stelle
  6. L'arlesiana
  7. La mula del papa
  8. Il faro dei Sanguinari
  9. L'agonia della "seminatrice"
  10. I doganieri
  11. Il curato di Cucugnan
  12. I vecchi
  13. Ballate in prosa (La morte del Delfino; Il sotto prefetto in campagna)
  14. Il portafoglio di Bixiou
  15. La leggenda dell'uomo dal cervello d'oro
  16. Il poeta Mistral
  17. Le tre messe basse
  18. Gli aranci
  19. I due alberghi
  20. A Miliana
  21. Le cavallette
  22. l'elixir del Reverendo Padre Gaucher
  23. In Camargue (La partenza;La capanna; Alla posta!; Il rosso e il bianco; I Vaccarès)
  24. Nostalgie di caserma

Dall'Arlesiana Daudet trasse un dramma, per il quale Georges Bizet scrisse nel 1872 delle musiche di scena, diventate celeberrime. Dallo stesso dramma L. Marenco trasse un libretto d'opera, che fu musicato da Francesco Cilea (prima rappresentazione a Milano, Teatro Lirico, il 27 novembre 1897).

Marcel Pagnol realizzò, nel 1954 e nel 1967, due film ispirati a quattro dei racconti: L'elixir di Padre Gaucher, il segreto di mastro Cornille, le tre Messe Basse, il curato di Cucugnan.

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura