Letteratura bahai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La letteratura bahai è costituita dall'insieme di opere letterarie correlate alla fede bahai, la religione fondata da Bahá'u'lláh.

Le opere bahai possono essere di diversa natura, passando dai Testi sacri veri e propri alle raccolte di lettere dei personaggi fondamentali della fede, alle opere a carattere divulgativo, storico, esegetico o apologetico.

Le opere bahai, specialmente i testi sacri, hanno un grande valore per la comunità bahai[1]

Alcune delle lettere dei protagonisti della fede bahai, spesso chiamate tavole, sono state raccolte in volumi che, per il loro contenuto, hanno assunto una grande importanza teologica

La Casa Universale di Giustizia usa tuttora le lettere come sistema principale per comunicare con la comunità mondiale bahai e non.

Testi sacri e testi vincolanti[modifica | modifica sorgente]

Secondo la religione bahai il Báb e Bahá'u'lláh hanno ricevuto direttamente da Dio le rivelazioni da loro esposte e pertanto le opere che le riportano sono ritenute di ispirazione divina e quindi divine esse stesse[1].

`Abdu'l-Bahá fu nominato da Bahá'u'lláh suo successore e interprete delle sue parole e dei testi rivelati.

Le opere di `Abdu'l-Bahá, tuttavia, non hanno carattere divino ma cogente per i Bahai e fanno parte degli scritti bahai data la loro origine[1].

`Abdu'l-Bahá è considerato, assieme al Báb e a Bahá'u'lláh, una delle figure centrali della fede bahai[1].

Similmente gli scritti di Shoghi Effendi sono ritenuti altrettanto cogenti anche se hanno un grado di autorevolezza inferiore a quella dei testi precedenti[1].

Per quanto riguarda la Casa Universale di Giustizia essa non può intervenire sulle materie già disciplinate nelle opere dei fondatori o in quelle di `Abdu'l-Bahá o Shoghi Effendi, ma può intervenire su tutte le altre non già trattate dai predetti[1].

Le opere del Báb, di Bahá'u'lláh, di `Abdu'l-Bahá, di Shoghi Effendi e della Casa Universale di Giustizia costituiscono nel loro insieme il Corpo dei testi canonici bahai[1].

Una speciale categoria di libri sono le raccolte delle preghiere delle Figure Cantrali della fede bahai, spesso nate all'origine come lettere. Tali raccolte, come le Preghiere e meditazioni di Bahá'u'lláh, sono molto importanti per i Bahai e molto comuni tra loro dato il vincolo spirituale che viene attribuito alla preghiera, alla meditazione e allo studio dei testi sacri[1].

Testi storici e biografici[modifica | modifica sorgente]

Il libro God Passes By di Shoghi Effendi è un testo base sulla storia della religione bahai dal 1844 al 1944[1].

Il Dawn Breakers di Nabil-Zarandi descrive ampiamente il periodo dal Báb fino all'esilio dalla Persia di Bahá'u'lláh, 1853[1].

Il Ministry of the Custodians di Rúhíyyih Khanum illustra il periodo di vacanza nella leadership baha'i dopo il trapasso di Shoghi Effendi dal 1957 fino all'elezione della Casa Universale di Giustizia del 1963[1].

Esistono scritti di altri autori sui primi periodi della fede, alcuni anche con significativi dati biografici e storici[1]. In particolare si distinguono sotto questo aspetto le opere di H. M. Balyuzi e di A. Taherzadeh sulla storia e le biografie delle figure centrali della religione bahai[1].

Testi divulgativi e di studio[modifica | modifica sorgente]

Uno dei più noti testi bahai a carattere divulgativo è Bahá'u'lláh e la nuova era di John Esslemont pubblicato in inglese nel 1923.

Il testo di Esslemont è stato aggiornato e riedito diverse volte ed è tuttora molto valido per la conoscenza della fede bahai[2].

Altri testi divulgativi sono stati scritti come il The Bahá'í Faith, The Emerging Global Religion di Hatcher e Martin o il A Short Introduction to the Bahá'í Faith di Momen e il The Bahá'í Religion di Smith

Altrettanto importanti sono le serie di pubblicazioni effettuate in varie parti del mondo a cura delle locali comunità bahai[3].

Testi apologetici[modifica | modifica sorgente]

Poche opere di Bahá'u'lláh possono essere classificate come apologetiche oltre a essere importanti lavori dottrinali come il Kitáb-i-Íqán o la Lettera al figlio del Lupo, destinate entrambi ai Bahai e agli islamici[1].

Nabíl-i-Akbar e Mírzá Abu'l-Fadl Gulpáygání, che erano importanti discepoli islamici, accettarono la rivelazione di Bahá'u'lláh e scrissero alcuni testi a carattere apologetico, il più noto dei quali è The Brilliant Proof di Mírzá Abu'l-Fadl[1].

George Townshend scrisse Christ and Bahá'u'lláh, un testo apologetico, in risposta ad alcuni quesiti cristiani[1].

Altri testi minori sono stati comunque pubblicati in varie parti del mondo da Bahai che hanno voluto testimoniare la propria fede con propri scritti.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ortografia bahai.

La maggior parte delle prime opere bahai, comprese quelle di Bahá'u'lláh, sono state scritte sia in persiano che in arabo[1].

Le traduzioni inglesi si sono servite della traslitterazione tipica dell'ortografia bahai sviluppata da Shoghi Effendi, che fra l'altro era stato designato da `Abdu'l-Bahá come interprete degli scritti delle figure centrali della fede[1].

L'ortografia sviluppata da Shoghi Effendi è diventata per i Bahai uno standard ed è comunemente usata per la traduzione e traslitterazione dei nomi, seppure con le eccezioni tollerate per esigenze tipografiche o di scrittuta digitale[1].

Autenticità[modifica | modifica sorgente]

I Bahai annettono grande importanza agli scritti dei protagonisti della religione e di quei personaggi che hanno avuto contatti diretti con le figure centrali della fede, ponendo così il problema dell'autenticità e della cogenza dei relativi scritti.[1].

Su questo problema vigila e decide la Casa Universale di Giustizia che attraverso il proprio Dipartimento di Ricerca e la Biblioteca bahai raccoglie, cataloga, valuta, e traduce i testi in questione[4].

Alcuni tra i primi pellegrini o tra coloro che, comunque, ebbero contatti diretti con Bahá'u'lláh o `Abdu'l-Bahá lasciarono degli scritti riportanti le loro parole o il loro pensiero, queste opere possono essere dei validi strumenti di studio una volta che ne è stata accertata l'autenticità e la fedeltà di rapporto pur non costituendo opere cogenti[1].

Alcune raccolte dei discorsi di `Abdu'l-Bahá, come `Abdu'l-Bahá in London, Paris Talks, e The Promulgation of Universal Peace possono rientrare in questa categoria[1].

Opere bahai[modifica | modifica sorgente]

Le opere, redatte in inglese, sono qui suddivise per autore.

`Abdu'l-Bahá[modifica | modifica sorgente]

Molte delle opere elencate sono delle raccolte, si stima tuttavia che esistano circa 15.000 pezzi archiviati per oltre circa 30.000 scritti[5][6][7]

Il Báb[modifica | modifica sorgente]

Bahá'u'lláh[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scritti di Bahá'u'lláh.
  • Bahá'u'lláh, Meditations of the Blessed Beauty, London, UK, Bahá'í Publishing Trust, 1992. ISBN 1-870989-18-X.

Libri di preghiere[modifica | modifica sorgente]

  • Il Báb, Bahá'u'lláh e `Abdu'l-Bahá, Bahá'í Daybook: Passages for Deepening and Meditation, Wilmette, Illinois, USA, Bahá'í Publishing Trust, 1996. ISBN 0-87743-154-X.
  • Il Báb, Bahá'u'lláh e `Abdu'l-Bahá, Fountains of Love: A Selection of Prayers and Meditations by Bahá'u'lláh, The Báb, and `Abdu'l-Bahá, Germany, Bahá'í Verlag GmbH, 2003. ISBN 3-87037-397-0.
  • Il Báb, Bahá'u'lláh e `Abdu'l-Bahá, Remembrance of God: A Selection of Bahá'í Prayers and Holy Writings, New Delhi, India, Bahá'í Publishing Trust, 2000. ISBN 81-85091-64-1.

Figure centrali[modifica | modifica sorgente]

La Casa Universale di Giustizia ha preparato diverse raccolte di estratti dalle opere delle Figure centrali bahai e di Shoghi Effendi.

  • Compilations in Research Department of the Universal House of Justice (a cura di), Compilation of Compilations, Volume I, Bahá’í World Centre, Bahá’í Publications Australia, 1991.
  • Compilations in Research Department of the Universal House of Justice (a cura di), Compilation of Compilations, Volume II, Bahá’í World Centre, Bahá’í Publications Australia, 1991.

Shoghi Effendi[modifica | modifica sorgente]

  • Shoghi Effendi, Principles of Bahá'í Administration, 4th, London, UK, Bahá'í Publishing Trust, 1976. ISBN 0-900125-13-6.

Casa Universale di Giustizia[modifica | modifica sorgente]

La Casa Universale di Giustizia, direttamente o attraverso le proprie agenzie, ha pubblicato diverse opere.

Mírzá Abu'l-Fadl Gulpáygání[modifica | modifica sorgente]

  • Mírzá Abu'l-Fadl Gulpáygání, Miracles and Metaphors, Los Angeles, Kalimát Press, 1981. ISBN 0-933770-22-7.

Balyuzi, H.M.[modifica | modifica sorgente]

  • H.M. Balyuzi, The Báb: The Herald of the Day of Days, Oxford, UK, George Ronald, 1973. ISBN 0-85398-048-9.
  • H.M. Balyuzi, Bahá'u'lláh, King of Glory, Oxford, UK, George Ronald, 2000. ISBN 0-85398-328-3.
  • H.M. Balyuzi, Edward Granville Browne and the Bahá'í Faith, Oxford, UK, George Ronald, 1970. ISBN 0-85398-023-3.
  • H.M. Balyuzi, Eminent Bahá'ís in the time of Bahá'u'lláh, Oxford, UK, George Ronald, 1985. ISBN 0-85398-152-3.
  • H.M. Balyuzi, Khadijih Bagum, the Wife of the Báb, Oxford, UK, George Ronald, 1981. ISBN 0-85398-100-0.
  • H.M. Balyuzi, Muhammad and the Course of Islam, Oxford, UK, George Ronald, 1976. ISBN 0-85398-478-6.

J. E.Esslemont[modifica | modifica sorgente]

Moojan Momen[modifica | modifica sorgente]

  • M. (ed.) Momen, The Bábí and Bahá'í Religions, 1844-1944 - Some Contemporary Western Accounts, Oxford, UK, George Ronald, 1981. ISBN 0-85398-102-7.
  • M. Momen, Buddhism and the Bahá'í Faith, Oxford, UK, George Ronald, 1994. ISBN 0-85398-384-4.
  • M. Momen, Islam and the Bahá'í Faith, An Introduction to the Bahá'í Faith for Muslims, Oxford, UK, George Ronald, 2000. ISBN 0-85398-446-8.
  • M. (ed.) Momen, Selections from the Writings of E.G. Browne on the Bábí and Bahá'í Religions, Oxford, UK, George Ronald, 1987. ISBN 0-85398-246-5.

Re-issued in 2008 as

  • Moojan Momen., The Bahá'í Faith: A Beginner's Guide, Oxford, UK, Oneworld Publications, 2008. ISBN 978-1851685639.
  • M. Momen, Bahá'u'lláh: A Short Biography, Oxford, UK, Oneworld Publications, 2007. ISBN 978-1851684694.

Nabíl-i-Zarandí[modifica | modifica sorgente]

Rabbani, Rúhíyyih[modifica | modifica sorgente]

  • Rabbani, R., The Priceless Pearl, Hardcover, London, UK, Bahá'í Publishing Trust: 2000, 1969. ISBN 1-870989-91-0.

Udo Schaefer[modifica | modifica sorgente]

  • U. Schaefer, Bahá'í Ethics in Light of Scripture, Volume 1 - Doctrinal Fundamentals, Oxford, UK, George Ronald, 2007. ISBN 978-0-85398-505-1.

William Sears[modifica | modifica sorgente]

  • W. Sears, A Cry from the Heart: The Bahá'ís of Iran, Oxford, UK, George Ronald, 1982. ISBN 0-85398-134-5.
  • W. Sears, The Flame: The Story of Lua, Oxford, UK, George Ronald, 1973. ISBN 0-85398-030-6.
  • W. Sears, God Loves Laughter, Oxford, UK, George Ronald, 1960. ISBN 0-85398-019-5.
  • W. Sears, The Half-Inch Prophecy, NSA of the Bahá'ís of South Africa, 2000. ISBN 1-874801-94-0.
  • W. Sears, In Grandfather's Barn, USA, Bahá'í Publishing Trust, 1997. ISBN 0-87743-257-0.
  • W. Sears, Prince of Peace, India, Bahá'í Publishing Trust, 1988. ISBN 81-85091-10-2.
  • W. Sears, Release the Sun, USA, Bahá'í Publishing Trust, 1995. ISBN 0-87743-003-9.
  • W. Sears, Thief in the Night, Oxford, UK, George Ronald [1961], 2002. ISBN 0-85398-008-X.
  • W. Sears, The Wine of Astonishment, Oxford, UK, George Ronald, 1991. ISBN 0-85398-009-8.

Peter Smith[modifica | modifica sorgente]

  • P. Smith, The Bahá'í Faith: A Short History, Oxford, UK, Oneworld Publications, 1999. ISBN 1-85168-208-2.
  • P. Smith, The Bahá'í Religion, A Short Introduction to its History and Teachings, Oxford, UK, George Ronald, 1988. ISBN 0-85398-277-5.
  • P. Smith, A Concise Encyclopedia of the Bahá'í Faith, Oxford, UK, Oneworld Publications, 1999. ISBN 1-85168-184-1.

Adib Taherzadeh[modifica | modifica sorgente]

  • A. Taherzadeh, The Covenant of Bahá'u'lláh, Oxford, UK, George Ronald, 1992. ISBN 0-85398-344-5.
  • A. Taherzadeh, Trustees of the Merciful, London, UK, Bahá'í Publishing Trust, 1972. ISBN 0-900125-09-8.

George Townshend[modifica | modifica sorgente]

  • G. Townshend, Christ and Bahá’u’lláh, Oxford, UK, George Ronald [1957], 1966. ISBN 0-85398-005-5.
  • G. Townshend, The Heart of the Gospel, Oxford, UK, George Ronald [1939], 1951. ISBN 0-85398-020-9.
  • G. Townshend, The Promise of All Ages, Oxford, UK, George Ronald [1948], 1972. ISBN 0-85398-044-6.

Diversi[modifica | modifica sorgente]

  • Dr. Youness Afroukhteh, Memories of Nine Years in 'Akká, Oxford, UK, George Ronald [1952], 2003. ISBN 0-85398-477-8.
  • E. Braun e H. Chance, A Crown of Beauty, The The Bahá'í Faith and the Holy Land, Oxford, UK, George Ronald, 1982. ISBN 0-85398-139-6.
  • Cameron, G., Momen, W., A Basic Bahá'í Chronology, Oxford, UK, George Ronald, 1996. ISBN 0-85398-404-2.
  • William P. Collins, Bibliography of English-language Works on the Bábí and Bahá'í Faiths, Oxford, UK, George Ronald, 1990. ISBN 0-85398-315-1.
  • Hatcher, J.S., The Ocean of His Words: A Reader's Guide to the Art of Bahá'u'lláh, Wilmette, Illinois, USA, Bahá'í Publishing Trust, 1997. ISBN 0-87743-259-7.
  • Hatcher, W.S., & Martin, J.D., The Bahá'í Faith: The Emerging Global Religion, Wilmette, Illinois, USA, Bahá'í Publishing Trust, 1998. ISBN 0-87743-264-3.
  • D. Hofman, Commentary on the Will and Testament of 'Abdu'l-Bahá, Oxford, UK, George Ronald, 1982. ISBN 0-85398-158-2.
  • Khan, J.A., & Khan, P., Advancement of Women: A Bahá'í Perspective, Wilmette, Illinois, USA, Bahá'í Publishing Trust, 2003. ISBN 1-931847-03-7.
  • J.A. Khan, Prophet's Daughter: The Life and Legacy of Bahíyyih Khánum, Outstanding Heroine Of The Bahá'í Faith, Wilmette, Illinois, USA, Bahá'í Publishing Trust, 2005. ISBN 1-931847-14-2.
  • W. Momen, A Basic Bahá'í Dictionary, Oxford, UK, George Ronald, 1989. ISBN 0-85398-231-7.
  • J. Ruhe-Schoen, A Love Which Does Not Wait, Riviera Beach, Florida, USA, Palabra Publications, 1998. ISBN 1-890101-17-6.
  • Nader Saiedi, Gate of the Heart, Waterloo, ON, Wilfrid Laurier University Press, 2008. ISBN 978-1-55458-035-4.
  • Salmani, Ustad Muhammad-`Aliy-i, the Barber, Gail, Marizieh (tr.), My Memories of Bahá'u'lláh, Los Angeles, USA, Kalimát Press, 1982. ISBN 0-933770-21-9.
  • John Walbridge, Sacred Acts, Sacred Space, Sacred Time, Oxford, UK, George Ronald, 1996. ISBN 0-85398-406-9.
  • B. Whitmore, The Dawning Place, Wilmette, Illinois, USA, Bahá'í Publishing Trust, 1984. ISBN 0-87743-192-2. .

Periodici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v Smith, A Concise Encyclopedia of the Bahá'í Faith, op, cit. in bibliografia
  2. ^ The Universal House of Justice, Prophecy of Daniel; Modifications of Baha'u'llah and the New Era, 1996-06-02.
  3. ^ Bahá'í International Community, "Collaborative Study for Individual and Social Transformation".
  4. ^ The Universal House of Justice, "Questions about Aspects of the Bahá'í Teachings", 6 agosto 1997.
  5. ^ a b The Universal House of Justice, "Numbers and Classifications of Sacred Writings texts".
  6. ^ a b Stockman, R. and Cole, J, "Number of tablets revealed by Bahá'u'lláh". URL consultato il 4 dicembre 2006.
  7. ^ a b Archives Office at the Bahá'í World Centre, Haifa, Israel, Bahá'í Archives - Preserving and safeguarding the Sacred Texts.
  8. ^ McGlinn, S., The Leiden list of the works of Baha'u'llah, 1999. URL consultato il 4 dicembre 2006.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P. Smith, A Concise Encyclopedia of the Bahá'í Faith, Oxford, UK, Oneworld Publications, 1999. ISBN 1-85168-184-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Bahai Portale Bahai: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bahai