Leslie Lamport

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leslie Lamport

Leslie Lamport (New York, 7 febbraio 1941) è un informatico statunitense. Conosciuto ai più come pioniere degli studi scientifici nell'ambito del calcolo distribuito, per i quali ha ricevuto il premio Turing 2013, e come l'ideatore di LaTeX[1], un insieme di macro per il programma TeX.

Formazione accademica[modifica | modifica sorgente]

La ricerca[modifica | modifica sorgente]

Sistemi distribuiti[modifica | modifica sorgente]

La ricerca compiuta da Lamport ha gettato le basi della teoria dei sistemi distribuiti: tra i suoi lavori più degni di nota ricordiamo:

Questi articoli trattano concetti quali orologi logici (e la relazione happened-before) e i Fallimenti Bizantini, e sono tra i lavori più citati nei campo dei sistemi distribuiti [senza fonte], dato che descrivono algoritmi per risolvere molti problemi fondamentali di questa disciplina, tra cui:

La logica[modifica | modifica sorgente]

Lamport è inoltre conosciuto per i suoi studi sulla logica temporale, nella quale ha introdotto la Logica Temporale delle Azioni (Temporal Logic of Actions - TLA)[9] [10] Tra i suoi contributi più recenti abbiamo TLA+, una logica per l'analisi e la descrizione di sistemi concorrenti e reattivi, descritta nel libro: “Specifying Systems: The TLA+ Language and Tools for Hardware and Software Engineers”[11]

Riconoscimenti onorari[modifica | modifica sorgente]

Nel 2014 Lamport ha ricevuto l'A.M. Turing Award per i suoi "contributi fondamentali alla teoria e alla pratica dei sistemi distribuiti e concorrenti, in particolare per l'invenzione di concetti quali causalità, orologi logici, safety e liveness, le replicated state machines, e la consistenza sequenziale"[12].

Ha anche ricevuto quattro dottorati onorari da università europee:

Nel 2004 ha inoltre ricevuto il premio Piore della IEEE.[13]

Nel 2005, l'articolo Reaching Agreement in the Presence of Faults[14] ha ricevuto il Premio Dijkstra.[15]

Il lavoro di Lamport[modifica | modifica sorgente]

Lamport lavorò come informatico al Massachusetts Computer Associates, SRI International, Digital Equipment Corporation, e alla Compaq. Nel 2001 si unì al Microsoft Research a Mountain View.[2]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Lamport è accreditato come autore del seguente aforisma:

« You know you have a distributed system when the crash of a computer you've never heard of stops you from getting any work done. »

in italiano:

« Capisci di avere un sistema distribuito quando il crash di un computer di cui non avevi mai sentito parlare ti impedisce di concludere il tuo lavoro. »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Leslie Lamport, LaTeX: A Document Preparation System, Addison-Wesley, 1986, ISBN 0-201-15790-X. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  2. ^ a b c Leslie Lamport, My Writings, 19 dicembre 2006. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  3. ^ Leslie Lamport, The Analytic Cauchy Problem with Singular Data, 1972. URL consultato il 2007-02-02.
  4. ^ Leslie Lamport, Time, Clocks and the Ordering of Events in a Distributed System in Communications of the ACM, vol. 21, nº 7, luglio 1978, pp. 558–565. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  5. ^ Gil Neiger, PODC Influential Paper Award: 2000, 23 gennaio 2003. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  6. ^ Leslie Lamport, Robert Shostak, Marshall Pease, The Byzantine Generals Problem in ACM Transactions on Programming Languages and Systems, vol. 4, nº 3, luglio 1982, pp. 382–401. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  7. ^ K. Mani Chandy, Leslie Lamport, Distributed Snapshots: Determining Global States of a Distributed System in ACM Transactions on Computer Systems, vol. 3, nº 1, febbraio 1985, pp. 63–75. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  8. ^ Leslie Lamport, The Part-Time Parliament in ACM Transactions on Computer Systems, vol. 16, nº 2, maggio 1998, pp. 133–169. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  9. ^ Leslie Lamport, A Temporal Logic of Actions, 1990-04-01. URL consultato il 2007-02-02.
  10. ^ Leslie Lamport, The Temporal Logic of Actions in ACM Transactions on Programming Languages and Systems, vol. 16, nº 3, maggio 1994, pp. 872–923. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  11. ^ Leslie Lamport, Specifying Systems: The TLA+ Language and Tools for Hardware and Software Engineers, Addison-Wesley, 2002, ISBN 0-321-14306-X. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  12. ^ Turing award 2013, ACM.
  13. ^ IEEE Emanuel R. Piore Award Recipients. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  14. ^ Marshall Pease, Robert Shostak, Leslie Lamport, Reaching Agreement in the Presence of Faults in Journal of the Association for Computing Machinery, vol. 27, nº 2, aprile 1980. URL consultato il 2 febbraio 2007.
  15. ^ Edsger W. Dijkstra Prize in Distributed Computing: 2005. URL consultato il 2 febbraio 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44417132 LCCN: n85197221

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie