Lesley Gore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lesley Gore (nata Lesley Sue Goldstein) (New York City, 2 maggio 1946) è una cantante statunitense, una delle migliori performer conosciute all'età delle girl group.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Tenafly, nel New Jersey da genitori ebrei, la Gore è stata scoperta nell'età dell'adolescenza. Il suo primo singolo, uscito quando aveva 16 anni, fu It's My Party, forse ancora uno dei pezzi più famosi, col quale raggiunse nel 1963 la prima posizione nella Billboard Hot 100 per due settimane ed il 9º posto in Gran Bretagna. Un anno dopo, It's My Party ebbe una versione italiana ad opera di Richard Anthony che la incise con il titolo La mia festa.

Tra i brani successivi si ricordano Judy's Turn to Cry (il seguito di It's My Party), She's a Fool, il pre-femminista You Don't Own Me, e Maybe I Know. La cantante fu tra i primi artisti ad avere Quincy Jones come produttore.

Anziché accettare contratti televisivi e cinematografici, la Gore scelse di frequentare il Sarah Lawrence College a Bronxville, New York. Questo limitò la sua carriera pubblica ai weekend e alle vacanze estive e indubbiamente nocque ad essa. Nonostante ciò, durante la metà del 1960, la Gore continuò ad essere una delle più famose cantanti negli Stati Uniti e in Canada.

Alla fine degli anni sessanta, comunque, la sua fama calò dal momento che i gusti popolari si stavano volgendo verso suoni psichedelici. Il suo ultimo successo fu California Nights (1967), che fu eseguita in un episodio della serie tv Batman, dove ella apparve anche come attrice. Successivamente, continuò ad essere impegnata nell'industria musicale, esibendosi in concerti e cabaret e raggiunse un notevole successo come autrice di canzoni per altri artisti. Sono sue alcune delle canzoni della colonna sonora del film del 1980 Saranno famosi (Fame). Ricevette una nomination agli Academy Awards per Out Here on My Own, scritto con il fratello Michael per la top 20 Irene Cara.

La Gore continua ad essere impegnata, facendo concerti, con apparizioni televisive e recentemente (2005) registrando un CD Ever Since autoprodotto e acclamato dalla critica: è anche conosciuta per aver intrapreso diversi generi musicali, incluso una credibile parte nell'album degli AC/DC Dirty Deeds Done Dirt Cheap.

Orientamento sessuale[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la Gore non avesse dichiarato nulla fino al 2005,[1] il suo lesbismo non era propriamente un segreto, e lei stessa dichiarò che nei circoli di divertimento il suo orientamento sessuale era ben conosciuto. Dichiarò inoltre che non sapeva del suo orientamento fino all'età di 20 anni, e quando scoprì di essere lesbica, non pensò mai di rivelarlo pubblicamente, ma allo stesso tempo non si preoccupò di nasconderlo.

Il film Grace Of My Heart del 1996 includeva un personaggio (interpretato da Bridget Fonda) che nonostante le resistenze, era simile a quello della Gore. All'inizio del 2004 si poteva vedere la Gore ospite nella serie PBS in The Life, focalizzato sui problemi LGBT.

Attualmente Lesley vive con la sua compagna da più di 23 anni.[1]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 - I'll Cry if I Want To (US #24)
  • 1963 - Lesley Gore Sings of Mixed-Up Hearts (US #125)
  • 1964 - Boys, Boys, Boys (US #127)
  • 1964 - Girl Talk (US #146)
  • 1965 - My Town, My Guy & Me (US #120)
  • 1966 - Lesley Gore Sings All About Love
  • 1967 - California Nights (US #169)
  • 1972 - Someplace Else Now
  • 1975 - Love Me By Name
  • 2005 - Ever Since

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

  • 1965 - The Golden Hits of Lesley Gore (US #95)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 - It's My Party (US #1, UK #9)
  • 1963 - Judy's Turn to Cry (US #5)
  • 1963 - She's a Fool (US #5)
  • 1964 - You Don't Own Me (US #2)
  • 1964 - That's the Way Boys Are (US #12)
  • 1964 - I Don't Wanna Be a Loser (US #37)
  • 1964 - Maybe I Know (US #14)
  • 1964 - Hey Now (US #76)
  • 1964 - Sometimes I Wish I Were a Boy (US #86)
  • 1965 - Look of Love (US #27)
  • 1965 - Sunshine, Lollipops and Rainbows (US #13)
  • 1965 - My Town, My Guy and Me (US #32)
  • 1966 - Young Love (US #50)
  • 1966 - We Know We're in Love (US #76)
  • 1967 - California Nights (US #16)
  • 1967 - Summer and Sandy (US #65)
  • 1967 - Brink of Disaster (US #82)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b afterellen.com - Interview with Lesley Gore Retrieved 25 February 2013

Controllo di autorità VIAF: 87313537 LCCN: n88034863