Les Charmettes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Les Charmettes
LesCharmettes.jpg
Tipo Casa museo legata a Jean-Jacques Rousseau
Data fondazione 1811[1]
Fondatori George Marie Raymond[1]
Indirizzo 890 chemin des Charmettes
73000 Chambéry
Francia Francia
Sito Sito istituzionale

Coordinate: 45°33′12″N 5°55′47″E / 45.553333°N 5.929722°E45.553333; 5.929722

Les Charmettes è una tenuta, composta da una casa e da un parco, situata a poca distanza dalla città francese di Chambéry. Nella casa visse, tra il 1736 e il 1742, il filosofo ginevrino Jean-Jacques Rousseau;[1] qui, sotto la protezione della nobildonna Françoise-Louise de Warens, con la quale intrattenne anche una relazione sentimentale, Rousseau trascorse alcuni anni di serenità durante i quali affinò la sua preparazione intellettuale e approfondì i suoi studi di filosofia, geometria, latino, storia, geografia e astronomia.[2]

Les Charmettes alla fine del XIX secolo.
Veduta d'insieme della casa e del parco di Les Charmettes intorno al 1830.

Dopo la morte di Rousseau, avvenuta nel 1778, e dopo la pubblicazione postuma di due delle sue ultime opere (Le confessioni e Le fantasticherie del passeggiatore solitario, in cui rievocava con dolcezza il periodo passato a Les Charmettes) la tenuta divenne meta di pellegrinaggio per gli ammiratori del filosofo e scrittore: tra di essi si annoverarono dapprima molti degli artefici della Rivoluzione francese, che consideravano Rousseau uno dei loro padri spirituali, e poi alcuni autori romantici, ugualmente influenzati dalla sua opera.[1]

Nel 1810 la tenuta di Les Charmettes venne acquistata da George Marie Raymond, il quale l'anno successivo aprì la casa e il parco ai visitatori, trasformando la proprietà in un museo dedicato alla memoria di Rousseau. Nel 1905 il museo divenne proprietà comunale della città di Chambéry e venne elevato allo status di monumento storico.[3]

Il museo è tuttora aperto al pubblico.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (FR) Les Charmettes, maison de Jean-Jacques Rousseau in Ville de Chambéry. URL consultato il 29 maggio 2012.
  2. ^ Roberto Gatti, Profilo biografico. In Jean-Jacques Rousseau, Il contratto sociale, a cura di Roberto Gatti, 3ª ed., Milano, BUR Rizzoli [2005], 2010, ISBN 978-88-17-00269-1.
  3. ^ (FR) Maison des Charmettes in Ministère de la Culture et de la Communication. URL consultato il 29 maggio 2012.
  4. ^ (FR) Les Charmettes, maison de Jean-Jacques Rousseau in Ville de Chambéry – Musées. URL consultato il 29 maggio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]