Lepturinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepturinae
Oxymirus cursor 1 bialowieza forest beentree.jpg
Oxymirus cursor (Linnaeus, 1758) ♀
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Sottordine Polyphaga
Infraordine Cucujiformia
Superfamiglia Cerambycoidea
Famiglia Cerambycidae
Sottofamiglia Lepturinae
LATREILLE, 1802
Tribù

I Lepturinae Latreille, 1802, sono una sottofamiglia di coleotteri cerambicidi diffusa in tutto il mondo con poco più di un migliaio di specie.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Adulto[modifica | modifica sorgente]

I Lepturinae sono generalmente contraddistinti da dimensioni relativamente medie o piccole, aspetto allungato, capo prognato spesso prolungato in rostro, area stridulatoria divisa (tranne i gruppi più evoluti), zampe allungate (soprattutto le posteriori), anche anteriori talvolta coniche.
Le antenne sono generalmente corte, tranne che nei generi più primitivi (Xylosteini, Stenocorus, Oxymirus).
Le ali posteriori presentano una cella nella regione anale che scompare nei gruppi più evoluti (Dorcasomini, Holopterini, Necydalini)[1].

Larva[modifica | modifica sorgente]

Larva di Rhagium inquisitor (Linnaeus, 1758)

Le larve, quasi sempre dotate di zampe più o meno sviluppate, sono caratterizzate da capo largo, diviso in due dall'area di inserzione muscolare e labbro superiore largo [2].
I gruppi più primitivi (Xylosteini, Rhagiini), possiedono generalmente uno o due spine sull'ultimo segmento addominale, che indicano la loro parentela con gli Spondylidinae. Tuttavia il genere Rhagium ha sia larve con tale caratteristica (sottogenere Megarhagium e Hagrium), che larve prive di spine (sottogenere Rhagium).

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Adulto[modifica | modifica sorgente]

Rhagium mordax (DeGeer, 1775)
Leptura maculata Poda, 1761

I Lepturinae comprendono sia forma notturne che diurne.
Le tribù più primitive (Xylosteini) sono costituite da specie notturne ed arboricole. Tale caratteristica si è mantenuta anche in molti Lepturinae dell'Africa australe che sono stati raggruppati nella tribù Dorcasomini. I Rhagiini, i Lepturini, i Desmocerini e i Necydalini sono invece tutti diurni.
I Rhagiini più primitivi (Stenocorus, Oxymirus, Rhagium, Rhamnusium, etc.) sono arboricoli e solo raramente si possono trovare sui fiori. Queste specie sono spesso dotate di colorazioni poco appariscenti su toni di bruno che le confondono con l'ambiente circostante. Si tratta di mimetismo criptico.
Alcuni Rhagiini più evoluti (Brachyta, Gaurotes, Pidonia) sono invece floricoli. Il genere Pachyta (Rhagiini) comprende sia specie arboricole che floricole.
I Lepturini (che si sono evoluti dai Rhagiini) sono invece quasi tutti floricoli, tranne qualche specie più primitiva del genere Stictoleptura.
Queste specie presentano spesso colorazioni aposematiche su toni contrastanti di rosso-nero o giallo-nero (analogo a quelle dei Cerambycinae Trachyderini e Clytini) con funzione di avvertimento per i possibili predatori. Tuttavia, poiché si tratta di specie innocue, tale colorazione appartiene al mimetismo batesiano.

Larva[modifica | modifica sorgente]

Le larve dei Lepturinae attaccano generalmente latifoglie e conifere, nutrendosi del legno marcio sia del tronco che dell'apparato radicale.
Alcuni generi (Dinoptera, Pidonia, Cortodera, alcuni Dorcasomini) vivono nel suolo nutrendosi di radici ed hanno evoluto zampe sviluppate e corpo pigmentato.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Poiché si tratta del gruppo più primitivo all'interno dei cerambicidi, con evidenti affinità con altre famiglie dei Cerambycoidea e coi Chrysomeloidea, la posizione sistematica di alcune tribù è stata oggetto di controversie che hanno portato a dividerle o a riunirle al complesso dei Lepturinae. I Lepturinae sono stati divisi in otto tribù. La tribù Eroschemini Lacordaire, 1869, spesso inclusa nei Lepturinae, appartiene invece ai Cerambycinae.

Di queste, soltanto quattro (Xylosteini, Rhagiini, Lepturini, Necydalini) si incontrano in Europa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Saalas U., 1936 - Über das Flügelgeäder und die phylogenetische Entwicklung der Cerambyciden - Annales Zoologici Societatis Zoologicae-Botanicae Fennicae Vanamo 4 (1): 1-193
  2. ^ Svácha P. & Danilevsky M. L., 1987 - Cerambycoid larvae of Europe and Soviet Union (Coleoptera Cerambycoidea) Part I - Acta Universitatis Carolinae, Biologica 30: 1-176.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi