Leptotes pirithous

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Leptotes pirithous
Leptotes pirithous 0016.JPG
Leptotes pirithous
su Plumbago sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Lycaenidae
Sottofamiglia Polyommatinae
Tribù Polyommatini
Genere Leptotes
Specie L. pirithous
Nomenclatura binomiale
Leptotes pirithous
(Linnaeus, 1767)

Leptotes pirithous (Linnaeus, 1767),è una farfalla della famiglia Lycaenidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

La superficie dorsale delle ali è di colore blu violaceo nei maschi, bruno grigiastro con macchie violacee nella femmina. La superficie ventrale è in entrambi i sessi di colore biancastro, con macchie brune disposte secondo un disegno geometrico complesso. Le ali posteriori, che hanno una esile coda in corrispondenza della seconda nervatura cubitale, presentano due caratteristiche macchie nere contornate di verde e di arancio.
Può essere confusa con le seguenti specie: Lampides boeticus e Cacyreus marshalli.

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

È presente in Africa del Nord, Europa meridionale e Asia minore.
In Italia è abbastanza comune in tutte le regioni, isole comprese.

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Tra le specie vegetali preferite dalle larve ci sono diverse specie di Fabaceae (Melilotus officinalis, Melilotus alba), Lythraceae (Lythrum salicaria), Polygonaceae (Polygonum aviculare), Plumbaginaceae (Plumbago spp.), Ericaceae (Calluna vulgaris).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter [1998], 1999, pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co. [1987], 1991, pp. ix, 754, ISBN 9780840337023, LCCN 85081922, OCLC 13784377.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]