Lepilemur scottorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepilemure di Scott
Immagine di Lepilemur scottorum mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Lepilemuridae
Genere Lepilemur
Specie L. scottorum
Nomenclatura binomiale
Lepilemur scottorum
Lei et al., 2008
Areale

Lepilemur scottorum distribution.jpg

Il Lepilemure di Scott (Lepilemur scottorum Lei et al., 2008) è un lemure della famiglia dei Lepilemuridae. Come tutti i lemuri, è endemico del Madagascar.

La specie è stata individuata grazie a ricerche basate su tecniche di sequenziamento del DNA mitocondriale ed è descritta ufficialmente nel febbraio 2008[1].
L'epiteto specifico è un omaggio ai coniugi Suzanne e Walter Scott Jr., finanziatori di una fondazione che ha supportato tali ricerche.[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un lemure di media taglia, con un peso medio di 0,88 kg.

La pelliccia, folta, è di colore grigio-bruno sul dorso, bruno-rossastro sul ventre e sugli arti. Sul dorso è presente una striscia mediana di pelo più scuro, grigio-nerastro. La faccia è ricoperta da pelo bianco-grigiastro, più chiaro sulle guance e attorno agli occhi. La coda è bruno rossastra alla base, più scura verso la punta[1].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Sono animali notturni e solitari che trascorrono la maggior parte del loro tempo sugli alberi.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Sono erbivori la cui dieta è costituita quasi esclusivamente da foglie ed in minima parte di fiori e frutti. La digestione della grande quantità di cellulosa consumata è favorita da un intestino cieco assai sviluppato e dalla abitudine di ridigerire le proprie feci (ciecotrofismo).

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale di questa specie è ristretto alla foresta di Masiaposa, all'interno del Parco nazionale di Masoala, nel Madagascar nord-orientale (Provincia di Antsiranana).

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Data la recente data di scoperta della specie, non ci sono dati sufficienti a stabilire il suo status di conservazione.

Il suo areale è ristretto ma ricade all'interno di un'area protetta che garantisce la tutela del suo habitat.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Lei R., Engberg S.E., Andriantompohavana R., McGuire S.M., Mittermeier R.A., Zaonarivelo J.R., Brenneman R.A. & Louis E.E., Jr, Nocturnal Lemur Diversity at Masoala National Park in Special Publications of the Museum of Texas Tech University, 2008; 53: 1-48.
  2. ^ Jane Palmer, Henry Doorly Zoo scientists identify two new lemur species in Omaha World Herald, 21 febbraio 2008. URL consultato il 28 maggio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]