Lepilemur ahmansonorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepilemure di Ahmanson
Immagine di Lepilemur ahmansonorum mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Lepilemuridae
Genere Lepilemur
Specie L. ahmansonorum
Nomenclatura binomiale
Lepilemur ahmansonorum
Louis, 2006
Sinonimi

Lepilemur ahmansoni

Il lepilemure di Ahmanson (Lepilemur ahmansonorum Louis, 2006) è una specie di lemure recentemente scoperta, endemica del Madagascar.[2]

Il nome della specie è un omaggio alla Ahmanson Foundation, finanziatrice della ricerca che portò alla sua scoperta (assieme a quella di altre 10 specie di lemuri).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

È una delle specie più piccole del genere Lepilemur, misurando all'incirca mezzo metro di lunghezza, di cui circa metà va attribuita alla coda.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il pelo è lanoso e di colore grigio scuro nella parte superiore del corpo (a volte con sfumature giallognole sulle spalle e nella zona del posteriore) e bianco-giallastro nella parte ventrale. Sono presenti peli sparsi con striature nere.
Gli occhi sono grandi e bruno scuro con riflessi color rubino, mentre le orecchie sono nerastre ed ellittiche, attaccate lateralmente rispetto alla testa.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Colonizza le aree di foresta decidua secca nella zona attorno a Mahajanga, in particolare ad ovest del fiume Mahavavy.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Descritta nel 2006 come L. ahmansoni, è stata successivamente rinominata L. ahmansonorum.[3]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List classifica L. ahmansonorum come specie con dati insufficienti (Data Deficient); ulteriori ricerche sono necessarie per definire i limiti dell'areale e la reale consistenza della popolazione.[1]
La specie è inserita nella Appendice I della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES).[4]

È presente nella foresta di Tsiombikibo, in parte ricadente nel parco nazionale della Baia di Baly.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Hoffmann, M. 2008, Lepilemur ahmansonorum in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ Louis E. et al., Molecular and morphological analyses of the sportive lemurs (Family Megaladapidae: Genus Lepilemur) reveals 11 previously unrecognized species (PDF) in Texas Tech University Special Publications 2006; 49: 1-49.
  3. ^ Hoffman M, Grubb P., Groves C.P., Hutterer R., Van der Straeten E., Simmons N., Bergmans W., A synthesis of African and western Indian Ocean Island mammal taxa (Class: Mammalia) described between 1988 and 2008: an update to Allen (1939) and Ansell (1989) in Zootaxa, vol. 2205, 2009, pp. 1–36.
  4. ^ CITES - Appendices I, II and III in Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora, International Environment House, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]