Lepidozamia hopei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepidozamia hopei
Lepidozamia Hopei DSC 0233 - 400pix.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Cycadophyta
Classe Cycadopsida
Ordine Cycadales
Famiglia Zamiaceae
Genere Lepidozamia
Specie L. hopei
Nomenclatura binomiale
Lepidozamia hopei
(W.Hill) Regel, 1876
Sinonimi

Macrozamia hopei
C. Moore

Lepidozamia hopei (W.Hill) Regel è una pianta appartenente alla famiglia delle Zamiaceae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il fusto raggiunge i 17 m di altezza e i 50 cm di diametro. È liscio e di colore giallo-marrone pallido.

Le foglie sono lunghe 2–3 m, com un picciolo di 30–60 cm, sono lisce e prive di spine. Le foglioline sono disposte in maniera distanziata, 160-200 per foglia, di colore verde scuro e lucide. Sono lunghe 20–40 cm e larghe 15–30 mm. Sono dotate di stomi solo sulla pagina inferiore.

È una specie dioica. I coni maschili sono di forma cilindrica, lunghi 25–40 cm per 8–14 cm di diametro, con microsporofilli a forma di cuneo lunghi fino a 30 mm e larghi 25 mm; quelli femminili sono ovoidali, lunghi 40–60 cm e larghi 20–30 cm, con macrosporofilli lunghi 5–8 cm e larghi 3,5-6,5 cm.

I semi sono lunghi da 4 a 7 cm, con tegumento di colore rosso.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è originaria del Queensland nordorientale, in Australia. La si trova a quote superiori ai 1 000 m slm.

Gli esemplari crescono distanziati tra loro su terreni duri, spesso nelle immediate vicinanze della foresta pluviale o delle foreste di eucalipto. Si possono trovare sia su terreni pianeggianti vicino a corsi d'acqua che su terreni ripidi e asciutti.[1]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List classifica L. hopei come specie a rischio minimo[1].

La specie è inserita nell'Appendice II della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[2].

Parte dell'areale della specie ricade nel territorio dei parchi nazionali dei Tropici del Queensland.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Hill, K.D., Lepidozamia hopei in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ CITES - Appendices I, II and III in Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora, International Environment House, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica