Lepidocybium flavobrunneum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Escolar
Lepidocybium flavobrunneum.jpg

Obs smiths escolar3.jpg

Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Gempylidae
Genere Lepidocybium
Gill, 1862
Specie L. flavobrunneum
Nomenclatura binomiale
Lepidocybium flavobrunneum
(Smith, 1843)

L'escolar (Lepidocybium flavobrunneum), o tirsite, è un pesce marino della famiglia dei Gempilidi. È l'unica specie del genere Lepidocybium.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Vive nelle acque tropicali e subtropicali di tutto il globo, ad esclusione dell'oceano Indiano settentrionale; talvolta si incontra anche in acque temperate. È molto diffuso nell'oceano Atlantico orientale, da Madera fino al Sudafrica. È solito trascorrere il giorno tra i 600 e gli 885 metri di profondità, ma di notte risale fino a profondità di 100 metri o anche meno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Di colore marrone scuro, tende ad assumere con l'età tonalità più scure e gli esemplari più vecchi sono quasi neri. Nuotatore molto veloce, ha pinne pettorali ben sviluppate e una serie di pinnule più piccole. Può raggiungere i 2,4 metri di lunghezza.

Consumo[modifica | modifica wikitesto]

L'escolar viene consumato in alcuni Paesi europei e asiatici, nonché negli Stati Uniti, talvolta come ingrediente per sushi o sashimi. Viene venduto con il nome commerciale di «tonno bianco» - nome con cui viene indicata anche l'alalunga - o «super tonno bianco», per distinguerlo dall'alalunga[1].

Talvolta viene anche venduto come «pesce burro» (Butterfish), «pesce burro delle Hawaii» o «ruvetto» cui è spesso assimilato; alle Hawaii e alle Figi è conosciuto come walu.

Insieme al ruvetto ne è stato vietata la commercializzazione in Svizzera nel 2007, per i possibili disturbi alla salute (diarree, crampi, cefalee e vomito all'ingestione) causati dalla presenza elevata di esteri di cera nel suo grasso: più ridotta se sottoposto all'affumicatura a caldo, che quindi ne favorisce la commestibilità[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Miami New Times by Jen Karetnick February 2001 "The Great White Tuna"
  2. ^ Lettera Informativa 130/2007 del 07.06.2007 "Vietata la commercializzazione di pesce della famiglia delle Gempylidae nel settore della gastronomia" dell'Uffico della Sanità UFSP svizzero, con riferimento al regolamento CE 2074/2005 (GU L 338 del 22.12.2005, pag. 27) e le raccomandazioni del Bundesinstitut für Risikobewertung tedesco

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci