Lepenski Vir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lepenski Vir
Statuetta mesolitica di Lepenski Vir.
Statuetta mesolitica di Lepenski Vir.
Localizzazione
Stato Serbia Serbia
Distretto Bor
Dimensioni
Superficie n.d.

Coordinate: 44°33′40″N 22°01′27″E / 44.561111°N 22.024167°E44.561111; 22.024167

Lepenski Vir (in serbo cirillico, Лепенски Вир) è un importante sito archeologico del mesolitico ubicato nella Serbia orientale, al centro della penisola balcanica. Consiste di un insediamento di notevoli dimensioni circondato da dieci villaggi satelliti. I reperti fanno ipotizzare una presenza umana a partire dal 7000 a.C., che raggiunse il massimo sviluppo tra il 5300 a.C. e il 4800 a.C. Dalle testimonianze architettoniche, appare evidente che la civiltà di Lepenski Vir fosse caratterizzata da una ricca vita sociale e religiosa e da un elevato livello culturale.

Storia degli scavi[modifica | modifica wikitesto]

Lepenski Vir è situato sulla riva meridionale del Danubio nella Serbia orientale, nelle vicinanze della cittadina di Donji Milanovac e in prossimità delle Porte di ferro, la gola formata dal fiume lungo il confine tra Serbia e Romania. I primi scavi risalgono al 1965, ma solo nel 1967, in seguito al ritrovamento delle prime sculture mesolitiche, fu possibile riconoscere la notevole importanza della scoperta. Gli scavi terminarono nel 1971 quando l'intero sito venne trasferito 29.7 metri a monte per evitare l'inondazione dovuta all'apertura di una diga l'anno seguente. Il maggior contributo all'esplorazione archeologica della zona è dovuto al professor Dragoslav Srejović dell'Università di Belgrado.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sito principale consiste di diverse fasi archeologiche, denominate proto-Lepenski Vir, Lepenski Vir Ia-e, Lepenski Vir II e Lepenski Vir III, che coprono oltre un millennio di storia dal mesolitico al neolitico. Numerosi altri villaggi appartenenti alla stessa civiltà e risalenti allo stesso periodo vennero scoperti nelle vicinanze. Tali siti includono, tra gli altri Hajducka Vodenica, Padina, Vlasac, Ikaona e Kladovska Skela. Gli artefatti ritrovati consistono di utensili di pietra e ossa, resti di abitazioni e oggetti rituali tra cui particolari sculture di pietra.

Si presume che gli abitanti di Lepenski Vir rappresentino i discendenti delle prime popolazioni europee della civiltà dei cacciatori-raccoglitori di Brno-Předmost dalla fine dell'ultima glaciazione. L'evidenza archeologica di abitazioni nelle vicinanze di caverne risale al 20000 a.C. Il primo insediamento sul plateau inferiore a Lepenski Vir risale invece al 7000 a.C., un periodo in cui il clima si è già notevolmente riscaldato.

Lo sviluppo dell'insediamento fu fortemente influenzato dalla topologia dell'area, al centro della regione in cui il Danubio apre un varco attraverso i Carpazi, dopo aver lasciato la pianura pannonica. Si trovava infatti su un sottile plateau sulle rive del Danubio, tra le scoscese pendici dei monti e la corrente del fiume, e forniva per questo motivo, limitate risorse in termini di cibo, materiali da costruzione e spazi abitativi. I ritrovamenti dello strato più antico, proto-Lepenski Vir, consistono infatti di un insediamento di forse solo quattro o cinque famiglie con meno di cento abitanti. La fonte di alimentazione primaria fu probabilmente la pesca. Comunità di pescatori di questo tipo erano tipiche della regione della più larga valle del Danubio in questo periodo.

In un secondo tempo, il problema del sovrappopolamento dell'insediamento originale si fa evidente. In questo periodo si verificarono importanti cambiamento che fanno di Lebensky Vir una cultura veramente d'eccezione nell'era del Mesolitico.

Reperti archeologici nella zona circostante danno l'evidenza di insediamenti costruiti ai fini della caccia e la raccolta di alimenti e di materie prime. Questo suggerisce una complessa economia semi-nomade basata sullo sfruttamento delle risorse nella zona immediatamente circostante il paese, qualcosa di straordinario per la visione tradizionale del Mesolitico in Europa. Una maggiore complessità in una economia porta alla specializzazione professionale e quindi di differenziazione sociale.

Ciò è particolarmente evidente nella struttura di Lepenski Vir-bis. Il villaggio è ben pianificato. Tutte le case sono costruite in base ad una complessa struttura geometrica. I resti di abitazioni costituiscono esempi chiari della architettura di Lepenski Vir, uno degli importanti risultati di questa cultura. La disposizione principale del paese è chiaramente visibile. I morti sono stati sepolti al di fuori del villaggio in un elaborato cimitero. Apparentemente le uniche eccezioni sono relative alla cremazione di anziani notabili che sono state effettuate dietro il camino delle case, secondo un rito religioso.