Leopoldo di Borbone-Due Sicilie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leopoldo di Borbone
Leopoldo conde de Siracusa.jpg
Conte di Siracusa
Nome completo Leopoldo Beniamino Giuseppe
Altri titoli Altezza Reale
Nascita Palermo, 22 maggio 1813
Morte Pisa, 4 dicembre 1860
Luogo di sepoltura Basilica di Santa Chiara, Napoli
Padre Francesco I delle Due Sicilie
Madre Maria Isabella di Spagna
Consorte Maria Vittoria di Savoia

Leopoldo di Borbone-Due Sicilie, conte di Siracusa (Palermo, 22 maggio 1813Pisa, 4 dicembre 1860), fu un membro della casa di Borbone-Due Sicilie, terzo figlio maschio di Francesco I delle Due Sicilie e di Maria Isabella di Borbone-Spagna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il fratello maggiore di Leopoldo, Ferdinando II delle Due Sicilie, considerò un matrimonio tra Leopoldo e la principessa Maria di Orléans, ma le trattative con il padre, Luigi Filippo di Francia, naufragarono sulle rivolte francesi nel 1834 e Luigi Filippo rifiutò di concedere a Maria la sua parte della "donation-partage" delle sue terre (una condizione che Ferdinando aveva posto ai fini del matrimonio).

Leopoldo, in ultima analisi, sposò la principessa Maria Vittoria di Savoia-Carignano, secondogenita del principe Giuseppe Maria di Savoia, conte di Villafranca, e di sua moglie Pauline de Quélen de Vauguyon, il 16 giugno 1837 a Napoli. Leopoldo e Maria ebbero una sola figlia, Isabella, che morì meno di un anno dopo la sua nascita nel 1838. Gli fu attribuita anche una figlia illegittima, Teresa, marchesa Vulcano (1840-1920).

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 22 maggio 1813 – 12 dicembre 1816: Sua Altezza Reale Il Serenissimo Principe Don Leopoldo.
  • 12 dicembre 1816 - 4 dicembre 1860: Sua Altezza Reale Il Serenissimo Principe Don Leopoldo, Conte di Siracusa.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro
— (1813)
Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cavaliere degli Ordini del Re di Francia (1826).
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
cavaliere di Gran Croce con collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria cavaliere di Gran Croce con collare dell'Ordine di Carlo III
— 22 aprile 1821
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Leopoldo, Conte di Siracusa Padre:
Francesco I delle Due Sicilie
Nonno paterno:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Bisnonno paterno:
Carlo III di Spagna
Trisnonno paterno:
Filippo V di Spagna
Trisnonna paterna:
Elisabetta Farnese
Bisnonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia (1724-1760)
Trisnonno paterno:
Augusto III di Polonia
Trisnonna paterna:
Maria Giuseppa d'Austria
Nonna paterna:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Bisnonno paterno:
Francesco Stefano di Lorena
Trisnonno paterno:
Leopoldo di Lorena
Trisnonna paterna:
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans
Bisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo
Trisnonno paterno:
Carlo VI d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Madre:
Maria Isabella di Borbone-Spagna
Nonno materno:
Carlo IV di Spagna
Bisnonno materno:
Carlo III di Spagna
Trisnonno materno:
Filippo V di Spagna
Trisnonna materna:
Elisabetta Farnese
Bisnonna materna:
Maria Amalia di Sassonia (1724-1760)
Trisnonno materno:
Augusto III di Polonia
Trisnonna materna:
Maria Giuseppa d'Austria
Nonna materna:
Maria Luisa di Borbone-Parma
Bisnonno materno:
Filippo I di Parma
Trisnonno materno:
Filippo V di Spagna
Trisnonna materna:
Elisabetta Farnese
Bisnonna materna:
Elisabetta di Borbone-Francia
Trisnonno materno:
Luigi XV di Francia
Trisnonna materna:
Maria Leszczyńska

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]