Leopoldina di Baden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principessa Leopoldina di Baden
Principessa Leopoldina di Baden
Principessa di Hohenlohe-Langenburg
Nascita Karlsruhe, 22 febbraio 1837
Morte Strasburgo, 23 dicembre 1903
Padre Guglielmo di Baden
Madre Elisabetta Alessandrina di Württemberg
Consorte Ermanno, principe di Hohenlohe-Langenburg

Leopoldina di Baden (nome completo Leopoldina Guglielmina Paolina Amalia Massimiliana di Baden; Karlsruhe, 22 febbraio 1837Strasburgo, 23 dicembre 1903) fu una principessa di Baden per nascita e principessa di Hohenlohe-Langenburg per matrimonio.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Leopoldina era la quarta e ultima figlia del principe Guglielmo di Baden (1792–1859), e di sua moglie, la duchessa Elisabetta Alessandrina di Württemberg (1802–1864) figlia del duca Ludovico Federico Alessandro di Württemberg. I suoi nonni paterni furono Carlo Federico di Baden, il primo granduca di Baden, e la sua seconda moglie Luise Geyer di Geyersberg, contessa di Hochberg.

Crebbe a Karlsruhe con le sorelle maggiori, Sofia (1834–1904) ed Elisabetta (1835–1891). Il 24 settembre 1862 sposò a Karlsruhe il principe Ermanno di Hohenlohe-Langenburg, secondogenito del principe Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg e della principessa Feodora di Leiningen, sorellastra maggiore della regina Vittoria del Regno Unito.

La coppia ebbe tre figli:

Leopoldina fondò l'"Associazione di Leopoldina", ed a Strasburgo, dove suo marito era stato nominato governatore dell'Alsazia-Lorena, svolse prevalentemente compiti di rappresentanza.

Morì il giorno prima della Vigilia di Natale dell'anno 1903, e venne sepolta nel cimitero di famiglia, situato a Langenburg.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Annette Borchardt-Wenzel, Die Frauen am badischen Hof. Gefährtinnen der Großherzöge zwischen Liebe, Pflicht und Intrigen, Piper Verlag GmbH München, 2003 ISBN 3-492-23696-0
  • Paul Zinsmaier, Leopoldine Fürstin zu Hohenlohe-Langenburg, in: Badische Biographien 6, a cura di A. Krieger/R. Obser, Heidelberg 1935, pp. 785 e ss.